Topic

rai

13 petitions

Started 1 week ago

Petition to RAI Radiotelevisione Italiana

Richiesta alla RAI di messa in onda fiction sulla storia del Sindaco di Riace Mimmo Lucano

Il Comitato Possibile Costa dei Gelsomini ha lanciato questa petizione alla Rai La scelta della Rai, televisione di Stato, di bloccare la messa in onda della fiction “Tutto il mondo è paese” che racconta la storia del Sindaco di Riace e del suo modello di accoglienza e solidarietà apprezzato in tutto il mondo, ci lascia sorpresi ed amareggiati. Tutto questo parte dall’interrogazione parlamentare dell’on. Gasparri di Forza Italia che ha chiesto alla Rai di sospendere la trasmissione della fiction in quanto “esalta un personaggio coinvolto in un’indagine”. Senza esprimere considerazioni sulla scelta di fare questa interrogazione, su chi la propone e neanche sulle questioni giudiziarie che devono fare il loro corso e chiarire definitivamente la situazione, non possiamo non valutare i termini reali della vicenda. L’indagine a cui si fa riferimento, come ha dichiarato lo stesso Lucano, parte da una relazione ispettiva della Prefettura di Reggio Calabria che in seguito è stata smentita da due successive relazioni ispettive effettuate dalla stessa Prefettura di Reggio Calabria, concluse entrambe con esito favorevole all’operato del Sindaco. Sicuramente il sindaco non ha seguito quella prassi documentale prevista che, a causa di lungaggini burocratiche, gli avrebbe impedito di realizzare tutto quello che oggi viene apprezzato il tutto il mondo e che persino Papa Francesco ha pubblicamente elogiato, ma l’onestà e l’impegno del sindaco non sono mai state messe in discussione da chi ha avuto modo di seguire quanto è stato realizzato a Riace in questi anni. L’attore Beppe Fiorello che ha interpretato Lucano nella fiction si esprime così: “A tutti quelli che dicono cose senza aver mai messo un piede a Riace, dico andate a conoscere di persona quest’uomo e capirete” Mimmo Lucano è una persona trasparente che lavora con dedizione e passione realizzando tutto quello che il nostro senso di umanità ritiene giusto e doveroso. Ultimamente ha dichiarato: “io e la mia famiglia viviamo in condizioni di quasi povertà, i premi in denaro che mi sono stati conferiti in Italia ed in Europa sono stati da me devoluti in beneficienza e non ho voluto nulla per autorizzare la Rai ed il produttore a realizzare una fiction che ha come protagonista la mia persona”.  Ecco chi è Mimmo Lucano! Tutto quello che sta avvenendo in questo momento è assolutamente vergognoso! Si vuole trovare qualcosa per dimostrare che il modello Riace non va bene per far continuare i progetti di falsa accoglienza che lucrano sui migranti. Chiediamo alla Rai che dimostri di essere scevra dalle imposizioni politiche e dalla propaganda imperante contro l’accoglienza, perché vogliamo che i nostri figli crescano educati alla solidarietà,  al rispetto degli altri uomini ed al valore della vita umana. La proiezione di una fiction può sembrare una questione poco rilevante ma in questo momento in cui il modello Riace potrebbe scomparire a causa del blocco dei finanziamenti, è un messaggio importante che potrebbe veicolare la volontà dei cittadini di sostenere questo esempio positivo e virtuoso.

Comitato Possibile Costa dei Gelsomini
2,167 supporters
Started 2 months ago

Petition to Rai , Mediaset, Mario Orfeo, Pier Silvio Berlusconi

LA COMPAGNIA TEATRALE DIALETTALE DE I LEGNANESI IN TV!!

In occasione dei 70 anni della compagnia de "I LEGNANESI" (nel 2019); il fan club vorrebbe lanciarli in Televisione, magari facendo vedere la "macchina del teatro" il dietro le quinte, gli spettacoli, la storia della compagnia  che ,dal 1949 con i fondatori Felice Musazzi e Tony Barlocco, calca i palcoscenici di tutta Italia e che fa numeri da TUTTO ESAURITO!! La storia della compagnia dialettale teatrale de I LEGNANESI: I Legnanesi è una compagnia teatrale italiana che recita commedie in dialetto legnanese. È l'esempio più celebre di teatro en travesti in Italia. Nei loro spettacoli comici gli attori propongono al pubblico figure satiriche della tipica corte lombarda. Fondata a Legnano nel 1949 da Felice Musazzi (La Teresa), Tony Barlocco (La Mabilia) e Luigi Cavalleri (Il Giovanni), è tra le compagnie più note del panorama teatrale dialettale europeo. Le origini de I Legnanesi affondano nel secondo dopoguerra, quando tre metalmeccanici della Franco Tosi, Felice Musazzi, Tony Barlocco e Luigi Cavalleri, iniziano a recitare in spettacoli teatrali in dialetto legnanese in un circolo della parrocchia di Legnarello, quartiere di Legnano. In questi anni negli oratori della Diocesi di Milano era vietata la partecipazione di attrici donne e quindi i tre decisero di recitare i loro spettacoli en travesti. Infatti, essendoci solo interpreti uomini, e dovendo recitare anche ruoli femminili, i tre attori, per poter recitare le loro commedie, dovettero necessariamente travestirsi. Nei loro spettacoli i tre proponevano figure satiriche dei cortili lombardi dell'epoca. Questo, assieme ad alcuni elementi di autoironia sul proprio lavoro diurno, aumentò la dose di comicità dei loro spettacoli. Nei primi anni di attività teatrale i tre continuarono infatti a lavorare di giorno alla Franco Tosi e ad esibirsi nei teatri la sera. Gli attori de I Legnanesi, in origine, non erano quindi attori professionisti, né avevano frequentato scuole di teatro. Tony BarloccoLa svolta ci fu però nel 1949. Con lo spettacolo E un dì nacque Legnarello, rappresentato l'8 dicembre nel teatro dell'oratorio del quartiere legnanese, la piccola compagnia teatrale dilettante si trasformò in un gruppo stabile che iniziò ben presto a rappresentare le proprie commedie, grazie al successo ottenuto, in altre sale teatrali lombarde. Musazzi, oltre recitare, scriveva anche i testi delle commedie. Il primo spettacolo importante per la storia della compagnia fu quello recitato al teatro Villoresi di Monza nel 1955, mentre il vero primo grande successo fu quello conquistato al teatro Odeon di Milano nel 1958. Dopo questi spettacoli per I Legnanesi fu un successo crescente, sia di pubblico che di critica. La compagnia iniziò anche ad esibirsi fuori dalla Lombardia ricevendo plausi da vari personaggi dello spettacolo come Luchino Visconti, Federico Fellini, Wanda Osiris e Giorgio Strehler. Fuori dalla Lombardia recitarono, ad esempio, anche al teatro Ariston di Sanremo, a "La Bussola" di Viareggio e, senza fortuna, al teatro Sistina di Roma. La compagnia organizzò una tournée in Argentina. In questo contesto Musazzi e Barlocco debuttarono sul grande schermo grazie ad una partecipazione nel film Splendori e miserie di Madame Royale (1970) di Vittorio Caprioli, dove interpretavano il ruolo di due travestiti. I Legnanesi sbarcarono anche in televisione grazie all'emittente legnanese Antennatre e TeleAltoMilanese. Tony Barlocco nei panni di MabiliaNel 1986 la morte di Tony Barlocco decretò la temporanea interruzione delle attività teatrali della compagnia. Musazzi era infatti tentato dal ritiro dalle scene, ma decise di riproporre gli spettacoli senza Mabilia per l'insistenza del pubblico, che chiedeva il ritorno sul palco della famiglia Colombo. L'ultima commedia de I Legnanesi di Musazzi e Barlocco, Va là tramvai (1988) , non andò però in scena a causa dei problemi di salute di Musazzi. Nel 1989 la sua morte mise la parola fine alla compagnia storica. Dopo la scomparsa dei due fondatori, le strade degli attori de I Legnanesi si divisero per alcuni anni. Parte degli attori rimase infatti ne I Legnanesi ad interpretare commedie completamente differenti da quelle di Musazzi e Barlocco, mentre gli altri componenti fondarono, nel 1998, la "Compagnia teatrale Felice Musazzi", che invece continuò a presentare al pubblico le vicende della famiglia Colombo. La prima compagnia teatrale era diretta dagli eredi di Barlocco, mentre la seconda da Sandra Musazzi, figlia di Felice. Nel 2004 le due compagnie si sono fuse in un'unica compagnia teatrale che ha ripreso lo storico nome. Nel 2008 I Legnanesi sono stati protagonisti di 10 puntate della sit-com televisiva Casa Colombo, che è stata trasmessa da Antenna 3, mentre nel 2011 la famiglia Colombo è stata impegnata sui circuiti nazionali di 7 Gold in un telegiornale comico dal titolo "Cünta su Teresa", dove venivano raccontati piccoli episodi della vita quotidiana lombarda. Nella stagione teatrale 2012/2013 la compagnia ha realizzato una serie di spettacoli in crociera nel Mediterraneo sulla Costa Luminosa. Altri teatri in cui la nuova compagnia ha recitato sono il teatro Colosseo di Torino, il teatro Verdi di Firenze, il teatro Romolo Valli di Reggio nell'Emilia ed il teatro Sistina di Roma. I loro spettacoli sono stati trasmessi anche da Rai 2,Rai 3 e Rai 5 Per ricordare Felice Musazzi la città di Legnano ha edificato di fronte al Tribunale cittadino una grande maschera bronzea con il volto della "Teresa" e gli ha dedicato una via del centro cittadino. WWW.ilegnanesi.it 

Alessandro Leoni
170 supporters