Topic

Trenord

3 petitions

Started 1 month ago

Petition to Luca Zaia, Attilio Fontana, Trenitalia, Trenord, Danilo Toninelli, daniele moretti, Rete Ferroviaria Italiana

Rimettiamo gli INTERREGIONALI sulla VENEZIA - MILANO

Sulla tratta Venezia- Milano, con l'introduzione dei treni Alta Velocità, sono spariti i treni Interregionali. Tutti i viaggiatori che lavorano o studiano tra la Lombardia e il Veneto sono costretti ad utilizzare per spostarsi tra le due regioni, i 2 trasporti regionali, quello Veneto gestito da Trenitalia fino a Verona Porta Nuova e quello lombardo gestito da Trenord  per la rimanente tratta. I  treni nella maggior parte dei casi si distanziano tra arrivo e  partenza di appena 6 minuti e non hanno il diritto di coincidenza obbligatoria tra loro. Con questa organizzazione basta un ritardo di appena 7 minuti per far saltare la coincidenza e allungare il viaggio di andata o ritorno verso il posto di lavoro o l'università di 1 ora, in quanto i viaggiatori sono costretti a prendere il treno successivo.Con questa petizione chiediamo  che al posto di 2 treni regionali, venga organizzato un solo treno interregionale, Venezia - Milano con le medesime fermate e tempistiche di viaggio. In particolare chiediamo un solo treno Interregionale in sostituzione dei treni Pendolari:- 2702 (Trenitalia) e 20158 (Trenord) - 20806 (Trenitalia) e  2060 (Trenord) per l'andata dei lavoratori/studenti la  mattina e -  2073 (Trenord) e 2731 (Trenitalia) -  2075 (Trenord) e 2733 (Trenitalia) per il ritorno dei lavoratori/studenti la  sera Questa soluzione porterebbe notevoli vantaggi per i passeggeri interregionali tra cui: 1) Tempi di percorrenza della tratta più affidabili e costanti.(Ad oggi solo 7 minuti di ritardo di un treno con relativa perdita della coincidenza, causano un allungamento del viaggio che varia dalla mezz'ora all'ora) 2) Maggiore sicurezza in stazione (attualmente in un ambiente molto affollato, quale i sottopassaggi e le scale della stazione di Verona Porta Nuova, si verificano calche di viaggiatori, che si spingono durante frenetiche corse tra un binario e l'altro spinti dalla paura di perdere l'unico treno in coincidenza nell'arco di breve tempo. Questi inevitabili comportamenti, dettati dal brevissimo tempo, portano a cadute in stazione). 3) Possibilità di sfruttare la riduzione del tempo attualmente calcolato per lo spostamento dei passeggeri da un treno all'altro in stazione per ridurre il tempo di percorrenza del viaggio o per recuperare i ritardi sulla linea. 4)  Miglior Benessere a bordo per tutti i passeggeri (le persone sicure di non dover più cambiare treno avrebbero la possibilità di sistemarsi per il viaggio con maggior tranquillità sui propri posti a sedere e con i bagagli negli appositi spazi. Attualmente tutti si posizionano davanti alle uscite del treno per cercare di recuperare qualche secondo utile per la corsa in stazione e non perdere la coincidenza). 

Emanuele D'agata
79 supporters
Started 2 months ago

Petition to Claudia Maria Terzi, Marco Piuri, Attilio Fontana, Giorgio Spadi, Alessandro Corbetta

Ripristino (da giugno 2019) servizio con treni sulla linea ferroviaria Carnate-Seregno.

Al Governatore della Regione Lombardia Dott. Attilio Fontana, All'Assessore ai trasporti Avv. Claudia Maria Terzi, All'Amministratore delegato di Trenord, Dott. Ing. Marco Piuri, Siamo una rappresentanza dei 523 viaggiatori che, dal 09 dicembre 2018, in seguito all'entrata in vigore del nuovo orario ferroviario invernale sono stati "costretti" ad utilizzare il servizio bus sostitutivo della linea Carnate-Seregno e/o "trasferirsi" ad altre stazione e linee ferroviarie.  La ferrovia Carnate-Seregno è una linea di 15 chilometri nel cuore della Brianza ed attraversa i paesi di Lesmo e di Macherio con due fermate poste nel centro città; essa è parte di un percorso molto più esteso che possiamo definire "Pedemontana ferroviaria lombarda" collegante Novara con Brescia, permettendo di collegare gli aeroporti di Malpensa ed Orio col solo treno. Fino al 09 Dicembre 2018, giorno del cambio orario, il servizio era basato su 28 corse feriali (dalle 06.00 alle 19.00) tra i due capilinea con un tempo di percorrenza pari a 16 minuti ed in coincidenza nelle stazioni terminali. Con l'avvento dei bus, già sperimentato dal 23 ottobre 2018 ad inizio dicembre per la (presunta) mancanza di treni, i tempi di percorrenza sono aumentati, nominalmente, a 40 minuti in quanto no esiste una strada parallela alla linea ferroviaria. Diciamo "nominalmente" perché, nella realtà, a causa del traffico la durata del viaggio sfiora sempre la soglia dei 50/55 minuti con conseguente perdita di coincidenze e ritardi sulla circolazione dei bus. Inoltre, a causa della maggiorazione del viaggio ed altri connessi, ad ora, l'affluenza media di viaggiatori al giorno è precipitata a 17/giorno dai 523/giorno del Marzo 2018. Chiediamo, per evitare che anche gli ultimi "fedelissimi" passeggeri abbandonino i bus e per rimuovere un servizio bus inutile il quale, in alcuni orari rispetto al treno, viaggia completamente vuoto di affrettare il più possibile il ritorno al servizio ferroviario sulla linea secondo l'orario in vigore fino al 09 dicembre 2018; se non sarà possibile in primavera, almeno per il cambio orario di giugno 2019 o nel settembre 2019 alla ripresa delle scuole. Chiediamo, a titolo di "richiesta", almeno 523 firme ovvero il numero di viaggiatori che eravamo (siamo) su questa linea. I "fedelissimi" della Carnate-Seregno. Ps: questa petizione è apolitica ed apartitica. 

Stefano Terenghi
556 supporters