VOGLIAMO ANCHE NEL LAZIO UNA LEGGE PER I DSA!

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


A oltre sette anni dall’approvazione della legge 170/10 sui Disturbi specifici di apprendimento e a sei anni dall’accordo Stato-Regioni, che dà responsabilità alle Regioni di disciplinare una materia così delicata che interessa tra il 3 e il 5% della popolazione scolastica, quasi tutte le Regioni italiane hanno recepito la Legge nazionale attraverso proprie normative o delibere delle Giunte.

Nel Lazio questo non è accaduto!  Con conseguenze pesanti per i dislessici e le loro famiglie:
- il servizio sanitario si dimostra ancora totalmente inadeguato a effettuare un intervento diagnostico tempestivo dei casi di DSA (più di un anno di lista di attesa nelle Asl), lasciando quindi bambini e ragazzi privi di certezze e di tutele,
- non esiste di fatto la possibilità di una certificazione per i giovani dopo i diciotto anni, che devono affrontare la maturità o iscriversi all’università,
- non esiste alcuna garanzia di trattamento riabilitativo per chi riceve una diagnosi di Dsa,
- mancano linee guida per l’accreditamento dei privati a eseguire la diagnosi, misura che permetterebbe in parte di eludere i lunghissimi tempi di attesa delle Asl,
- scuola e sanità non ricevono finanziamenti mirati al potenziamento del personale e alla sua formazione di cui avrebbero estremo bisogno,
- le famiglie devono far fronte a ingenti spese per sostenere i loro ragazzi negli studi e non ricevono alcun contributo, come avviene invece in altre regioni,
- i giovani adulti che devono affrontare la sfida del lavoro si vedono le porte sbarrate nei concorsi pubblici, sul territorio regionale, dove non vengono adottate misure dispensative e compensative.

 EPPURE UNA PROPOSTA DI LEGGE CHE PREVEDE QUESTE MISURE ESISTE GIA’: è  la PL n. 4 del 16 aprile 2018 che ripropone, dopo l'elezione della nuova Giunta Regionale, la precedente PL n.134 del 14 febbraio 2014, presentata ben quattro anni fa e ampiamente discussa in svariate occasioni. Tante parole e tante promesse, cui, però, non è seguita alcuna azione concreta.

Chiediamo quindi al Presidente della Regione Lazio e alle competenti Commissioni che venga avviato immediatamente un iter rapido di approvazione della proposta di legge regionale concernente “Disposizioni in favore di persone con disturbi specifici di apprendimento”.

Le cinque sezioni provinciali dell’Associazione Italiana Dislessia del Lazio



Oggi: Sezioni del Lazio conta su di te

Sezioni del Lazio Associazione Italiana Dislessia ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "VOGLIAMO ANCHE NEL LAZIO UNA LEGGE PER I DSA!". Unisciti con Sezioni del Lazio ed 2.424 sostenitori più oggi.