Glocalworking, lavora globale, vivi locale! Unisciti al cambiamento

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


Manifesto Glocalworking Italia

Immaginate un Paese che attragga giovani talenti e lavoratori digitali da tutto il mondo. GlocalWorking Italia è il modello di promozione territoriale per rilanciare i valori che rendono unica l’Italia: cultura, tradizioni, arti e mestieri locali. Un nuovo rinascimento, un patto intergenerazionale che metta a sistema risorse umane, naturali, culturali e digitali in grado di sostenere le famiglie e sviluppare il nostro territorio.

Lo smartworking potrebbe essere il fenomeno che recupera non solo il divario tra nord e sud ma forse crea una vantaggio all'Italia intera se sapremo guardare a livello internazionale.

Milioni di smartworker nel Mondo potrebbero essere attratti da qualità e costo della vita, da natura, cultura e storia soprattutto in borghi e piccole città ricche di risorse naturali ma soggette a spopolamento

L'Italia ha un vantaggio competitivo se lo capiamo presto. 

Possiamo rilanciare un nuovo rinascimento ed essere la culla di talenti e lavoratori digitali di tutto il Mondo, riportando i nostri cervelli in Italia e attirare lavoratori che poteranno valore, innovazione e cultura

Proposta alla politica

Per ripartire dobbiamo cavalcare il cambiamento, #attrazioneItalia è la proposta di legge sullo smartworking e il rilancio socioeconomico dell'Italia. In 3 punti il rilancio:

1) diritto allo #smartworking
incentivare lo smartworking a livello nazionale, introducendo il "diritto allo smartworking" per tutti i lavoratori dipendenti che ricoprono ruoli compatibili al lavoro digitale. Possibilità di arrivare al 100% delle ore lavorate con rientri in sedi specifiche per un numero massimo di giorni l'anno con massima flessibilità per i dipendenti che spostano la propria abitazione principale da comuni con popolazione superiore a 200.000 a comuni con popolazione pari e inferiore a 20.000 abitanti nell'anno precedente.
Il principio, già presente nel diritto anglosassone da vari anni, si basa sul concetto che il lavoratore può decidere dove lavorare mantendo invariata la prestazione.
L'impresa può rifiutare ma deve rispondere entro 60 gg e motivare il diniego;

2) smartworker in Italia
Creare le condizioni per rilanciare un turismo residenziale e il tessuto socioculturale italiano. Incentivare lavoratori italiani residenti in grandi città, lavoratori italiani residenti all'estero e #smartworker stranieri a trasferirsi lavorando in smartworking nei borghi e nelle province italiane con meno di 20.000 abitanti.
Questo incentivo si basa per le aziende e i lavoratori italiani si sgravi fiscali e per #smartwoker stranieri su una tassazione territoriale (tassazione dei redditi prodotti sul territorio nazionale).

3) creazione ed incentivazione di mini #smartdistrict in comuni con meno di 20.000 abitanti in collaborazione ad università, fablab e progetti pubblico/privato per incentivare l'innovazione e la cultura digitale, assieme ad un piano digitale per estendere fibra e banda larga partendo proprio da aree specifiche soggette ad incentivazione e coordinando le attività d'incentivazione. Lo scopo è creare centri di cultura internazionale in piccoli abitati che possono essere il motore di un nuovo sviluppo socioeconomico partendo da potenzialità territoriali legate al turismo, al digitale e alla manifattura locale. Unendo cultura, creatività e antiche tradizioni locali

Lavora globale, vivi in Italia!