APPELLO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLE SCUOLE VIBONESI

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.


Ill.me Autorità preposte alla tutela della salute e della sicurezza pubbliche,

Noi, cittadini, genitori, insegnanti, lavoratori del settore scuola, studenti,

- considerata la preoccupante rivelazione diffusa dal MIUR - Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, che, tramite il proprio sito istituzionale, afferma che a Vibo Valentia le scuole, ivi incluse quelle dell'obbligo , non sono in regola con le leggi riguardanti la sicurezza antisismica.

- preoccupati dall' allarme lanciato dal capo della Protezione Civile calabrese, Carlo Tansi che anche via stampa ha affermato che gli edifici scolastici della nostra provincia andrebbero chiusi poiché sono obsoleti e senza alcuna sicurezza.

- prendendo atto che il coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori , il Codacons, per bocca del proprio vicepresidente nazionale avv. Francesco Di Lieto ha invitato tutti i dirigenti scolastici a denunciare la mancata messa in sicurezza delle nostre scuole e a disporne la chiusura.

- viste le recenti dichiarazioni del presidente della provincia di Vibo Valentia, Andrea Niglia, che afferma che le scuole, per la carenza di interventi di manutenzione, sono ormai divenute inagibili e pericolose e che bisogna emanare, dove non sussistano più le condizioni minime di sicurezza, provvedimenti di chiusura immediata.

- allarmati dalle dichiarazioni della responsabile rete scuola di CittadinanzAttiva Calabria, Anna Maria Serratore, che afferma che nelle nostre scuole mancano i requisiti minimi di sicurezza.

- considerate le criticità ufficialmente evidenziate dagli esperti della sicurezza e dai dirigenti dei vari plessi scolastici nei documenti di valutazione del rischio, disponibili presso le sedi scolastiche, che lamentano l'assenza della quasi totalità di qualunque certificazione legalmente obbligatoria che riguardi agibilità, antincendio, abitabilità, sicurezza antisismica, verifiche periodiche estintori, collaudo degli impianti elettrici, termici, idrosanitari, messa a terra, agibilità delle scale di emergenza, etc. etc., evidenziando pure gravissimi pericoli per la sicurezza di studenti e lavoratori.

- verificata l'assenza presso gli enti proprietari delle certificazioni legalmente obbligatorie relative agli edifici scolastici, periodicamente ed insistentemente richieste senza alcun riscontro, dai dirigenti scolastici delle scuole vibonesi di ogni grado, ivi incluse quelle dell'obbligo.

- considerate le numerose denunce ed esposti già depositate da genitori responsabili presso le forze dell'ordine

CHIEDIAMO

alle vostre illustrissime Autorità:

- di obbligare gli enti proprietari degli edifici scolastici ad adeguarli con la massima urgenza alle normative vigenti, al fine di garantire, a studenti e lavoratori del settore, i diritti, tutelati dallo Stato Italiano, all'istruzione ed al lavoro in condizioni di sicurezza e legalità.

- di verificare la sussistenza dei livelli minimi di sicurezza degli edifici scolastici vibonesi, e, ove si riscontrassero gravi pericoli per l'incolumità di studenti e lavoratori che li frequentano, di disporne la chiusura, secondo quanto stabilito dalle norme vigenti, reperendo contestualmente altri locali adeguati ed a norma di legge, al fine di garantire il diritto/dovere all'istruzione.

 



Oggi: Comitato Scuole Sicure - Vibo Valentia conta su di te

Comitato Scuole Sicure - Vibo Valentia ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Al Procuratore della Repubblica - Al Prefetto di VV - Al Sindaco di VV - dott. Elio : APPELLO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLE SCUOLE VIBONESI". Unisciti con Comitato Scuole Sicure - Vibo Valentia ed 174 sostenitori più oggi.