Petizione pubblica per il risanamento dell'Ex Cartiera situata in Via Assisi 157-163

PETIZIONE CHIUSA

Petizione pubblica per il risanamento dell'Ex Cartiera situata in Via Assisi 157-163

Questa petizione aveva 451 sostenitori
Comitato Appio Tuscolano ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Ignazio Marino (Candidato Sindaco di Roma) e a

Il Comitato Appio Tuscolano, impegnato sul territorio per migliorare la vivibilita' del quartiere, da anni porta avanti una dura battaglia per il risanamento dell'Ex Cartiera situata in Via Assisi 157-163, sede ormai di spaccio, degrado e microcriminalita'. Con questa petizione, grazie alla preziosa collaborazione di tutti i cittadini, il Comitato vuole sottoporre ancora una volta, all'attenzione di tutte le istituzioni competenti, la pericolosita' della struttura, causa di preoccupazione e disagio per i residenti delle vie limitrofe. E' pressoche' impensabile accettare una situazione cosi' lampante di degrado ed illegalita' in una zona altrettanto centrale della Capitale; e' inoltre assurdo pensare che si possa vivere in condizioni talmente fatiscenti da doversi adattare in "appartamenti" ricavati all'interno di vecchi scantinati, convivendo quotidianamente con odori nauseanti, fronteggiando inoltre i pericolosi crolli ed incendi che puntualmente si susseguono all'interno dello stabile. La microcriminalita' sta diventando un problema sempre piu' tangibile anche per colpa dello spaccio di sostanze stupefacenti sempre all'interno della struttura, ed a causa delle risse notturne e delle aggressioni ai passanti a ridosso di essa. Lo scopo di questa petizione, nonche' il fine ultimo delle manifestazioni, dei sit-in e delle fiaccolate susseguitesi nel tempo per portare all'attenzione degli organi competenti il problema dell'Ex Cartiera, non e' appunto soltanto sensibilizzare chi di dovere ad intervenire prontamente per una risoluzione definitiva della problematica, ma realizzare un vero e proprio progetto a lungo termine di riqualificazione e bonifica totale dell'area. Recuperare la struttura significa consentire l'organizzazione costruttiva e prolifica degli spazi che la stessa puo' mettere a disposizione, realizzando cosi' luoghi aggregativi per giovani ed anziani; significa concretizzare, in qualsiasi ambito futuro di ricostruzione dell'immobile, progetti a carattere socio-culturali, sviluppati negli anni dal Comitato secondo le esigenze dei residenti del quartiere; significa garantire alle famiglie italiane che sono costrette a vivere all'interno, un'adeguata sistemazione in alloggi popolari; significa combattere l'illegalita', permettendo ai cittadini di far valere il loro legittimo diritto di vivere la propria casa, la propria scuola, il proprio lavoro in totale sicurezza e dignita'.

PETIZIONE CHIUSA

Questa petizione aveva 451 sostenitori

Condividi questa petizione