Votiamo per un'Europa più democratica #appelloperleuropa

Votiamo per un'Europa più democratica #appelloperleuropa

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!
Antonio Baldo ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Parlamento europeo

Il pericolo di un regresso antidemocratico in Europa è reale. Il voto è lo strumento che consente a noi cittadini di scegliere partiti e persone credibili, che lo possono impedire, per costruire un futuro migliore. Alle prossime elezioni europee  partecipiamo e scegliamo con intelligenza!

APPELLO PER L'EUROPA
#appelloperleuropa

Facendo nostro l’appello della Costituzione degli Stati Uniti d’America, “Noi, cittadini (di Vicenza), allo scopo di realizzare una più perfetta unione, garantire la tranquillità interna, promuovere il benessere generale ed assicurare le benedizioni della libertà a noi stessi ed alla nostra posterità”, desideriamo esprimere una preoccupazione, alcune necessità e un impegno, in vista delle prossime elezioni europee.

La preoccupazione
Riteniamo che l’Unione Europea sia la più grande e positiva iniziativa culturale e politica della recente storia mondiale. Popoli che sono stati al centro di alcune tra le più tragiche dittature e devastanti guerre della storia hanno deciso di intraprendere un cammino di collaborazione, assicurando pace e progresso alle loro ultime tre generazioni.

Mai tutto questo era stato fatto con il metodo della democrazia.

Per quanto incompleta nella costituzione e discutibile in talune linee d’azione, è stata creata un’intelaiatura politico-istituzionale ormai imprescindibile. Smantellarla o anche solo toglierle valore significherebbe assumersi gravi responsabilità di fronte all’intera umanità.

Eppure, da qualche tempo e da crescenti soggetti politici e sociali (anche extraeuropei), viene messo in discussione il cammino verso una più stretta unione dei popoli europei.

Antistoriche e interessate spinte nazional-sovraniste attraversano l’Europa, assumendo venature razziste, possibile preludio a nuove tentazioni autoritarie.  Si tratterebbe di un ritorno a un tragico passato che va impedito con tutti gli strumenti della cultura e della politica democratica.

Le necessità
E’ necessario riscoprire i valori e le energie che hanno guidato Padri dell’Europa come Spinelli, Schuman, Monnet, De Gasperi, Adenauer, Spaak e, più recentemente, Delors, Mitterand, Kohl, Brandt, Ciampi, Prodi e altri.

Appare oggi sbiadita la capacità di coltivare grandi sogni e di operare concretamente nel lungo e difficile cammino verso la loro realizzazione. In particolare, le pressioni dei problemi economici rischiano di soffocare la costruzione politica.

Un migliore futuro trova le sue basi culturali e sociali nella conoscenza del passato, nell’energia del presente e in un progetto condiviso.

In secondo luogo - a fronte della sempre più evidente necessità di aggregazioni geo-politiche capaci di protagonismo a livello mondiale - vanno da subito superati lo sguardo corto e la perseveranza debole che caratterizzano l’azione di numerosi soggetti politici e istituzionali non solo italiani.

Pur mantenendo importanti significati, la dimensione nazionale può conservare senso solo federandosi sui piani economico, politico e culturale. La positiva definizione di storiche identità deve trovare altre e più compatibili strade di affermazione. Le inevitabili revisioni di sovranità sono analoghe a quelle che ogni cittadino mette nelle mani delle strutture democratiche già esistenti che gestiscono ogni comunità civicamente evoluta. Perché averne paura?

Certo, resta fondamentale l’aggiornamento delle istituzioni comunitarie di fronte ai nuovi problemi epocali che le hanno investite: migrazioni e sicurezza comune innanzitutto. Le possibili iniziative di riforma devono però salvaguardare quanto è stato fatto e, anzi, rilanciare lo spirito di incontro e collaborazione che ha contraddistinto le intuizioni iniziali e il cammino già percorso.

L’impegno
L’Italia appare oggi un soggetto politico situato in uno dei punti più delicati per la tenuta della casa europea. Una sua defezione o debolezza potrebbero minare l’intera costruzione. Sarebbe un delitto contro la pace e la democrazia.

E’ pertanto indispensabile che i cittadini italiani prendano piena coscienza di questa loro responsabilità, che potrebbe risultare storica. Superando narrazioni e polemiche di basso profilo e di banale interesse elettorale è innanzitutto necessario esercitare il diritto/dovere di voto, dopo aver ricercato la migliore informazione possibile.

Noi ci mettiamo a disposizione di chiunque intenda approfondire i temi in questione e assicureremo l’appoggio a ogni lista che ponga la salvaguardia e lo sviluppo dell’Europa Unita alla base della propria proposta.

Firme    

Baldo Antonio                                  Opinionista           Vicenza

Berlato Sella Giuseppe                      Sindaco                Schio

Bianchi Giovanni                              Studente               Vicenza

Biondi Zeila                                      Dirigente scolastica        Vicenza

Chisin Grazia                                  Sindacalista          Vicenza

Corazzin Antonio                              Sindaco                Vicenza

Crestani Dario                                  Giudice                Vicenza

Doro Loretta                                     Imprenditrice        Lonigo

Ferretto Giancarlo                             Imprenditore        Vicenza

Lazzaretto Alba                                Storica                 Vicenza

Leoni Alberto                                   Dirigente ULSS    Breganze

Mainardi Agostinelli Mariapia           Centro Antiviolenza       Bassano del Grappa

Pasinato Matteo                               Teologo                Vicenza

Pietribiasi Fabio                                Segretario Mov. Fed. Europeo Vicenza

Paoletto Lauro                                  Giornalista           Vicenza

Poletto Riccardo                               Sindaco                Bassano del Grappa

Poncina Carla                                   Filosofa                Vicenza

Quaresimin Marino                           Sindaco                Vicenza

Sala Giorgio                                      Sindaco                Vicenza

Spiller Maria Antonietta                    Pari Opportunità   Schio

Thiene Gaetano                                Docente Universitario  Vicenza

Turra Lucio                                       Consulente sociale          Vicenza

Veladiano Maria Pia                         Dirigente scolastica        Vicenza

Verlato  Adriano                               Libero professionista      Vicenza

Vidali Paolo                                      Filosofo                         Vicenza

     

                    

 

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!