VENDITA "BICICLETTE ELETTRICHE SENZA INGANNI"!

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


Mio padre Adragna Giuseppe, mentre percorreva una strada con la sua bicicletta elettrica  è stato investito da un'automobile il 24 ottobre 2015, e il 29 ottobre 2015 purtroppo mio padre viene aggiunto alla lista delle vittime della strada.

Purtroppo dopo la morte di mio padre e l'avvenuta denuncia da parte nostra per l'incidente, e dopo mesi passati di dolore, il giudice delle prime indagini preliminari con l'ultima udienza a luglio ha stabilito che la colpa non fosse dell'automobilista.

Con la sentenza del giudice di "non luogo a procedere" è decaduta la colpa dell'automobilista per "omicidio colposo".

Hanno dato torto a mio papa', per la legge italiana le "biciclette elettriche" sono riconosciute a tutti gli effetti come uno scooter, quindi hanno bisogno di assicurazione, bollo, casco, targa e patente per la circolazione in strada.

Nessuno potra' ridarmi mio padre!!! io vado avanti per avere giustizia, troppe prese in giro, la vita umana e una,nessuno ha il diritto di toglirtela in nessun modo.troppe ingiustizie.vado avanti non mi arrendero' fino che avro' vita.

Questa petizione serve a far chiarezza sulla questione della messa in vendita di queste biciclette elettriche.

Possono circolare o no su strada?

Sperando di evitare che a nessun altra persona possa accadere un incidente del genere.



Oggi: N conta su di te

N A ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "www.agcm.it: VENDITA "BICICLETTE ELETTRICHE SENZA INGANNI"!". Unisciti con N ed 13 sostenitori più oggi.