Topic

criminal justice

3 petitions

Update posted 1 year ago

Petition to Marta Cartabia, Mario Draghi, United Nations, António Guterres, European Parliament, Council of the European Union, European Commission, Sergio Mattarella, Maria Elisabetta Alberti Casellati, Roberto Fico, Presidenza del consiglio dei ministri, Governo Italiano, Mario Draghi, Luigi Di Maio, Marta Cartabia, Dario Franceschini, Roberto Speranza, International Union for the Conservation of Nature, CNN, BBC, New York Times, Sky, Washington Post, Greenpeace USA, World Wildlife Fund

Save the Amazon and Justice for all Indigenous Peoples

Nel 2019 la deforestazione dell’Amazzonia brasiliana ha raggiunto il livello più alto degli ultimi dieci anni ed il suo tasso continua ad aumentare, soprattutto nelle riserve indigene dove cresce in maniera esponenziale. In 2019 the deforestation of the Brazilian Amazon has reached the highest level in the last ten years and its rate continues to increase, especially in indigenous reserves where such DEVASTATION GROWS exponentially faster. Gli esperti hanno ripetutamente evidenziato la connessione tra deforestazione e l'emergere di nuove pandemie di origine animale: circa una pandemia su tre trova infatti origine nel cambiamento di habitat di alcune specie animali, derivante da modifiche nell’utilizzo del territorio a causa di incendi o deforestazione. The experts have repeatedly highlighted the connection between deforestation and the emergence of new pandemics of animal origin: about one pandemic out of three in fact originates by the change of habitat of some animal species, resulting from changes in the use of the territory due to fires or deforestation. L'attuale politica di Bolsonaro sull’Amazzonia non favorisce la conservazione della foresta, incoraggiando la deforestazione e gli incendi con dichiarazioni quasi quotidiane di sostegno dell'espansione dell'agroindustria in quanto forte settore economico per il Brasile. Bolsonaro's current policy on the Amazon does not favour forest conservation; it encourages deforestation and fires with almost daily declarations of support for the expansion of agro-industry as the strong economic sector for Brazil. Anche il recente appello dei vescovi, richiamando il pensiero di Papa Francesco, denuncia una situazione drammatica per le comunità indigene e il capo indigeno payako Raoni Metuktire, figura emblematica nella lotta contro la deforestazione, ha fatto un forte appello dicendo: «Aiutateci ad evitare il genocidio nei nostri villaggi!» Even the recent appeal of the bishops, recalling the thought of Pope Francis, has denounced a dramatic situation for indigenous communities, and indigenous payako chief Raoni Metuktire, emblematic figure in the fight against deforestation, has made a strong appeal by saying: «Please help us avoid genocide in our villages!»

Antonino Abrami
18,537 supporters
This petition won 8 years ago

Petition to K'akhaber K'aladze, Sozar Subari, Director of Ialguji Prison, Mikheil Saakašvili

Liberate Giorgi Gigauri!

(English text below) Giorgi Gigauri è detenuto ingiustamente in un carcere Georgiano e condannato a 14 anni e 6 mesi per un fatto che non ha commesso, dopo un processo irregolare. Da 4 anni è vittima di continue violenze che hanno degradato il suo stato fisico e mentale fino a farlo finire in sedia a rotelle e con una mano e un piede paralizzati. Dopo 3 tentativi di suicidio è arrivato il momento di dire basta, liberare Giorgi, fare una revisione del processo e ripristinare le condizioni di rispetto dei diritti umani in quelle carceri. Noi, concittadini di Monteviale (Vicenza), conoscendo personalmente Donara, madre di Giorgi, e avendo seguito ogni istante di questa vicenda, pensiamo che tutto questo non è più tollerabile e abbiamo costituito un Comitato per la liberazione di Giorgi Gigauri, con il quale: Chiediamo al Presidente della Repubblica della Geogia Mikheil Saakašvili, al Vicepremier della Georgia K'akhaber K'aladze, al Ministro delle Carceri e degli Affari Legali Sozar Subari e al Direttore del Carcere di Ialguji, di occuparsi della vicenda di Giorgi Giguari, detenuto ingiustamente nel suddetto carcere, e di: A) rilasciare Giorgi, permettergli un recupero delle sue drammatiche condizioni che lo tolga dal pericolo immediato di vita in cui si trova, B) promuovere la revisione del processo durante il quale - in assenza di prove e senza aver sentito tutti i testimoni - Giorgi è stato condannato in violazione ai principi di diritto internazionale, C) portare a termine un'indagine nelle carceri dove sono avvenute le violenze documentate nei filmati che tutto il mondo ha visto, punire i colpevoli e ripristinare le condizioni previste dalla Convenzione ONU contro la tortura 10.12.1984 (CAT). Perché questa petizione è urgente: il governo Georgiano presieduto dal neo-premier Bidzina Ivanishvili ha promesso per il 23 novembre un'amnistia. Crediamo che questa sia un'occasione propizia per far rientrare Giorgi fra coloro che beneficieranno della liberazione, quanto meno per farlo uscire ora e salvargli la vita. English Version: Giorgi Gigauri is held unjustly in a Georgian prison having been sentenced, after an unfair trial, to 14 years and 6 months for an act he did not commit. For 4 years he is victim of ongoing violence on him, that have degraded his physical and mental state ending up in a wheelchair with one hand and one foot paralyzed. After three suicide attempts it is time to say "Enough!", free Giorgi now, review his case and restore the conditions of respect of human rights in Georgian prisons. We, the citizens of Monteviale (Vicenza), who know Giorgi's mother, Donara, personally, and have followed every moment of this story from the very start, think that this situation is no longer tolerable. We have therefore set up a Committee for the Liberation of Giorgi Gigauri and as such we appeal to: the President of Georgia Mikheil Saakašvili, the Deputy Prime Minister of Georgia K'akhaber K'aladze, the Minister for Penitentiary, Probation and Legal Assistance Sozar Subari and the Director of Prison Ialguji, to investigate the story of Giorgi Giguari, unjustly detained in that prison, asking them also: A) to release Giorgi in order to allow him to recover from his tragic conditions taking him away from the immediate danger for his life in which he finds himself, B) to promote the review process during which - in the absence of evidence and without having heard all the witnesses - Giorgi, in violation of the principles of international law, was found guilty, C) to carry out an investigation in the prisons where violence was perpetrated as documented in the videos seen throughout the world, to punish the culprits and restore the conditions laid down by the UN Convention against Torture 10.12.1984 (CAT). Why this petition is urgent: the Georgian government chaired by the new prime minister Bidzina Ivanishvili has promised an amnesty on the 23rd of November. This is an excellent opportunity we cannot miss  to include Giorgi among those that will benefit from the release and to get him out of prison and so save his life.

Pierfrancesco Marsiaj
3,154 supporters