×
You seem to have had an issue loading this page or you have javascript disabled, which may cause problems while using Change.org. To avoid any further inconvenience, please enable javascript in your browser and refresh this page.
Candidati alle Elezioni Politiche 2013: Appello per il jazz e le altre musiche d'oggi.
  • Petitioning Candidati alle Elezioni Politiche 2013

This petition will be delivered to:

Per il Jazz
Candidati alle Elezioni Politiche 2013

Candidati alle Elezioni Politiche 2013: Appello per il jazz e le altre musiche d'oggi.

    1. Petition by

      Per il Jazz

X il jazz

http://xiljazz.it

La cultura come settore strategico

Varie forze politiche hanno dichiarato di voler includere lo sviluppo del settore cultura fra i punti cardine del governo a venire. È una buona notizia per molti motivi: la cultura incide profondamente sulla qualità della vita delle persone, ma è anche un volano di sviluppo economico notevole in un Paese come l’Italia che ha un imponente capitale, finora sottoutilizzato, sia di patrimonio storico che di talento vivente.

Scopo di questo documento è quello di contribuire a una migliore conoscenza e comprensione di un ambito artistico – il jazz e le musiche che gli sono affini – fra i più trascurati dalle istituzioni culturali, nonostante abbia acquisito in questi anni un ampio bacino di pubblico e una ragguardevole reputazione internazionale, che prefigurano un elevato potenziale di moltiplicazione di ricchezza e di lavoro finora incomprensibilmente poco sfruttato.

Inoltre, proprio per la sua natura “anfibia” di musica d’arte nata però da radici popolari, l’analisi del mondo del jazz può contribuire a chiarire un rapporto fra “pubblico” e “privato” che allo stato attuale è piuttosto confuso, essendo il mercato culturale divenuto una grande “zona grigia”, assai generosa di profitti privati e sempre più povera di ricadute pubbliche.

Queste riflessioni provengono dal mondo del jazz, ma sono evidentemente applicabili ai numerosi altri ambiti di musiche d’arte non accademiche che ne condividono le problematiche.

Il secolo del jazz
Raramente i grandi fenomeni culturali sono durati più di un secolo. Basti pensare al teatro elisabettiano, al secolo d’oro della pittura fiamminga, del teatro francese o di quello spagnolo. Il jazz ha ormai perfino superato quell’età veneranda, ed è difficile negare che il XX dell’era cristiana sia stato appunto il “secolo del jazz”. Anche perché, a parte il dato cronologico, nessun’altra espressione ha così tanto influenzato l’universo delle arti circostanti, e se ne è fatta influenzare, in un’impressionante varietà di orientamenti: il cinema, dai cartoons degli anni Venti fino a Woody Allen; la danza, dal fox trot fino a Carolyn Carlson; la pittura, da Mondrian a Basquiat; la letteratura, da Fitzgerald a Cortazar; la musica accademica, da Stravinskij a Penderecki; la sociologia perfino, se pensiamo alle teorie di Alfred Schütz… Un elenco anche molto parziale durerebbe parecchie pagine. Altrettanta varietà si può rintracciare nel suo destinatario sociale: i frequentatori delle chiese e quelli dei bordelli, il pubblico degli scantinati e quello dei teatri d’opera.

Si dice, giustamente, che il jazz sia stato la prima forma d’arte nata in America. Ma non si può dire che il jazz “appartenga” agli americani, come il fado ai portoghesi o la tarantella ai napoletani. È stata infatti la prima forma d’arte statutariamente “cosmopolita”, in cui le varie componenti di immigrati nel Nuovo Mondo traducono in una lingua comune gli influssi di provenienza, ed il primo “luogo di comunicazione” nel quale le varie etnie altrimenti impegnate soprattutto a scannarsi fra loro (polacchi contro italiani, neri contro cinesi, irlandesi contro ispanici, tutti contro tutti) si trovano piuttosto a suonare e creare insieme, che è decisamente preferibile. Multirazziale e multiculturale dalla genesi, il jazz dimostra nella pratica la natura universale della musica. È anche per quest’indole permeabile che, già nei primi decenni di vita, il jazz si è diffuso ad ogni latitudine, pure nelle circostanze più difficili: dall’Unione Sovietica in cui era considerato “arte degenerata” fino al District Six di Città del Capo in cui fu unico antidoto all’apartheid.

Jazz in Italia
Esplicitamente osteggiato fino alla fine del secondo conflitto mondiale, in Italia l’interesse per il jazz ha avuto uno sviluppo più faticoso che in altri Paesi europei: ancora negli anni Settanta i festival dedicati a questa musica, e i musicisti che vivevano professionalmente di essa, si contavano sulle dita di una mano.

Oggi non c’è angolo della penisola in cui non si svolga attività jazzistica, spesso a livelli qualitativi elevatissimi: non solo le metropoli, ma le periferie più remote; non a caso il “jazz di massa” è nato in Umbria, e ci sono luoghi come Berchidda, Clusone o Roccella Jonica assurti a una piccola celebrità planetaria solo per via del jazz.

Quanto ai musicisti, sono ormai migliaia, molti di loro con un elevato profilo internazionale.

Qual è stato l’atteggiamento, economico e culturale, delle strutture pubbliche nei confronti di questa crescita esponenziale? Non c’è dubbio che, forse perché estraneo all’ambito accademico, il jazz ha faticato e fatica a far riconoscere il proprio valore dalle istituzioni.

Regioni ed enti locali sono stati di certo le strutture più generose di finanziamenti per questa musica. Con un interesse, però, troppo spesso motivato soprattutto dai “numeri” di botteghino, dalle ricadute turistiche, da ragioni “altre” rispetto ai valori sociali e culturali del jazz, ormai riconosciuti a livello mondiale anche dall’Unesco, che con l’istituzione della “Giornata del jazz” ha voluto includerlo fra i patrimoni dell’umanità.

Più problematico l’atteggiamento del Ministero per i beni e le attività culturali, che ha ammesso sporadicamente a finanziamento un ristretto numero di iniziative, ma secondo sue regole, modellate sull’ambito “classico”, che sono diverse sia nelle modalità organizzative che in quelle artistiche da quelle prevalenti nel jazz.

In generale accade che il jazz sia comunque “figlio di un dio minore”. Così, se una fondazione lirica decide di inserire un concerto di jazz nel proprio cartellone, avrà diritto a un finanziamento x, mentre se il medesimo concerto sarà organizzato da una struttura specializzata nell’ambito jazzistico il finanziamento sarà parecchio inferiore. Che è un discreto paradosso perché penalizza la competenza specifica.

Analoghe discriminazioni si verificano nei confronti dei musicisti, che del jazz sono il patrimonio culturale vivente, e che, nonostante il grado di scolarizzazione spesso elevato, vivono ben al di sotto dei loro colleghi di altri settori, sia come reddito che come tutela previdenziale.

Se il jazz è una “musica d’arte” i suoi protagonisti – musicisti e organizzatori – devono essere trattati alla stregua degli altri. L’estensione del pubblico del jazz è un progresso culturale di massa verso la comprensione di forme complesse e di un pensiero critico che non può non essere incentivato.

Sarà anche utile rilevare che il pubblico del jazz non coincide, per caratteristiche sociali e distribuzione territoriale, con quello della musica classica: spesso non appartiene ai ceti più abbienti e non è concentrato nei grandi centri urbani, ma è anch’esso contribuente e quindi non si vede perché debba godere di minori diritti.

Uno sguardo all’Europa
Per uscire un po’ dal provincialismo che spesso connota la nostra vita culturale, conviene dare un’occhiata a quanto accade fuori dai nostri confini. Si vedrà che il paragone con la situazione italiana è desolante: il raffronto fra le cifre misura una distanza di civiltà che va colmata.

L’interesse internazionale per la scena jazzistica norvegese negli ultimi anni è molto cresciuto, al pari di quello per la scena italiana. Solo che quest’ultimo, contrariamente al primo, è cresciuto “nonostante” la totale mancanza di sostegno pubblico. Guardiamo qualche dato. In quel Paese di 4 milioni e mezzo di abitanti, il Norsk Jazzforum viene finanziato con 1.475.965 di euro l’anno, mentre i 3 centri jazz regionali percepiscono un totale di 1.103.349 euro. Utile rilevare che le cifre menzionate non comprendono i finanziamenti ai maggiori festival, che avvengono per altri canali. Al jazz va inoltre circa un terzo dei finanziamenti di Rikskonsertene, per ulteriori 5.534.040 euro. Con un tale investimento, e con tutto il rispetto per l’elevatissima qualità dei musicisti norvegesi, non c’è da stupirsi se il mondo s’è accorto dell’esistenza del jazz norvegese…

Altri centri nazionali, la maggior parte dei quali non hanno l’onere di organizzare concerti ma solo fini promozionali, conoscitivi e di sostegno all’attività internazionale: Jazz Danmark, 976.740 euro; Jazz Services Ltd. (il suo ambito è limitato all’Inghilterra e non comprende il resto del Regno Unito), 547.055 euro; Finnish Jazz Federation, 434.658 euro; Swedish Jazz Federation, 790.000 euro; Afijma, 364.783 euro.

L’unica struttura federativa paragonabile in Italia è l’associazione I-Jazz, che percepisce dal Ministero 12.000 euro l’anno. Poco meno di un quinto della Hungarian Jazz Federation, finanziata per 60.589 euro l’anno, in un Paese con una scena jazzistica del tutto sconosciuta fuori dai confini nazionali… Utile ribadire che in ognuno dei Paesi suddetti le sovvenzioni per festival e rassegne sono da aggiungere agli stanziamenti sopra citati.

I dati sono tratti da una ricerca commissionata dall’associazione Europe Jazz Network, che consorzia circa 90 soci in 28 Paesi, fondata in Italia nel 1987 e poi emigrata a Parigi per il disinteresse delle istituzioni italiane.

Ancor più rilevanti dei dati economici sono le loro conseguenze in termini non solo di qualità della vita culturale, ma di occasioni di lavoro sia per i musicisti, sia per tutte quelle professioni che si muovono intorno alla musica. La capacità di moltiplicazione di ogni euro di denaro pubblico investito è impressionante: fra 3 e 7, a seconda dei parametri utilizzati. Soprattutto nel campo dell’attività internazionale, il finanziamento statale è spesso limitato all’apertura degli accessi al mercato, a musicisti che poi sul mercato internazionale si reggeranno da sé, senza ulteriori oneri per il contribuente.

Alcune modeste proposte…
I firmatari di questo documento richiedono che vengano adottati alcuni provvedimenti in grado di favorire una migliore conoscenza di questa musica sul territorio nazionale e all’estero e migliori condizioni per i musicisti, gli organizzatori e le altre figure professionali del settore.

In particolare richiedono:
- Un diverso sistema di finanziamento della musica superando i limiti del Fus, con una maggiore attenzione per le strutture specializzate nel jazz e nelle musiche d’oggi, stemperando il privilegio esistente, nella prassi se non nella legge, verso la musica classica.
- Che nella determinazione dei finanziamenti venga premiato il “rischio culturale”: l’attività dei musicisti giovani o di quelli impegnati nella sperimentazione di nuove forme e nuovi linguaggi; l’attività dei promoter che operano in zone periferiche e disagiate.
- L’adozione di parametri di valutazione che favoriscano il lavoro dei musicisti libero-professionisti, oggi penalizzati rispetto a quelli stabilmente occupati.
- L’istituzione di una orchestra nazionale del jazz, dotata di fondi per la creazione di nuovo repertorio, e per la diffusione di questa musica sul territorio. Ad essa dovrebbe affiancarsi un’orchestra giovanile, selezionata assieme ai conservatori e alle istituzioni non statali riconosciute.
- L’istituzione nel campo del jazz e delle musiche d’oggi di uno speciale fondo per il sostegno dell’attività all’estero, ambito nel quale attualmente i musicisti italiani operano in un regime che potremmo definire di “concorrenza sleale”, stante che l’attività dei loro colleghi di altri Paesi europei è da decenni sostenuta dai rispettivi istituti di cultura. Per contro i pochi fondi attualmente destinati al sostegno dell’attività all’estero sono destinati esclusivamente alla musica classica.
- L’istituzione di un fondo per la cooperazione, volto a favorire le strutture di musicisti associati e le co-produzioni fra strutture organizzative.
- Un costante lavoro sulla formazione e sul decentramento, nella ricerca di nuovo pubblico a partire dalle scuole (dove le occasioni per conoscere la ricchezza dei vari linguaggi musicali sono pressoché inesistenti) e rafforzando le occasioni formative, dalle scuole di musica fino ai centri di alta specializzazione.
- Una più ampia presenza nelle commissioni di valutazione di esperti di musica jazz ed attuale, non limitandola ai soli rappresentanti della musica classica, e l’inclusione di commissari designati “dal basso” (promoter, musicisti, associazioni, produttori).

Val la pena rilevare infine che le nuove generazioni hanno accesso al jazz già nel sistema educativo pubblico, che lo ha da tempo equiparato alle altre musiche. Infatti le cattedre di jazz nei conservatori sono numerose ed affollate; anzi alcuni conservatori si tengono in piedi solo grazie all’alto numero di studenti di quelle classi. In conseguenza di questo processo, il sistema pubblico della concertistica dovrà quindi accogliere nuove e ancor più numerose fasce di musicisti e di spettatori. Sarà bene che si attrezzi a farlo prima possibile, salvo si vogliano produrre musicisti disoccupati e spettatori frustrati.

20 gennaio 2013

Firmatari (in aggiornamento)
Filippo Bianchi, Roma, pubblicista; Stefano Bollani, Lido di Camaiore, musicista; Fabrizio Bosso, Torino, musicista; Franco Cerri, Milano, musicista; Franco D'Andrea, Milano, musicista; Paolo Damiani, Roma, musicista; Maria Pia De Vito, Roma, musicista; Stefano Di Battista, Roma, musicista; Paolo Fresu, Bologna, musicista; Giorgio Gaslini, Milano, musicista; Roberto Gatto, Roma, musicista; Maurizio Giammarco, Riano, musicista; Enrico Intra, Milano, musicista; Rita Marcotulli, Calvi dell’Umbria, musicista; Pino Minafra, Bari, musicista; Gianluca Petrella, Torino, musicista; Dino Piana, Roma, musicista; Enrico Pieranunzi, Roma, musicista; Enrico Rava, Chiavari, musicista; Danilo Rea, Roma, musicista; Aldo Romano, Parigi, musicista; Antonello Salis, Roma, musicista; Giancarlo Schiaffini, Roma, musicista; Bruno Tommaso, Pesaro, musicista; Giovanni Tommaso, Mentana, musicista; Tiziano Tononi, Milano, musicista; Gianluigi Trovesi, Nembro, musicista; Armando Trovajoli, Roma, musicista; Mario Biondi, Catania, musicista; Koblan Amissah, Bari, Apulia Jazz Network; Corrado Beldì, Novara, Novara Jazz; Pompeo Benincasa, Catania, Catania Jazz; Riccardo Brazzale, Vicenza, Vicenza Jazz; Franco Caroni, Siena, Siena Jazz; Enzo Costa, Trento, Itinerari Jazz Trento; Sandra Costantini, Ravenna, Jazz Network; Giannella Demuro, Berchidda, Time in Jazz; Onofrio Piccolo, Pomigliano, Fondazione Pomigliano Jazz; Gianni Pini, Firenze, Associazione I-Jazz; Fabrizio Salvatore, Roma, Alfamusic; Giambattista Tofoni, Grottazzolina, TAM Tutta un'Altra Musica; Marco Valente, Bisceglie, Jazz Engine; Piero Angela, Roma, giornalista; Gino Castaldo, Roma, giornalista; Paolo Fabbri, Rimini, semiologo; Serena Dandini, Roma, autrice televisiva; Marco Risi, Roma, regista; Carlo Pagnotta, Perugia, Umbria Jazz; Marco Zurzolo, Napoli, musicista; Lella Costa, Milano, attrice; Stefano Benni, Bologna, scrittore; Neri Marcorè, Roma, attore; Niccolò Ammaniti, Roma, scrittore; Giovanni Guidi, Foligno, musicista; Francesco Cafiso, Vittoria, musicista; Lorenza Foschini, Roma, giornalista; Maurizio Franco, Milano, musicologo; Marco Molendini, Roma, giornalista; Carlo Boccadoro, Milano, compositore; Ferruccio Spinetti, Poggibonsi, musicista; Petra Magoni, Pisa, musicista; Eugenio Colombo, Roma, musicista; Enzo Capua, New York, giornalista; Daniele Cecchini, Bologna, Music Forward; Carlo Actis Dato, Mazzè, musicista; Aldo Gianolio, Reggio Emilia, scrittore; Battista Lena, San Casciano dei Bagni, musicista; Guido Mazzon, Corvino S. Quirico, musicista; Luca Venitucci, Roma, musicista; Roberto Masotti, Milano, fotografo; Claudio Fasoli, Milano, musicista; Pino Ninfa, Milano, fotografo; Massimo Nunzi, Roma, musicista; Paolo Biamonte, Roma, critico musicale; Francesco Màndica, Roma, Radio3; Paolo Piangiarelli, Macerata, discografico; Piero Odorici, Bologna, musicista; Javier Girotto, Roma, musicista; Vincenzo Martorella, Vallecorsa, critico musicale; Germano Mazzocchetti, Roma, compositore; Ada Montellanico, Roma, musicista; Ottavia Piccolo, Venezia, attrice; Massimo Palmas, Cagliari, European Jazz Expo; Luciano Rossetti, Bergamo, fotografo; Stefano Maltese, Siracusa, musicista; Ares Tavolazzi, Pontedera, musicista; Luca Aquino, Benevento, musicista; Riccardo Bergerone, Torino, manager; Mario Guidi, Foligno, MGM Produzioni Musicali; Patrizio Romano, Tradate, produttore discografico; Roberto Zorzi, Verona, musicista; Monica Nonno, Roma, responsabile programmi Radio3; Antonello Vitale, Milano, Produzioni Sonora; Sara Villa, Montréal, docente; Luca Del Fra, Roma, giornalista; Raffaele Roselli, Roma, giornalista; Dino Betti van der Noot, Portofino, compositore; Pasquale Innarella, Roma, musicista; Vanni Masala, Bologna, giornalista; Emilio Sioli, Milano, Il ritmo delle città; Riccardo Fassi, Roma, musicista; Lanfranco Malaguti, Bologna, musicista; Pier Paolo Pitacco, Milano, art director; Walter Porcedda, Cagliari, giornalista; Emanuele Beschi, Bergamo, direttore Conservatorio; Carla Marcotulli, Venezia, musicista; Tommaso Vittorini, New York, musicista; Greg Burk, Roma, musicista; Marco Losavio, Bari, Jazzitalia; Roberto Franchini, Modena, giornalista; Saverio Vizziello, Matera, direttore Conservatorio; Giovanni Falzone, Milano, musicista; Aldo Baldassarre Bagnoni, Cassano delle Murge, musicista; Alceste Ayroldi, Bari, critico musicale; Silvia Lelli, Milano, fotografa; Natalino Balasso, Modena, attore; Gabriele Coen, Roma, musicista; Roberto Ottaviano, Bari, musicista; Bruno De Conciliis, Prignano Cilento, enologo; Gianni Buttiglione, Locorotondo, Locus festival; Ivo Franchi, Milano, giornalista; Vincenzo Fugaldi, Trapani, bibliotecario; Umberto Trombetta Gandhi, Osoppo, musicista; Daniele Ficola, Palermo, direttore Conservatorio; Giuseppe Furlanis, Roma, presidente Cnam; Lele Marchitelli, Roma, compositore; Sebastiano Tramontana, Monaco di Baviera, musicista; Riccardo Bertoncelli, Novara, pubblicista; Alessandro Rigolli, Parma, critico musicale; Guido Michelone, Vercelli, scrittore; Angelo Palmas, Nuoro, Nuoro Jazz; Stefano Pastor, Campo Ligure, musicista; Pasquale Santoli, Fiumicino, dirigente d’azienda; Mattia Cigalini, Piacenza, musicista; Claudio Angeleri, Bergamo, Centro Didattico produzione Musica; Francesco Branciamore, Siracusa, musicista; Flavio Severini, Roma, Musica per Roma; Daniela Morgia, Roma, manager; Giuseppe Vigna, Firenze, critico musicale; Maurizio Quattrini, Roma, ufficio stampa; Attilio Zanchi, Milano, musicista; Maurizio Martusciello, Roma, musicista elettronico; Matteo Speroni, Milano, giornalista; Furio Di Castri, Torino, musicista; Alfredo d'Agnese, Napoli, giornalista; Dino Rubino, Biancavilla, musicista; Roberto Del Piano, Milano, musicista; Giordano Minora, Bollate, Bollate Jazz Meeting; Paola Bensi, Milano, fotografa; Angelo Cafiso, Vittoria, Vittoria Jazz Festival; Roberto Gatti, Milano, critico musicale; Antonio Iammarino, Roma, musicista; Franco Bergoglio, Torino, Magazzino Jazz; Enzo Gentile, Milano, giornalista; Pietro Tonolo, Venezia, musicista; Eleonora Sole Travagli, Lido di Spina, ufficio stampa; Enzo De Paola, Napoli, Accademia Europea di Musica e Arti dello Spettacolo; Simonetta Franci, Rimini, docente; Libero Farnè, Bologna, critico musicale; Sergio Veschi, Milano, produttore discografico; Nicola Fano, Roma, scrittore; Luciano Linzi, Roma, produttore discografico; Gianni Gherardi, Bologna, giornalista; Mauro Beggio, Vicenza, musicista; Gian Mario Maletto, Milano, giornalista; Marco Visconti Prasca, Modena, compositore; Waler Paoli, Prato, musicista; Michele Calgaro, Vicenza, musicista; Stefano Merighi, Padova, Centro d'arte Studenti Università; Dario Duso, Vicenza, musicista; Maurizio Camardi, Padova, musicista; Patrizio Chiozza, Grottazzolina, Emmeci; Susanna Rienzi, Roma, Zone di musica; Felice Del Gaudio, Bologna, musicista; Stefano Senni, Lugo, musicista; Fabrizio Puglisi, Bologna, musicista; Maurizio Comandini, Cesena, musicomane; Fabio Ravaglia, Imola, Combo Jazz Club; Valeria Fangareggi, Modena, jazz promoter; Rosalba Di Raimondo, Bologna, artist manager; Vittorio Albani, Bolzano, Pannonica; Stefania Conte, Bolzano, Pannonica; Danilo Codazzi, Cremona, fotografo; Barbara Casini, Firenze, musicista; Caterina Caselli, Milano, editore-produttore musicale; Giordano Gasparini, Reggio Emilia, direttore Biblioteca Panizzi; Bruno Biriaco, Roma, musicista; Gianfranco Grilli, S.Lazzaro di Savena, critico musicale; Lorenzo Conte, Vicenza, musicista; Carlo Pecoraro, Salerno, giornalista; Sabino Martiradonna, Roma, Marsab; Simonetta Vacondio, Modena, Theatria; Tommaso Guardincerri, Milano, agente di spettacolo; Paola Farinetti, Alba, Produzioni Fuorivia; Paolo Keller, Lugano, Radiotelevisione Svizzera; Alessandro Paternesi, Roma, musicista; Isabella Ruggeri, Parma, Parmaconcerti; Nicola Negrini, Alba, musicista; Enrico Iubatti, Roma, Around Jazz; Andrea Scaccia, Roma, Around Jazz; Isio Saba, Roma, Around Jazz; Max De Aloe, Gallarate, musicista; Max Ionata, Roma, musicista; Michele Iannaccone, Roma, musicista; Silvia Alunni, Terni, musicista; Emanuele Tomasi, Roma, Zone di musica; Daniela Floris, Roma, critico musicale; Ewald Kontschieder, Lagundo, Accademia Mitteuropea di Merano; Luca Devito, Bologna, tour manager; Fulvio Maras, Roma, musicista; Natalio Mangalavite, Roma, musicista; Luca Bragalini, Milano, musicologo; Marcello Fois, Nuoro, scrittore; Vittorio Caste; Gaetano Curreri, Bertinoro, musicista; Paolino Dalla Porta, Milano, musicista; Salvatore Niffoi, Orani, scrittore; Filomena Campus, Londra, musicista; Pierluca Donin, Venezia, Arteven; Stefano Torossi; Rita Bragagnolo, Udine, giornalista; Alfredo Laviano, Marche, musicista; Nicola Stranieri, Novara, musicista; Alessandro Tedesco, Benevento, musicista; Umberto Petrin, Voghera, musicista; Marco Baliani, Parma, attore-regista; Roberto Valentino, Bergamo, ufficio stampa; Fabrizio Ferraro, Roma, regista; Renata Rapetti, Novara, direttore Teatro Coccia; Cristiano Arcelli, Perugia, musicista; Cristina Zavalloni, Bologna, musicista; Salvatore Maltana, , musicista; Ferdinando Faraò, Milano, musicista; Rosario Acquaviva, Siracusa, Ortigia Jazz Festival; Tino Tracanna, Bergamo, musicista; Roberto Zeppieri, Roma, US - Società Cooperativa per l'Arte; Rino Cirinna, Siracusa, Canicattini Bagni jazz festival; Francesca Loiacono, Brindisi, catalogatrice; Paolo Russo, Firenze, giornalista; Cristiano Calcagnile, Novate Milanese, musicista; Nicola Gaeta, Bari, scrittore; Gianni Cataldi, Bari, fotografo; Antonio Jasevoli, Roma, musicista; Francesco Lomagistro, , musicista; Diego Pasini, Ravenna, musicista; Giuseppe Segala, , critico musicale; Raphael Gualazzi, Urbino, musicista; Stefano Landini, Roma, regista; Danilo Di Termini, Roma, autore radiofonico; Simone Massaron, Milano, musicista; Adriano Pedini, Fano, Fano Jazz Network; Raffaele Casarano, , musicista; Roberto Cipelli, Cremona, musicista; Roberto Liuzzi, Martina Franca, Engine Club; Fabrizio Dall'Oca, Bolzano, tecnico del suono; Ettore Carucci; Giovanni Nardin; Dario Mazzucco; Daniele Di Bonaventura, Fermo, musicista; Nico Catacchio, Milano, musicista; Roberto Cifarelli, Voghera, fotografo; Adilene Dos Santos, Voghera, musicista; Ettore Fioravanti, Roma, musicista; Daniela Zedda, Cagliari, fotografa; Vincenzo Caporaletti, Roma, musicologo; Lorenzo Tucci, Roma, musicista; Massimo Manzi, Senigaglia, musicista; Beppe Fornaroli, Lurago Marinone, musicista; Elisabetta Castiglioni, Roma, promoter eventi culturali; Fabrizia Ferrazzoli, Roma, pubblicista; Antonio Onorato, Napoli, musicista; Shel Shapiro, , Musicista; Piero Bassini, Cremona, Musicista; Sandro Satta, Roma, musicista; Daniele Massimi, Camerino, Musicamdo - Marche Jazz Network; Giulio Visibelli, Milano, Musicista; Giancarlo Di Napoli, Ancona, Ancona Jazz; Andrea Dulbecco, Milano, Musicista; Marcello Nisi, Taranto, Musicista; Massimo Dastore, , Musicista; Edda Silvestri, Roma, direttore conservatorio; Maggie Girotto, Roma, casalinga; Franco Scrimieri, Lecce, pensionato; Enrico Cogno, Roma, pubblicista; Francesco Martinelli, Pisa, operatore culturale; Dario Rosciglione, Roma, musicista; Vincenzo Danise, Napoli, musicista; Alessandro Gwis, Roma, musicista; Maurizio Favot, Roma, giornalista; Bruno Damini, Bologna, Arena del Sole; Edoardo Sernesi, Roma, matematico; Emanuele Cisi, Torino, musicista; Marc Reynaud, Roma; Delio Barone, Ferrara, organizzatore di festival; Enrico Tommasini, Moena, musicista; Ambrogio Sparagna, Maranola, musicista; Guido Zaccagnini, Roma, storico della musica; Lucio Favaretto, Treviso, operatore culturale; Massimo Pasquini, Roma, giornalista; Nina Contini Melis, Parigi, fotografa; Livio Testa, Clusone, Clusone Jazz; Peppo Del Conte, Milano, giornalista; Nico Morelli, Parigi, musicista; Paolo Innarella, Roma, musicista; Paolo Pietrangeli, Roma, cantautore; Dagmar Benghi, Imola, musicista; Enrico Malusà, Trieste, Circolo del Jazz Thelonious; Giovanni Mattaliano, Palermo, musicista; Gegè Telesforo, Roma, musicista; Bruno Carrozzieri, Bologna, musicista; Annarita Colaianni, Roma, direttore coro popolare; Alessandro Scala, Ravenna, musicista; Giampaolo Solitro, Ravenna, fotografo; Daniele Camerlengo, Frosinone, critico musicale; Giancarlo Velliscig, Udine, Udin&Jazz; Antonio Passaretta, Formia, Jazzflirt Festival; Roberto Cecchetto, Roma, musicista; Mario Raja, Roma, musicista; Paolo Caivano, Massarosa, Jazz Fest Massarosa; Domenico Starnone, Roma, scrittore; Andrea Colli, Livorno, musicista; Mario Ciampà, Roma, Roma Jazz Festival; Carlo Sezzi, Quattro Castella, musicista; Lindo Torzillo, Benevento, Benevento Jazz Festival; Massimo Serena Monghini, Ravenna, ristoratore; Andreina Gemelli, Miasino, Miasino Classic Jazzfestival; Sergio Gimigliano, Diamante, Peperoncino Jazz Festival; Pino Pingitore, Catanzaro, artista; Sandro Sciaratta, Agrigento, musicista; Massimo Ferro, Alessandria, dj radiofonico; Angela Filiberti, Milano, Libreria Birdland; Claudio Lugo, Genova, musicista; Ferdinando Vicentini Orgnani, Roma, regista-produttore cinematografico; Roberto Ramberti, Roma, Groove Master Edition; Sergio Bologni, Sarteano, Sarteano Jazz & Blues; Giovanna Mascetti, Milano, US - Società Cooperativa per l'Arte; Sandro Gibellini, Manerba del Garda, musicista; Pampa Pavesi, Parma, musicista; Alessandro Andolfi, Sant'Elpidio a Mare, Syntonia Jazz; Paolo Lepore, Bari, musicista; Gabriella Piccolo, Padova, Padova Jazz; Marta Ragna, Roma, musicista; Roberto Scrivano; Francesco Panaro, Catanzaro, Catanzaro Jazz Festival; Antonio Gioiellieri, Imola, Anci Emilia Romagna; Stefania Benelli Barilli; Andrea Tofanelli, Torre del Lago Puccini, musicista; Mariangela Mincione, Roma, libraia; Luciano Titi, Ravenna, musicista; Olindo Fortino, Caserta, Soundcontest Music Magazine; Luca Cerchiari, Milano, docente; Paolo Carrus, Cagliari, musicista; Fabio Morgera, New York, musicista; Tiziana Ghiglioni, Celle Ligure, musicista; Giorgio Rossi; Roberto Bonati, Parma, musicista; Marco Camerini, Milano, critico musicale; Rosario Bonaccorso, Imperia, musicista; Fulvio Sigurtà, Londra, musicista; Angelo Leonardi, Verona, critico musicale; Antonella Perasole, Portici, Swing' Apology; Dado Moroni, Genova, musicista; Enzo Rocco, Crema, musicista; Lorenza Cattadori, Cervo, Blue Valentine Press; Antonio Lanza, Roma, docente; Gianmarco Lanza, Firenze, musicista; Rossella Del Grande, Milano, Skyline; Ebe Guerra, Triggiano, avvocato; Giorgio Rimondi, Ferrara, insegnante; Barbara Rigon, Verona, fotografa; Giampiero Doria, Bari, musicista; Giandomenico De Cicco; Salvatore Tranchini, Napoli, musicista; Pau Morales Albert, Girona, pittore; Pietro Mazzone, Napoli, critico musicale; Umberto Di Micco, Caivano, giornalista; Enzo Avitabile, Napoli, musicista; Chicco Marin, Napoli, promoter; Gigi Di Luca, Torre del Greco, direttore artistico-regista; Salvatore Ravo, Orvieto, pittore; Francesco D’Errico, Napoli, Musicista; Mariano Bellopede, Napoli, musicista; Maurizio Capone, Napoli, musicista; Lello Serao, Napoli, Attore; Girolamo De Simone, Napoli, musicista; Tonino Taiuti, Napoli, attore; Pino Jodice, Roma, musicista; Giuliana Soscia, Roma, musicista; Pino Miraglia, Napoli, fotografo; Marco Michele Napolitano, Napoli, operatore culturale; Giuseppe Reale, Portici, promotore jazz; Annibale Guarino, Napoli, musicista; Fausto Ferraiuolo, Genova, musicista; Bob Fix, Napoli, Mastering studio; AnnaMaria Lucci, Napoli, OttoJazzClub; Ivan Grossi, Cervia, Cultural heritage consultant; Marco Spedaliere, Ciampino, musicista; Federico Squassabia, Mordano, musicista; Francesco Cusa, Bologna, musicista; Adriana Augenti, Bari, avvocato; Silvia Donati, Castel S. Pietro, musicista; Emiliano D'Auria, Ascoli, Cotton Jazz Club; Andrea Gaggero, Alessandria, critico musicale; Guido Festinese, Genova, giornalista; Christian Pescosta, Val Badia, musicista; Francesca Leone, Bari, musicista; Franco Piana, Roma, musicista; Salvatore Bonafede, Palermo, musicista; Stefania Tallini, Roma, musicista; Carla Marciano, Salerno, musicista; Alessandro La Corte, Salerno, musicista; Stefano Sabatini, Roma, musicista; Andrea Beneventano, Roma, musicista; Francesco Cataldo, Siracusa, musicista; Claudio Donà, Mestre, Caligola Records; Giorgio Lovecchio, Roma, Tosky Records; Gianni Mimmo, Pavia, Amirani Records; Pasquale Mega, Martina Franca, Note Sonanti; Stefano Amerio, Cavalicco, Artesuono; Matteo Addabbo, Siena, musicista; Mario Paolo Caccia, Solbiate Olona, Abeat; Anita Pusceddu, Roma, AlfaMusic; Roberto Catucci, Roma, Musica per Roma; Raffaele Genovese, Siracusa, musicista; Fabrizio Savino, Bari, musicista; Francesca Biagi, Roma, musicista; Giovanni Ancorato, Venezia, musicista; Luca Pirozzi, Roma, musicista; Pietro Iodice, Roma, musicista; Francesco Giannelli, Roma, musicista; Francesco Negro, Maglie, musicista; Pierpaolo Borgia, Roma, musicista; Nando Citarella, Rocca di Papa, musicista; Gianni Savelli, Roma, musicista; Dario Cellamaro, Varese, musicista; Elio Tatti, Cisterna di Latina, musicista; Massimo Scarparo, Grottaferrata, Forward Italy Editore; Mauro Buttinelli, Roma, Rai Trade Editore; Antonio Nasca, Roma, La Semicroma Editore; Luciano Torani, , tecnico del suono; Alessandro Guardia, Roma, tecnico del suono; Mario Paracini, Roma, Labaro Jazz Festival; Stefano Battaglia, Siena, musicista; Fabrizio Sferra, Roma, musicista; Tony Cattano, Livorno, musicista; Alessandro Giachero, Siena, musicista; Paolo Corsi, Montevarchi, musicista; Francesco Petreni, Siena, musicista; Franco Fabbrini, Siena, musicista; Stefano Franceschini, Livorno, musicista; Mirco Mariottini, Semproniano, musicista; Klaus Lessmann, Fontazzi, musicista; Mariano Di Nunzio, Casciano di Murlo, musicista; Paolo Birro, Montagnana, musicista; Pietro Leveratto, Genova, musicista; Dario Deidda, Salerno, musicista; Diana Torto, Pescara, musicista; Maria Laura Bigliazzi, Siena, musicista; Romina Capitani, Firenze, musicista; Alessio Riccio, Sesto F.no, musicista; Roberto Spadoni, Roma, musicista; Stefano Zenni, Prato, musicologo; Giulio Stracciati, Sovicille, musicista; Luca Necciari, Monteroni D’Arbia, musicista; Simone Graziano, Firenze, musicista; Sergio Corbini, Siena, musicista; Luigi Campoccia, Siena, musicista; Andrea Scognamillo, Siena, musicista; Achille Succi, Modena, musicista; Tomaso Lama, Imola, musicista; Silvia Bolognesi, Livorno, musicista; Nico Gori, Firenze, musicista; Carlo Verri, Robbiate, fotografo; Roberto Nannetti, Castelnuovo B.ga, musicista; Alfredo Battista, Paderno d’Adda, musicista; Stefano Onorati, Livorno, musicista; Roberto Rossi, Rimini, musicista; Marco Tamburini, , musicista; Enzo Nini, Napoli, musicista; Carla Marciano, Salerno, musicista; Giampiero Virtuoso, Salerno, musicista; Enzo Amazio, "Pozzuoli, NA", musicista; Giacomo Ambrosino, Napoli, fotografo; Francesco Truono, Salerno, fotografo; Mauro Ottolini, Verona, musicista; Mario Gamba, Roma, giornalista; Giuseppe Granato, Salerno, musicista; Aldo Bassi, Roma, musicista; Roberto Schiano Morello, Roma, musicista; Aldo Farias, Napoli, musicista; Mario Berna, Roma, direttore artistico; Catervo Cangiotti, Pesaro, imprenditore; Enrico Fazio, Agliano Terme, musicista; Mara Bisinella, Bassano del Grappa, addetta stampa; Francesco Falvo D'Urso, Lamezia terme, grafico; Marco Sannini, Napoli, musicista; Francesco Nastro, Castellammare di Stabia, musicista; Dino Plasmati, Matera, Festival MiFaJazz; Carlo Lomanto, Napoli, docente; Flaviano De Luca, Roma, giornalista; Dario Franco, Napoli, musicista; Enzo Pietropaoli, Roma, mucisista; Riccardo Pittau, Guasila, musicista; Alberto Bazzurro, Tortona, critico musicale; Pippo Matino, Maragliano, musicista; Eleonora Biscardi, Milano, Art Up Art Music & Arts; Stefano Fariselli, Cesenatico, musicista; Gennaro Finizio, San Giorgio a Cremano, Nick La Rocca Festival; Mauro Patricelli, Copenhagen, musicista; Gabriella Grossi, Napoli, musicista; Roberto Bartoli, Mordano, musicista; Michele Francesconi, Saludecio, musicista; Massimo Barbiero, Ivrea, musicista; Juliano Peruzy, Padova, operatore culturale; Marco Boccitto, Roma, giornalista; Francesco Marziani, Napoli, musicista; Aldo Vigorito, Salerno, musicista; Gianpietro Giachery, Milano, produttore discografico; Sandro Stacchi, Roma, architetto; Igor Palmieri; Claudio Fusacchia, Roma, Radio Popolare; Franco Piccinno Mocerino, Pomigliano d'arco, musicista; Ugo Leone, Napoli, Parco nazionale del Vesuvio; Paolo Cacchioli, Bologna, Arena del Sole; Silvia Barba, Roma, musicista; Gabriele Amadori, Milano, pittore; Francesco Villani, Napoli, musicista; Ninni Laterza, Locorotondo, Locus Festival; Luigi Ruberti, Napoli, musicista; Ornella Falco, Napoli, MIBAC; Alberto Bruno, Napoli, Ass. Culturale Live Tones Napoli Party; Antonio Feola, Teano, Teano Jazz; Marco Buttafuoco, Parma, critico musicale; Vito Di Modugno, Bari, musicista; Giulio Vannini, Modena, Ratpack Music; Gavino Mele, Sassari, musicista; Fabrizio Cecca, Roma, musicista; Giovanni Taglialatela, Caserta, musicista; Alberto Mandarini, Asti, musicista; Carla Apuzzo, Roma, Regista-sceneggiatrice; Salvatore Piscicelli, Roma, Regista-scrittore; Luigi Ruberti, Napoli, musicista; Daniele Sepe, Napoli, musicista; Saverio Sodano, Marigliano, Marigliano Jazz; Alberto Bruno, Napoli, Live Tones club; Ornella Falco, Napoli, Live Tones club; Marco De Tilla, Castel San Giorgio, musicista; Simone Clarelli, Napoli, musicista; Gaetano Lambiase, Cava de' Tirreni, direttore artistico; Caroline Houben, Salerno, cultural manager; Licio Esposito, Salerno, videomaker; Andrea Volpe, Bellizzi, Radio Mpa; Gaspare Di Lieto, Salerno, musicista; Stefano Giuliano, Cava de' Tirreni, musicista; Carlo Gravina, Como, musicista; Antonio Giordano, Salerno, musicista; Massimo Barrella, Salerno, musicista; Concita De Luca, Lorena Fontana, Modena, musicista... (segue)

http://xiljazz.it

To:
Candidati alle Elezioni Politiche 2013, Per il Jazz
Appello per il jazz e le altre musiche d'oggi.

Sincerely,
[Your name]

Recent signatures

    News

    1. Reached 2,500 signatures
    2. Decision-maker Candidati alle Elezioni Politiche 2013 responds:

      Candidati alle Elezioni Politiche 2013

      Sostengo


    3. Reached 100 signatures

    Supporters

    Reasons for signing

    • Salvo Rizzo ITALY
      • about 1 month ago

      Music is the essence of my life! I love jazz!

      REPORT THIS COMMENT:
    • Francesca Sulis ROMA, ITALY
      • 5 months ago

      Cambiate il nome della campagna...che c'entra candidati alle politiche? support jazz o qualcosa riguardo il jazz e la cultura?

      REPORT THIS COMMENT:
    • Francesca Sulis ROMA, ITALY
      • 5 months ago

      Cambiate il titolo della petizione please! Support Jazz "candidati alle elezioni politiche?" ma che petizione è?

      REPORT THIS COMMENT:
      • 7 months ago

      Pianista

      REPORT THIS COMMENT:
      • 9 months ago

      Spazio alla creatività.

      REPORT THIS COMMENT:

    Develop your own tools to win.

    Use the Change.org API to develop your own organizing tools. Find out how to get started.