Topic

ambiente

16 petitions

Update posted 3 weeks ago

Petition to Martin Schulz (SPD), Frans Timmermans, Jean-Claude Juncker, Karmenu Vella, Martin Schulz, Giovanni La Via, Simona Bonafè, Paolo De Castro

Stop allo spreco alimentare in Europa! #StopFoodWaste

In Europa oltre 80 milioni di persone vivono al di sotto della soglia di povertà. E mentre molti lottano per sfamare la propria famiglia e affrontare la crisi, tutte le sere ogni supermercato dell'Unione europea butta via, in media, più di 40 kg di cibo! Grazie a una grande petizione lanciata su Change.org da Arash Derambarsh, un consigliere comunale di Courbevoie, la Francia ha appena introdotto una nuova legge che impone a tutti i supermercati di donare il cibo invenduto. Questa vittoria francese ha avuto un'eco straordinaria in tutto il mondo. Con Arash, pensiamo sia il momento di portare oltre la campagna e di chiedere che la legislazione europea fermi lo spreco alimentare in tutti i Paesi dell'Unione. Abbiamo bisogno di una direttiva molto semplice: ogni supermercato deve dare il proprio cibo invenduto a un'associazione o ente non profit di sua scelta.  Mi chiamo Daniele Messina e sono il promotore della petizione italiana contro gli sprechi alimentari “C’è chi spreca e chi muore”, program officer di una fondazione di origine bancaria. Come sostenitore del Protocollo di Milano - promosso dalla Barilla Center for Food and Nutrition Foundation - ho maturato la piena convinzione che il paradosso dello spreco possa essere ridotto ed eliminato attraverso normative specifiche che impongano la donazione degli alimenti invenduti e comportamenti fattivi che la incentivino, nonché mediante una maggiore consapevolezza civile sull’importanza del cibo per le persone e il pianeta. La Commissione europea sta preparando una "strategia di economia circolare", che comprende la lotta agli sprechi, e ha lanciato una consultazione pubblica per raccogliere le opinioni dei cittadini su questo tema. Se saremo in centinaia di migliaia a chiedere alla Commissione europea di inserire l'obbligo per i supermercati di donare il cibo invenduto, non potranno ignorare il nostro appello. Firma e condividi questa petizione! Insieme, fermiamo lo spreco alimentare in Europa! Portiamo avanti questa campagna europea insieme alla Ong "Action against Hunger" e alla Croce Rossa francese. Questa petizione è lanciata in altri sei paesi in Europa da persone che, come noi, vogliono mettere fine allo spreco di cibo. - Arash Derambarsh, Francia - Nikos Aliagas, Grecia - Manual Bruscas, Spagna - Frédéric Daerden, Belgio - Claudia Ruthner, Germania - Tristram Stuart, Regno Unito French - English - German - Spanish - Greek - Belgian

Daniele Messina
900,729 supporters
Started 1 month ago

Petition to Carl-Henrik Heldin, Valentina Salis, Storting , Olemic Thommessen, The Nobel Foundation

Those who create innovative solutions to fight climate change deserve a Nobel Prize!

The Nobel Prizes, given every year in Norway and Sweden, were established over 100 years ago to celebrate "those who during the previous year, shall have conferred the greatest benefit to mankind". We need to implore The Nobel Foundation to use their global reputation to shine the brightest light on the most effective innovations or discoveries actually brought into use during the previous year. We need to ask the foundation to break with tradition and establish this new Nobel Prize to encourage more and more to try and innovate our way out of the mess the world has gotten itself into. Alfred Nobel was an inventor with 355 inventions, including his most famous, dynamite. He understood how innovation could change the world. In his day, war was the overriding fear of the day. His decision to award a Peace Prize as well as recognizing the contributions in science and literature spoke to the needs of those particular times. If he were alive today, he would see how innovatioon is being called upon to be the answer to the overriding fear of today which is our fast-deteriorating environment. In 1969, the Nobel Foundation broke its own rule and added an new award called the Nobel Memorial Prize in Economic Sciences. This precedent means there is an opportunity to start a discussion to add a new Nobel Prize as soon as possible. We need to create a wave of support world-wide that sends a message as clearly as possible that we want the Nobel Foundation to lend their support to this worthy cause so our children and their decendants will enjoy this beautiful world. Please sign this petition and spread the word far and wide. You can follow us on Twitter @anobelpursuit and like our page "A Nobel Pursuit" on Facebook and we welcome people's recommendations and comments.

Valentina Salis
74 supporters
Update posted 1 month ago

Petition to Enrico Rossi, Comune di San Giuliano Terme, Dario Franceschini

Salviamo la Rocca di Ripafratta (PI)

Stiamo perdendo un intero capitolo di storia. La fortezza millenaria di Ripafratta, a Pisa, sta scomparendo inghiottita dal bosco e sta crollando sotto i colpi del tempo e dell'abbandono. #salviamolarocca *** Con questa petizione chiediamo alle istituzioni, al COMUNE di San Giuliano Terme, al Presidente della Regione Toscana Enrico ROSSI e al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario FRANCESCHINI di farsi carico di questa preziosa testimonianza del nostro medioevo, e di avviare quanto prima un percorso di recupero, acquisendo a patrimonio pubblico la proprietà. *** LA STORIA La Rocca di San Paolino si trova nella frazione di Ripafratta del Comune di San Giuliano Terme (PI), sul confine tra Pisa e Lucca. Per secoli è stata il fulcro di un sistema fortificato fatto di torri e castelli, a guardia del confine tra le due potenti città rivali. Fondata da nobili lucchesi, passata poi sotto l'obbedienza pisana, è stata contesa durante tutta la sua esistenza tra le due repubbliche e, infine, da Firenze. Nel 1504 è stata ristrutturata per conto dei fiorentini dal Sangallo. A partire dal '600 è iniziato il suo lungo declino. Negli anni '80 del Novecento è stata oggetto di un'intensa campagna di scavi archeologici, che hanno riportato alla luce gli ambienti sepolti, ma che sono stati poi interrotti. Per saperne di più sulla storia della Rocca: www.salviamolarocca.it LE SUE CONDIZIONI OGGI Ad oggi, la Rocca è proprietà privata e abbandonata a se stessa, preda dei vandali e del degrado. Le mura presentano crepe visibili e importanti e la vegetazione sta progressivamente inglobando la struttura. Per contro, la fortezza è inserita in un contesto paesaggistico unico, che la vede come ideale porta d'accesso al Monte Pisano, punto di partenza della sentieristica RET. A due passi dal fiume Serchio, in un territorio fatto da borghi, pievi, torri e ville, a pochissimi km da Pisa, da Lucca e dal mare, la Rocca e il suo sistema-territorio hanno tutte le carte in regola per diventare una meta culturale e turistica, complementare alle destinazioni tradizionali delle due città vicine. Noi chiediamo che la Rocca diventi un bene pubblico, cosa che le darebbe la possibilità di accedere, nel tempo, a diverse forme di finanziamento, altrimenti impossibili, e a una progettualità condivisa con il territorio. La petizione è promossa dall'associazione "Salviamo La Rocca APS". Seguici su Facebook e Twitter o scrivici a info@salviamolarocca.it.   === ENGLISH VERSION === We are losing a chapter of our history. The thousand year old fortress of Ripafratta, near Pisa, is disappearing into the wood and is falling apart due to neglect over time. #salviamolarocca *** With this petition we ask the institutions, the local government of San Giuliano Terme, the President of the Region Tuscany Enrico ROSSI and the Minister of Cultural Heritage Dario FRANCESCHINI to take charge of this precious testament to the Middle Age and begin the renovation project as soon as possible by acquiring the estate and making it public property. *** THE HISTORY The Rocca of Saint Paolino is located in the village Ripafratta which is part of San Giuliano Terme, between the confines of Pisa and Lucca. For centuries it has been the centre of a fortified system of towers and castles that were used to guard the borders of the two rival cities. The Rocca of Ripafratta was founded by nobles from Lucca and was later under Pisan control, being the point of contention for the duration of the two republics, eventually also contested by Florence. In 1504 it was restored on behalf of Florence by Sangallo, Italian sculptor, architect and engineer. The 1600 marked the beginning of the decline of the fortress. In the 1980s an intense archaeological project unearthed the buried part of the fortress. The project was interrupted and the fortress was again swallowed by greenery. To know more about the Rocca’s history visit: www.salviamolarocca.it THE CURRENT SITUATION Currently, the Rocca is privately owned; however, it is abandoned, laid to ruin by time, vandals and the elements. The walls have huge visible cracks, highlighting their instability. The greenery is progressively swallowing the ruins. Nevertheless, the fortress is in a unique landscape feature, making it an ideal point of access to the hills between Lucca and Pisa and the starting point of a regional foothpath. In walking distance from the river Serchio, the fortress is near other medieval villages, parish churches, towers and villas. It is also only a few kilometres away from Lucca, Pisa and the sea. The Rocca of Ripafratta has a high potential to become a cultural and touristic destination, in the context of the traditional touristic attractions Lucca and Pisa. We ask that the Rocca of Ripafratta becomes a public heritage; this will allow the access to more funding opportunities, that would be otherwise unobtainable. It would also be the starting point for a project that would be shared with the local community. The petition is promoted by the association “Salviamo La Rocca APS”. Follow us on Facebook and Twitter or send an email to info@salviamolarocca.it.

Associazione Salviamo La Rocca
1,400 supporters