Topic

giovani

4 petitions

Update posted 4 weeks ago

Petition to Magnifico Rettore Ferruccio Resta, Presidi delle Scuole del Politecnico di Milano, Maria Cristina Messa

Esami a distanza garantiti al Politecnico di Milano

[AGGIORNAMENTO] Il Magnifico Rettore ha finalmente mandato la comunicazione (molto confusa) e ha confermato tutto quello che pensavamo. Ha aggiunto solamente che provvederanno a fornire un rimborso parziale ai fuori sede (e probabilmente si affideranno all'ISEE 2021, che si riferisce al reddito pre-pandemia!). Questo per noi non è accettabile! #EsamiOnlinePolimi A nome di tutti gli studenti di tutti i Corsi di Laurea del Politecnico di Milano che firmano questa petizione: [ENGLISH BELOW] Senza mai ricevere una comunicazione ufficiale, ci è stato detto che gli esami al Politecnico di Milano verranno svolti in presenza. Gli studenti che non potranno venire in presenza dovranno presentare un'istanza a ogni singolo professore (come istanza andrà bene la mail? la leggeranno mai questa mail?).  A tre settimane dall'inizio della sessione estiva, queste (non) comunicazioni sono molto gravi dato che gli studenti e i professori si sono organizzati per svolgere gli esami a distanza. Molti studenti infatti hanno disdetto gli affitti e molti non hanno neanche le disponibilità economiche/organizzative di venire a Milano.  Mancano inoltre molte informazioni. Chi potrà fare l'istanza al professore? (Già c'è chi parla di certificato medico; se uno ha avuto un contatto con persona positiva Covid che dovrà fare?). I professori saranno obbligati a garantire le stesse modalità di esame a chi è a distanza e a chi è in presenza? Ci sarà equità tra chi ha fatto un esame in modalità a distanza nel primo semestre e ora? Gli scritti in presenza verranno fatti al PC per "sicurezza" in pandemia? Se sì, come si potrà fare un esame al PC quando in molte aule mancano le prese? Noi siamo d'accordo con cercare di tornare alle condizioni pre-Covid, ma vogliamo che il Politecnico garantisca a tutti gli studenti le condizioni per poter svolgere gli esami in sicurezza e tranquillità. Quindi proponiamo di integrare nelle iscrizioni agli esami dei Servizi Online una scelta multipla che permetta allo studente di scegliere la modalità preferita di svolgimento dell'esame e che rimanga la possibilità di scegliere fino a poche ore prima della scelta dell'esame. Inoltre vogliamo pari opportunità negli esami a distanza e in presenza! ✊✊ [ENGLISH] [UPDATE] The Rector of Politecnino di Milano has confirmed all the informations that we had. He has only added the possibility to give a partial refund for the student who have to come and stay for few days in Milan. This is not acceptable for us! #EsamiOnlinePolimi On behalf of all the students of every course who sign this petition: We never received an official communication and we have been told that at Politecnico di Milano the exams will be only carried out in presence. The students who cannot be in presence will have to send an official communication to every single professor (will be the email enough?). The international students will have to send a single email to the Dean of the school, which is already enough! These (non) communications only three weeks before the exam session are extremely nonacceptable by the students and the professors that were organized to do the exams in distance. Many students have cancelled out their rents and many others do not have the possibility to come to Milan due to economical and organizational reasons. There are also many informations missing. What are the reasons which will make the professors decide if a student can do the exam from home? (There are some professors who are talking about certifications signed by a doctor; if a student has a contact with a person which is Covid-positive, what has he/she to do?). Are the professors going to give the same opportunities to the students at home as the students in class and vice versa? Is there going to be equivalence for the exams done in the first semester? We agree to try to go back to the normal life pre-Covid, but we want that Politecnico gives the opportunity to give all exams in safety and tranquillity. So, we propose to give the choice between exam in presence or distance directly on the online services of the Politecnico website and that this choice can be changed till few hours before the exam. Also, we want that the exams in presence and in distance are equal in difficulty and modality! ✊✊

Studenti di Ingegneria Chimica - I anno LM
17,232 supporters
Started 1 year ago

Petition to Mario Draghi, Maria Cristina Messa, Mario Draghi, Maria Cristina Messa, Roberto GUALTIERI

Fuorisede: opportunità o costo? Maggiori garanzie per gli studenti fuorisede

Petizione a favore del Diritto allo Studio Universitario e della tutela degli studenti fuorisede [english version below] A cosa serve questa petizione... Con questa petizione, i cui punti sono indirizzati ai singoli organi di competenza, chiediamo che si prendano provvedimenti urgenti a favore del Diritto allo Studio Universitario e, soprattutto, a favore di una categoria particolarmente colpita dall’emergenza Coronavirus e dalla conseguente crisi economica: gli studenti fuorisede. Nello specifico, chiediamo interventi volti ad ammortizzare il costo degli affitti, tanto di appartamenti privati, quanto di residenze universitarie. Richiediamo, inoltre, chiarezza sull’imminente sessione d’esami. Di seguito i nostri punti: se li condividi, firma la petizione e falla girare! Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’Economia e delle Finanze ed alla Conferenza Stato-Regioni chiediamo: Centralità del Diritto allo Studio Ribadiamo la centralità del DSU, soprattutto in un momento di crisi economica, oltre che sanitaria, che causerà un impoverimento netto della popolazione; chiediamo quindi che vengano prese misure per prevenire l’abbandono degli studi da parte dei meritevoli ma privi di mezzi: l’aumento del Fondo Integrativo Statale (FIS) per l’anno corrente è una misura positiva, alla quale sarà necessario dare seguito negli anni successivi. Nondimeno, riteniamo che ulteriori misure, quali borse a supporto degli studenti in condizioni economiche disagiate, misure straordinarie rivolte a coloro che risultano particolarmente colpiti dal Coronavirus e un ripensamento dei parametri di accesso alla borsa DSU vadano considerate e introdotte tempestivamente. Sostegno agli studenti fuorisede domiciliati in appartamento La gran parte degli studenti fuorisede domiciliati in appartamenti privati sta, ad oggi, pagando il canone d’affitto per un servizio di cui non può usufruire. La crisi economica da Coronavirus porterà non solo ad un impoverimento netto delle famiglie, ma anche ad una mancanza di liquidità - impossibilità di far fronte a tutte le spese correnti, vista la riduzione significativa, per taluni mancanza, di reddito - e a tal proposito: • Contro l’impoverimento netto: chiediamo un’estensione del credito d’imposta per gli affitti degli appartamenti dei fuorisede; •  Contro la mancanza di liquidità: richiediamo che, sotto garanzia del Governo o di altri organi competenti, vengano erogati prestiti a tassi agevolati agli studenti universitari, o alle loro famiglie, così da consentirgli di pagare gli affitti degli immobili e la restante parte delle tasse universitarie. Il piano di rientro di tali prestiti dovrà essere, per quanto possibile, personalizzabile nelle rate e nella durata.  Queste misure sono, a nostro avviso, estremamente urgenti e necessarie.  Sostegno agli studenti fuorisede domiciliati in residenze universitarie In eguale difficoltà versano gli studenti fuorisede che alloggiano in Residenze Universitarie. Da un lato, chi è dovuto rientrare presso la propria abitazione non sta usufruendo del servizio: per questi studenti, chiediamo sia data indicazione ai gestori di ridurre la retta della residenza proporzionalmente al periodo di mancata fruizione, mettendo eventualmente a disposizione degli studenti l’importo se già versato. Dall’altro, vi sono gli studenti che non sono riusciti a far rientro presso la propria residenza anagrafica prima del lockdown - le cui motivazioni risultano molteplici - e per i quali chiediamo tutela attraverso una riduzione della rata ove ne sussistano presupposti validi. A completamento, riteniamo fondamentale la dilazione delle scadenze per il pagamento di questi importi, almeno fino alla fine di giugno. Al Ministero dell’Università e della Ricerca chiediamo: Informazioni circa l’organizzazione della didattica nel prossimo semestre Richiediamo che il MUR dia indirizzo alle Università di mantenere la modalità blended o di mantenere attivi i servizi informatici al fine di garantire agli studenti più tutele in caso di ulteriore quarantena di alcune zone del nostro paese. Inoltre, richiediamo venga dato indirizzo alle università di comunicare agli studenti il prima possibile le modalità d’erogazione della didattica nel prossimo semestre a tutti gli studenti. Per molti studenti fuori sede, infatti, la scelta di rinnovare il proprio contratto d’affitto o di richiedere un posto in residenze universitarie è subordinata alla necessità di dover frequentare fisicamente le lezioni: conoscere la modalità d’erogazione prima dell’estate permetterebbe agli studenti di organizzarsi con congruo anticipo. Tale provvedimento andrebbe anche incontro alla necessità, più volte manifestata dal Ministro della Salute, di limitare al massimo gli spostamenti; resi ulteriormente ardui dalla drastica riduzione dei flussi di trasporto pubblico interregionale. Maggior chiarezza in merito agli esami di profitto Diverse Università Italiane oggi si ritrovano nell’impossibilità di poter garantire lo svolgimento degli esami di profitto, in particolar modo degli scritti, causando un rallentamento della carriera dello studente. Nel corso delle ultime settimane, la risposta da parte del sistema universitario è stata lenta e disomogenea. Alcuni Atenei hanno organizzato in autonomia metodi di verifica alternativi, mentre altri hanno atteso di ricevere linee guida uniformi dal MUR. La maggior parte di essi, comunque, a pochi giorni dall’inizio della sessione estiva non ha ancora reso note le proprie modalità d’esame. A tal proposito chiediamo un intervento tempestivo, garantendo autonomia ai singoli Atenei in merito alle modalità ritenute più adatte, delineando linee guida nazionali e mettendo a disposizione di tutti le migliori soluzioni già in funzione. Se sei d'accordo con quanto stiamo chiedendo, aiutaci anche tu: firma la petizione.Fai girare questo messaggio! Unilab Svoltastudenti, Confederazione degli Studenti   ENGLISH VERSION Petition in favor of the Right to University Education and the protection of off-site students What is this petition for... With this petition, in the points which are addressed to the individual bodies of competence, we ask that urgent measures be taken in favor of the Right to University Education and, above all, in favor of a category particularly affected by the Coronavirus emergency and the consequent economic crisis: off-site students. Specifically, we ask for interventions aimed at amortizing the cost of rents, both for private apartments and for university residences. We also request clarity on the upcoming exam session. Here are our points: if you share them, sign the petition and let it run! We ask the Presidency of the Council of Ministers, the Ministry of Economy and Finance and the State-Regions Conference: Centrality of the Right to Education We reiterate the centrality of the DSU, especially in a time of economic crisis, as well as health crisis, which will cause a net impoverishment of the population. We therefore ask that measures be taken to prevent the deserving but lacking-in-means of abandoning studies: the increase in the State Integrative Fund for the current year is a positive measure, which will need to be followed up in the following years. Nevertheless, we believe that further measures, such as scholarships to support students in difficult economic conditions, extraordinary measures aimed at those who are particularly affected by the Coronavirus and a rethinking of the parameters of access to the DSU scholarship should be considered and introduced promptly. Support for non-resident students domiciled in the apartment To date, most non-resident students domiciled in private apartments are paying the rent for a service they cannot use. The economic crisis caused by Coronavirus will lead not only to a net impoverishment of families, but also to a lack of liquidity - inability to meet all current expenses, given the significant reduction of income - and in this regard: • Against net impoverishment: we ask for an extension of the tax credit for rents of off-site apartments; • Against the lack of liquidity: we request that, under government guarantee, loans at subsidized rates be provided to university students, or their families, so as to allow them to pay the rents of the properties and the rest of the tuition fees. The repayment plan of these loans must be, as far as possible, customizable in installments and in duration. These measures are, in our opinion, extremely urgent and necessary. Support for non-resident students domiciled in university residences Non-resident students who stay in university residences are in equal difficulty. On the one hand, those who have had to return to their home are not taking advantage of the service: for these students, we ask the managers to be given an indication of reducing the tuition fee in proportion to the period of non-use, possibly making the amount available to students if already paid. On the other hand, there are students who have not been able to return to their personal residence before the lockdown - whose motivations are multiple - and for which we ask for protection through a reduction in the installment where valid conditions exist. To complete it, we consider the extension of the deadlines for the payment of these amounts to be fundamental, at least until the end of June. To the Ministry of University and Research we ask: Teaching information and organization for the next semester We request that the MUR instruct the universities to maintain the blended mode or to keep the IT services active in order to guarantee students more protection in case of further quarantine in some areas of our country. In addition, we request that universities be given an address to communicate to students as soon as possible the methods of teaching-delivery in the next semester to all students. For many off-site students, in fact, the choice to renew their lease or to request a place in university residences is subject to the need to physically attend the lessons: knowing the method of delivery before summer would allow students to organize with adequate advances. This measure would also meet the need, repeatedly expressed by the Minister of Health, to limit travel as much as possible; further made difficult by the drastic reduction of interregional public transport flows. Greater clarity regarding exams Several Italian universities today find themselves unable to guarantee the performance of the exams, especially the writings, causing a slowdown in the student's career. Over the past few weeks, the response from the university system has been slow and uneven. Some universities independently organized alternative verification methods, while others waited to receive uniform guidelines from the MUR. Most of them, however, a few days before the start of the summer session have not yet disclosed their examination procedures. In this regard, we ask for prompt intervention, guaranteeing autonomy to the individual universities with regard to the methods deemed most suitable, outlining national guidelines and making available to all the best solutions already in operation. If you agree with what we are asking, help us too: sign the petition, share this message!! Unilab Svoltastudenti, Confederazione degli Studenti

Unilab Svoltastudenti - Confederazione degli Studenti
8,989 supporters
Started 3 years ago

Petition to UCI Cinemas, Big Hit Entertainment, Trafalgar

"Burn The Stage: The Movie" in Italia

ITAARMY, a raccolta! Abbiamo una missione per voi: dobbiamo riunire le forze e provare tutti insieme a far distribuire in Italia il film “Burn The Stage: The Movie”.Premettiamo che, come molti di voi immaginiamo, noi stesse abbiamo provato a scrivere privatamente a grandi catene di distribuzione cinematografica, in primis l'UCI che porta il film in altri paesi europei come Germania e Portogallo, e alla stessa Trafalgar ma purtroppo senza alcun risultato e senza aver ricevuto risposte esaustive sulla situazione. Ciò che ci resta da fare allora è far vedere quanto sono numerosi i fan italiani!Per questo vi chiediamo di firmare questa petizione e di condividerla il più possibile sperando che possa aiutarci ad ottenere risultati positivi e a far portare nelle sale italiane il film dei nostri ragazzi.Grazie a tutti coloro che decideranno di lasciare una firma <3ENG Hi, fam!We're writing this on behalf of the italian ARMYS as we're trying to get the documentary "Burn The Stage: The Movie" being played in our theatres. UCI Cinemas, the distribution chain we're in the middle of getting in touch with, is already playing the movie in other european countries but we still have no news about whether or not the movie will be played here in Italy. We've decided to launch this petition to let them see how many ARMYs are interested into the movie and to hopefully hear some good news any time soon. Therefore the international ARMYs contribution is needed and much more appreciated!To whoever will help us reach our goal and to whoever will sign this petition, thank you so much from the bottom of our hearts! <3

BTS ITALIA (BICS)
23,006 supporters