ZTL Wake Up: Sostieni lo spazio liberato ZTL Wake Up, all'ex Telecom a Treviso.
  • Petitioned EVERYONE!

This petition was delivered to:

EVERYONE!

ZTL Wake Up: Sostieni lo spazio liberato ZTL Wake Up, all'ex Telecom a Treviso.

    1. Petition by

      ZTL Wake Up

Dal 27 dicembre 2012 abbiamo occupato, o meglio liberato, uno spazio abbandonato dagli anni 90, che versava in uno stato di degrado. Da subito sono iniziati i lavori di sistemazione dello spazio, che hanno già prodotto ottimi risultati. Abbiamo avuto un'ottimo riscontro da parte della cittadinanza, è andata però in modo differente con la proprietà, tale Tecla, un fondo immobiliare dalla storia abbastanza "particolare" (trovate più informazioni su Facebook). I proprietari, rifiutando di incontrarci, hanno direttamente sporto denuncia nei confronti del collettivo, di conseguenza questo spazio corre il rischio di uno sgombero. Firma anche tu la petizione per sostenere l'unico spazio libero e liberato a Treviso! Wake Up!

To:
EVERYONE!
Sostieni lo spazio liberato ZTL Wake Up, all'ex Telecom a Treviso.

Sincerely,
[Your name]

Recent signatures

    News

    1. Reached 500 signatures

    Supporters

    Reasons for signing

      • 11 months ago

      Perche' Treviso ha sempre pensato solo al commercio , invece la gente e, sopratutto, i giovani hanno bisogno di spazi gartuiti......

      REPORT THIS COMMENT:
    • Guido Col TREVISO, ITALY
      • about 1 year ago

      festaaaaaaaa

      REPORT THIS COMMENT:
      • about 1 year ago

      la libertà è tutto

      open your eyes

      REPORT THIS COMMENT:
    • Beatrice Zuliani PADUA, ITALY
      • about 1 year ago

      Non siamo tutti uguali, sosteniamo le alternative sociali è una buona causa e una firma non costa nulla!!

      REPORT THIS COMMENT:
    • marco carraretto TREVISO, ITALY
      • about 1 year ago

      in bocca al lupo.

      Perchè Treviso è una città che ha un fortissimo bisogno di alternative socio-culturali

      REPORT THIS COMMENT:

    Develop your own tools to win.

    Use the Change.org API to develop your own organizing tools. Find out how to get started.