Cremona NO al Fotovoltaico a terra SI sui tetti

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


Cremona NO al Fotovoltaico a terra SI sui tetti

Appello alla Cittadinanza- Firma anche TU !

NO al Mega impianto di fotovoltaico su terreni agricoli  SI’ al fotovoltaico sui tetti

La Fondazione Città di Cremona ha accolto l’idea di realizzare un mega parco fotovoltaico su 15 ettari di terreno agricolo di sua proprietà alle porte della città, nei pressi di Cremona Solidale. Il futuro impianto si estenderebbe dunque su 150 mila metri quadrati,  pari a 20 campi da calcio.   

In data 20 novembre 2019, in seguito ad un bando di gara, ha aggiudicato il diritto di superficie per i prossimi 30 anni ad una grande azienda privata che vi costruirebbe e gestirebbe per 30 anni l’impianto fotovoltaico ricavandone i relativi utili dovuti alla vendita dell’energia elettrica prodotta. In cambio la Fondazione riceverebbe, a progetto approvato, una cifra già precedentemente concordata.

Nell’estate e autunno scorsi, senza alcun confronto con la cittadinanza, senza coinvolgere né il Consiglio comunale né le Commissioni consigliari e senza un’istruttoria tecnica approfondita, la Giunta comunale ha dato un parere positivo di massima e solo in data 30 gennaio 2020 ha indicato alla Fondazione Città di Cremona alcune prescrizioni generiche che non cambiano la natura dell’intervento, visto che non mettono in discussione il nodo centrale: il parco fotovoltaico costruito e impiantato a terra su terreno agricolo.

Per queste ragioni, considerato che un mega impianto di fotovoltaico a terra avrebbe un impatto notevole sul piano paesaggistico, sarebbe uno scempio dal punto di vista ambientale, rappresenterebbe un  colpo alla stessa credibilità delle energie rinnovabili che devono sempre accompagnarsi a condizioni di sostenibilità e dunque costituirebbe un precedente pericoloso,  si chiede al Comune di Cremona di rivedere il proprio parere e di bocciare questo progetto prima che diventi definitivo. 

Convinti dell’importanza strategica delle fonti rinnovabili, in particolare del fotovoltaico,  per ridurre la dipendenza dell’Italia dalle fonti fossili e così contribuire a tagliare drasticamente le emissioni di CO2, sosteniamo la necessità di darci principi, regole, comportamenti responsabili e lungimiranti. In questo senso andrebbero condivisi e rispettati da ogni comunità il principio e la regola che gli impianti di fotovoltaico sono da collocare sui tetti degli edifici pubblici e privati, non su terreni agricoli.  

Tra i promotori della petizione: Legambiente circolo Vedoverde; WWF; Passione per Cremona; CreaFuturo per le energie rinnovabili; sez. cremonese ISDE-medici per l’ambiente; Salviamo il paesaggio cremonese, cremasco, casalasco; Donne Ambiente Salute; BiancoSpino; El Muroon; Forum delle idee; No Triv Lombardia; Coordinamento No autostrade Cr-Mn e TiBre; Movimento Federalista Europeo di Cremona; coordinamento cremonese Campagna nazionale “Almeno il 55%”.

Per questo diciamo NO al mega impianto di fotovoltaico a terra!

Per questo diciamo Sì al fotovoltaico sui tetti !

Per saperne di più clicca qui