Topic

Giustizia Legale

12 petitions

Update posted 1 week ago

Petition to Sergio Mattarella, Andrea Orlando

#PietroPalauLibero

[ITA] Pietro Palau Giovannetti è stato illegalmente arrestato il 28.10.2017 su ordine della Procura Generale di Milano, che ha emesso nei suoi confronti un cumulo di pene ammontanti ad oltre 10 anni di carcerazione, di cui 5 anni e 21 giorni residui da espiare in prigione, sebbene trattasi di fatti risalenti agli anni ‘90 del secolo scorso, ampiamente prescritti e/o abrogati e/o indultati, aventi ad oggetto reati bagatellari e di opinione derivanti dalle sue stesse denunce rimaste inesaminate e dai suoi articoli giornalistici sul vasto fenomeno della corruzione giudiziaria e sul racket dei fallimenti e delle aste giudiziarie. 
Pietro si batte da oltre 30 anni per il rispetto dei diritti umani e della legalità contro tutte le mafie, con riconoscimenti internazionali, quali quello della Fondazione Kennedy of Europe, che lo ha indicato come “eroe locale”, paragonando la sua figura a quella di Vera Stremkovskaya, avvocatessa bielorussa perseguitata dalla magistratura di regime per le sue battaglie in difesa dei soggetti più deboli. Manuale dove vengono indicati gli eroi di ieri e di oggi che stanno cambiando il mondo con mezzi pacifici.(vai al link)Pietro non ha mai in effetti commesso alcun reato, limitandosi a svolgere la sua attività di human rights defender, denunciando i casi portati a conoscenza dell’Associazione e le collusioni tra politica, mafia, affari, massoneria e poteri deviati dello Stato.
A distanza di oltre 25 anni è stato arrestato in base ad una sentenza di fallimento di una piccola ditta di cui era titolare per fatti risalenti al 1992 per l'esigua somma di un milione di vecchie lire (516 euro!), dopo aver rifiutato un assegno di un miliardo e mezzo di lire che consegnava all’ ex P.M. Di Pietro, denunciando il tentativo di comprarne il silenzio per mettere a tacere i suoi esposti nei confronti dei più alti vertici della Guardia di Finanza (Generale Giuseppe Cerciello) e del Tribunale di Milano ( Presidente vicario Diego Curtò). Denunce che diedero impulso al movimento di “mani pulite”, raccogliendo oltre 250.000 firme in tutta Italia a sostegno della lotta alla corruzione e della magistratura antimafia. 
Attualmente Pietro dopo essere stato per oltre due mesi illegalmente detenuto nelle prigioni-lager di Korydallos (Grecia) e un mese nel Centro Clinico di Rebibbia, si trova nel Carcere di Rieti, nonostante abbia fatto richiesta di essere estradato a Milano, dove vive la sua famiglia e dove svolge le sue attività associative da oltre 30 anni. La sua estradizione a cui lo stesso non si è mai opposto, sin dal 28.10.17 è stata dilatoriamente rinviata senza alcuna motivazione, nonostante avesse manifestato l’intendimento di fare al più presto rientro a Milano per partecipare al proprio processo di rinvio a seguito dell’accoglimento del suo ricorso da parte della Cassazione che con sentenza 13.7.17 ha disposto un nuovo processo per l’annullamento delle sentenze prescritte e/o abrogate.Si tratta di una evidente azione ritorsiva da parte di settori incontrollati della magistratura che intendono porre in essere una preordinata persecuzione nei suoi confronti per aver denunciato senza sosta i mali della giustizia italiana.
Non vi è chi non veda che a distanza di 25 anni l'esecuzione della pena non abbia più alcun senso né finalità rieducativa.
Oggi la vita di Pietro è in pericolo, ciò nonostante, gli viene immotivatamente negata qualsiasi misura alternativa al carcere, neanche fosse un pericoloso delinquente o mafioso.
Chiediamo la tua solidarietà per spezzare il silenzio della stampa di regime e affinché uno dei più eclatanti casi di malagiustizia in Italia non resti impunito. 
Ti invitiamo a sottoscrivere la petizione per l'immediata liberazione di Pietro e l'accoglimento della domanda di grazia da parte del Presidente della Repubblica.
Sostenendo Pietro sostieni la Giustizia!
 Pietro ha speso la sua vita per difendere i più deboli. Oggi è il momento di sostenere lui! Per saperne di più: Intervista audio di Pietro vai al linkTesto intervista audio di Pietro: vai al link2° Domanda di Grazia: vai al link Nota 2° Domanda di Grazia 2017: vai al linkDiniego 1° Domanda di Grazia 2014: vai l linkDomanda di Grazia 2014: vai a link Link delle associazioni fondate da Pietro: http://movimento.perlagiustizia.org/robinhoodhttp://avvocatisenzafrontiere.it Sito Personalehttp://www.pietropalau.it   --- [EN]Pietro Palau Giovannetti was illegally arrested on 10/28/2017 on the orders of the Milan General Attorney, which issued a total accumulation of over 10 years, including 5 years and 21 days of imprisonment to be expiated, for misdemeanors, dating back to the 90s, widely prescribed and / or repealed and / or indulted.Peter is currently detained in very hard conditions without frames at the windows and without heating in the Greek prison of Koridallos, awaiting extradition, despite being seriously ill.Pietro has been fighting for 30 years for the respect of human rights and legality legality against all mafias, with international recognition, such as that of the European Kennedy Foundation, which has shown him as a "local hero", comparing his figure to that of Vera Stremkovskaya, a Belarusian lawyer persecuted by the regime judiciary for her battles in defense of the weaker subjects. Booklet showing the heroes of yesterday and today who are changing the world with pacific means. (link) He was arrested on the basis of a bankruptcy for a small company he owned before becoming a human rights activist for events dating back to 1992 for the small sum of one million old lire (516 euros!), After refusing an allowance of a billion and a half lire that he delivered to the General Attorney Di Pietro, denouncing the attempt to buy his silence to silence his legal actions against the highest levels of the Guardia di Finanza (General Giuseppe Cerciello) and the Court of Milan (President Vicar Diego Curtò). Complaints that gave impulse to the movement of "clean hands", collecting over 250,000 signatures throughout Italy to support the fight against corruption and the anti-mafia magistracy.Currently Pietro, although gravely ill, has been illegally detained in the prison camps of Korydallos (Greece) in the past two months, being delayed postponed without any reason for his extradition to which he has never opposed, since 28.10.17, expressing his intention to return to Milan as soon as possible to participate in his referral process following the acceptance of his appeal by the Court of Cassation, which, with sentence 13.7.17, ordered a new trial for the annulment of the sentences prescribed and / or repealed.This is a clear retaliation by uncontrolled sectors of the judiciary who intend to put in place a pre-ordered persecution against him for having denounced relentlessly the evils of Italian justice.It is evident to all that, after 25 years, the execution of the sentence no longer has any meaning or re-educational purpose.Today, Pietro's life is in danger - and, in spite of this, he is unjustifiably denied any alternative measure to prison, not even a dangerous criminal or mafia.We ask for your solidarity to break the silence of the regime press and so that one of the most striking cases of malagiustice in Italy does not go unpunished.We invite you to sign the petition for the immediate release of Pietro and the acceptance of the request for pardon by the President of the Republic.Please support Pietro and justice.Pietro has spent his life to defend the weakest. Today is the time to support him! To know more: Pietro's audio interview: go to the linkText of Pietro's audio interview: go to the link 2nd Question of Grace 2017: go to the linkNote 2 ° request for pardons 2017: go to the linkDisclaimer 1st Application for Grace 2014: go to the linkApplication for Grace 2014: go to the link Link associations founded by Pietro:http://movimento.perlagiustizia.org/robinhoodhttp://avvocatisenzafrontiere.it Personal Websitehttp://www.pietropalau.it  

Movimento per la Giustizia Robin Hood
5,325 supporters
This petition won 4 months ago

Petition to Presidente della Repubblica, a tutti voi

Liberate Carmine Sciaudone

Bali – Indonesia- succede Sono Gaetano Sciaudone, di Latina, padre di Carmine di anni 34. Carmine parti per Bali isola dei suoi sogni, per contro  Arrestato dall’immigrazione il 22 maggio 2016 a bordo di una imbarcazione denominata “DRAGON 130” dove era andato, invitato, una sera, è stato accusato, ingiustamente, che stava lavorando. Per divertimento sistemava un proiettore, come chiestogli. Trasferito in carcere, assolto il 17 novembre 2016 dopo aver subito un lungo e regolare processo, dichiarato libero, nello stesso giorno è stato arrestato e detenuto nuovamente dall’Immigrazione di Bali, in attesa di processo di appello, come chiesto dalla P.M. contro il verdetto di assoluzione. Si pensi che la P.M. ,per detto presunto reato di lavoro aveva chiesto 2.6 anni di carcere e 200 milioni di rupie di multa! Sono più di nove mesi che Carmine è detenuto e non si sa ancora per quanto e non ci si spiega perché debba essere detenuto, il tutto perché, secondo loro, stava lavorando, quella sera su quella barca. E’ ASSURDO Nella speranza che possa servire, dopo aver pazientemente atteso, ora vi chiedo di sottoscrivere la presente PETIZIONE. LIBERATE CARMINE Latina 25-03-2017, giorno del mio compleanno classe 1950 Gaetano Sciaudone Aggiungo: Non ho inteso offendere nessuno, tantomeno le autorità indonesiane, alle quali mi rivolgo sempre con il dovuto rispetto. Questi sono i fatti accaduti. ____________________________________________________________ FREE CARMINE SCIAUDONE My name is Gaetano Sciaudone, from Latina, Italy. I am the father of Carmine, 34 years old. Carmine left for Bali, the island of his dreams, but…. He was arrested by the Immigration Department on 22 May 2016 while aboard a boat called Dragon 130, where he had gone as an invited guest one evening. He was then accused, unfairly, of working. To lend a hand, he had been helping set up a projector as asked. He was transferred to prison, absolved on 17 November 2016 after a long and regular trial and declared free to go. He was then re-arrested that same day and held again by the Immigration Dept. in Bali to await an appeal, as requested by the District Attorney, against the absolution verdict. It is believed that the District Attorney had asked for a sentence of 2.5 years imprisonment and a fine of 200 million rupia! Carmine has been in detention now for over nine months and we still do not know for how much longer  nor why he should be in detention, for the reason they give, that he had been carrying out work that evening on that boat. This is absurd In the hope that it may in some way help, and having waited patiently, I now ask you to sign this petition. It is in no way my intention to offend anyone, much less the Indonesian authorities, to whom I turn with the utmost respect. These are the facts as they happened. FREE CARMINE Latina 25/03/2017, my birthday in 1950.

Gaetano Sciaudone
21,251 supporters
This petition won 1 year ago

Petition to ANAC , Consiglio di Stato

IL PROJECT MANAGER NELLA PA: FORZA ANAC!

Finalmente nelle Linee Guida Attuative di ANAC, sul nuovo Codice degli Appalti, viene dichiarato che il Rup (Responsabile unico di Procedimento) deve possedere adeguate competenze di Project Management. E visto come ultimamente sono stati mal gestiti alcuni importanti progetti pubblici (Sa-Rc, Mose, Tav, ecc..) dovremmo tutti, come cittadini, essere in pieno accordo. Ma alcune grandi aziende private (o presunte tali) stanno premendo affinché tale volontà di ANAC venga messa momentaneamente da parte. Non è di certo difficile immaginare chi possa davvero avere paura di una buona e "trasparente" pianificazione e controllo delle opere pubbliche. ASSIREP ha quindi deciso di lanciare questa petizione pubblica per far sentire alta la voce della cosiddetta "società civile", supportando ANAC in questa iniziativa e raccogliendo le firme di tutti coloro che credono nella bontà del Project Management. Siamo in tanti e non possiamo permettere che poche, e spesso squalificate, realtà aziendali o le solito ..corporazioni ostile al cambiamento si mettano di traverso per impedire la attuazione di quella che potrebbe essere una vera e propria rivoluzione copernicana nel mondo della gestione dei progetti pubblici. Lo diceva anche Gaber "Libertà è partecipazione!". Quindi, per lasciare questo mondo un po' meglio di come lo abbiamo trovato (B. Powell), apponi anche la tua firma. I firmatari di questa petizione chiedono quindi: 1) Che venga fatto salvo, nelle Linee Guida Attuative in oggetto, le specificazioni secondo le quali il RUP, per determinate tipologie di Procedimento/Progetto, debba svolgere il ruolo professionale di vero e proprio "Project Manager", secondo l'accezione del termine internazionalmente condivisa;2) Che il Rup->Project Manager dimostri il possesso di adeguate competenze professionali di Project Management attestabili attraverso "Qualifica";3) Che il Rup->Project Manager ottemperi all'obbligo della formazione permanente e dell'aggiornamento professionale così come previsto dalle leggi e dalle norme nazionali. Si chiede inoltre che tutte le osservazioni o note che arrivino ad Anac o al Consiglio di Stato, in ottemperanza alle leggi sulla trasparenza e sul diritto di accesso agli atti, vengano messe in chiaro ai pubblici cittadini così come già avvenuto per tutte le osservazioni alle Linee Guida Attuative giunte ad Anac entro i tempi previsti per la consultazione pubblica.  Grazie ------ TESTO DELLE LINEE GUIDA ANAC ------ Le Linee Guida in bozza si possono visionare a questa pagina   In particolare i paragrafi che ci interessano sono: "1.3. In ogni caso, a prescindere dall’importo del contratto, si prevede che per i lavori di particolare complessità il RUP debba possedere, oltre ai requisiti di cui alla lettera c), la Qualifica di Project Manager, essendo necessario enfatizzare le competenze di pianificazione e gestione dello sviluppo di specifici progetti, anche attraverso il coordinamento di tutte le risorse a disposizione, e gli interventi finalizzati ad assicurare l’unitarietà dell’intervento, il raggiungimento degli obiettivi nei tempi e nei costi previsti, la qualità della prestazione e il controllo dei rischi. Per lavori di particolare complessità si intendono tutti quei lavori:1) ad elevato contenuto tecnologico; 2) di significativa innovatività; 3) da svolgersi in particolari circostanze ambientali, climatiche, geologiche (ad esempio in aree sismiche, zone soggette ad alluvioni, zone con particolari caratteristiche orografiche) 4) aventi ad oggetto la costruzione, la manutenzione o la ristrutturazione di beni ambientali e culturali, anche nel sottosuolo  1.2. Il RUP è in possesso di una specifica formazione professionale soggetta a costante aggiornamento, commisurata alla tipologia e alla complessità dell’intervento da realizzare. Le stazioni appaltanti devono inserire, nei piani per la formazione, specifici interventi rivolti ai RUP, organizzati nel rispetto delle norme e degli standard di conoscenza Internazionali e Nazionali di Project Management, in materia di pianificazione, gestione e controllo dei progetti, nonché in materia di uso delle tecnologie e degli strumenti informatici."    ----- AZIENDE CHE PATROCINANO LA PETIZIONE ------ Petizione promossa da: ASSIREP - Ass. It. Responsabili ed Esperti di Gestione progetto www.assirep.it Con il patrocinio gratuito di:- Ad Meliora . www.admeliora.net- Aicq - Ass. It. Cultura e Qualità - http://aicqna.it/- Aicq Sicev - http://aicqsicev.it/- Aiic - Ass. Intern.Interpreti di Conferenza - www.aiic.it- Arkytec - project&costruction  management - www.arkytec.com- Bushido Consulting - http://www.bushidoconsulting.com/- Dpo - Data Processing Organization - www.dpo.it- Future People - http://www.futurepeople.biz- KP.Net - https://www.kpnet.it- Nextarget - www.nextarget.it- Project Manager Sicilia - http://www.projectmanagersicilia.org- Sintesys - www.sintesys-solutions.cloud- Stargate Consulting - http://www.stargateconsulting.it (Se la tua azienda è interessata ad aggiungere il proprio nominativo alla lista di cui sopra, ti preghiamo di comunicarlo a presidente@assirep.it)

Eugenio Rambaldi
1,061 supporters