ZTL Fascia verde Roma, NO ai nuovi varchi e STOP divieto auto fino a euro 4

ZTL Fascia verde Roma, NO ai nuovi varchi e STOP divieto auto fino a euro 4

Lanciata
18 aprile 2023
Firme: 100.303Prossimo obiettivo: 150.000
64 persone hanno firmato oggi

Perché questa petizione è importante

Lanciata da Fabrizio Santori

                                                                                              Al Sindaco di Roma

                                                                                             On. Roberto Gualtieri

                                                                                                                      e, p.c.

                                                                                            Al Prefetto di Roma                                                                                                    Dott. Bruno Frattasi

                                                                           Al Ministro delle Infrastrutture                                                                                    e della Mobilità Sostenibili

                                                                                                 Sen. Matteo Salvini

                                                                     Al Presidente della Regione Lazio

                                                                                           On. Francesco Rocca

PETIZIONE:    Abolizione divieto di circolazione veicoli ZTL Fascia verde.

Le limitazioni al traffico cittadino attuate dall’Amministrazione Capitolina colpiranno prevalentemente i cittadini economicamente più deboli.

Sono circa 30 mila i cittadini residenti che verranno fortemente limitati nel loro diritto alla mobilità all’interno del perimetro della nuova Fascia Verde, mentre ammontano a circa 300 mila i non residenti.

L’Amministrazione Capitolina, anche a seguito dell’installazione dei 51 varchi elettronici di controllo degli accessi, vieterà l’ingresso ed il parcheggio ai veicoli giudicati più inquinanti. Questo di fatto implicherà un obbligo di rottamazione in capo a tutti i cittadini proprietari di tali veicoli.

Dal mese di novembre 2023 non potranno più circolare le autovetture diesel Euro 4, mentre dal prossimo anno subiranno la medesima limitazione le autovetture a benzina Euro 3, a cui seguiranno le autovetture Euro 5.

Questo provvedimento è assolutamente insostenibile per tantissime famiglie alle quali verranno impediti i più fondamentali, quanto necessari spostamenti, come raggiungere la propria sede lavorativa o ancor peggio gli ospedali per cure mediche o urgenze, salvo dover sopportare un ingente esborso economico per l’acquisto di una nuova autovettura. Alla stessa stregua risulta incomprensibile impedire la circolazione ai veicoli d’epoca, salvo gli eventi autorizzati, tali mezzi si stima rappresentino lo 0,26 per cento del parco veicolare totale. Le nuove disposizioni interessano anche i veicoli BI-FUEL anche trasformati e marcianti con alimentazione a metano o GPL, ma anche le attività legate al turismo, come i rimessaggi camper siti all'interno della fascia verde che annualmente ospitano migliaia di camperisti, le attività connesse al cinema, ossia i mezzi in uso per la realizzazione di riprese cinematografiche all'interno della città di Roma, così come le attività connesse alla riparazione/assistenza dei veicoli, che subiranno una contrazione del proprio fatturato.   

Come contropartita, a tale scenario concreto e soprattutto di immediata realizzazione, non risulta essere stato avviato una reale piano complessivo di mobilità integrata, così come una fattiva azione di incentivazione all’uso del trasporto pubblico locale, ad oggi ancora estremamente carente in termini di vetustà del parco macchine in uso per il trasporto pubblico locale, ed in generale dell’intera gestione del servizio.  

In un momento di gravissime difficoltà economiche per le famiglie e le imprese è impensabile dover costringere i lavoratori così come le persone più anziane, a sostituire i propri mezzi di trasporto privato in nome della transizione ecologica, in assenza soprattutto, di diversi programmi di intervento in grado di individuare misure alternative che salvaguardino l’ambiente ed al contempo il tessuto socio-economico.  

Per tali ragioni, con la presente petizione si chiede all’Amministrazione Capitolina, ed in particolare al sindaco di Roma a cui verranno personalmente consegnate le firme, di interrompere l’attuazione degli interventi di contenimento dell’inquinamento atmosferico, così come formulati a danno dei cittadini meno abbienti a salvaguardia delle famiglie e delle attività economiche cittadine.

FAI SENTIRE LA TUA VOCE PER NON FERMARE LA TUA LIBERTA’ E PROTEGGERE IL TUO PORTAFOGLIO

STOP ALLA FOLLE ZTL DEL SINDACO GUALTIERI

Petizione a cura del Consigliere Fabrizio Santori

Per info: fabrizio.santori@comune.roma.it  Tel. 06.671077236 – 77101

 

 

64 persone hanno firmato oggi
Firme: 100.303Prossimo obiettivo: 150.000
64 persone hanno firmato oggi