Una struttura per Chiara Insidioso

0 hanno firmato. Arriviamo a 25.000.


Mi chiamo Danielle Conjarts. Sono la mamma di Chiara Insidioso.

Mia figlia è stata massacrata di botte dal fidanzato 7 anni fa, a Roma.
Dopo 11 mesi si è svegliata dal coma ed è stata portata dal San Camillo alla Fondazione Santa Lucia, dove, per 18 mesi ha fatto la riabilitazione.

Dalla Santa Lucia, è stata ricoverata all’Associazione Risveglio Onlus Casa Iride, una struttura di lungodegenza per pazienti in stato completamente vegetativo. Ora risiede lì, senza un’assistenza adeguata, senza riabilitazione.

Prima del Covid, mia figlia andava ad un centro giornaliero per disabili nati, dove non hanno né personale, né macchinari, per una paziente come lei.
Comunque ora, con la nuova emergenza pandemia, Chiara è isolata a Casa Iride, lontana da tutto e tutti.
Ormai muove abbastanza bene tutto il lato sinistro ed è difficile per il personale della struttura, che non è specializzato, assisterla e soprattutto sorvegliarla.

Chiara si muove, per due volte è arrivata vicino alla rampa delle scale, spingendosi con la carrozzella. Per fortuna, non è successo niente. Ma la situazione sta diventando non soltanto invivibile ma anche pericolosa per lei.

A Chiara è stato tolto tutto, non ha la logopedia, non ha la fisioterapia, non può più ricevere visite, nemmeno i suoi parenti stretti.

Lei capisce due lingue, italiano e olandese, ma non parla, sa scrivere con la penna, sa utilizzare computer e cellulari. Ha avuto un risarcimento di 3mila euro e vive con una pensione di 290 euro mensili, ma ne servono 500 soltanto per la struttura.

Chiara è nata e cresciuta in Italia ed è cittadina italiana, ha il diritto di essere assistita al meglio, di avere una casa adatta alle sue esigenze e una struttura diurna per riabilitazione.

Visto che in Italia non ci sono strutture per lungodegenti nella condizione di mia figlia, io sono disposta a tornare nel mio Paese, dove sarebbe assistita al meglio, e gratuitamente, visto che ha la doppia cittadinanza.
Chiara grida senza voce che vuole vivere
#liberatechiarainsidioso
#unastrutturaperchiarainsidioso