Chiediamo un PIANO STRADE STRAORDINARIO per la Lomellina

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


CHIEDIAMO UN PIANO STRAORDINARIO URGENTE PER METTERE IN SICUREZZA LE STRADE LOMELLINE

Sono centinaia le segnalazioni che continuano a giungere alla nostra redazione (Il Nuovo Lomellino - consultabili anche attraverso la pagina Facebook Il Nuovo Lomellino e sulla community collegata SOS Lomellino) sulla pesante situazione che sta flagellando le strade della Lomellina. Questo ci ha spinto a metterci in prima linea per dare voce a un pianto da troppo inascoltato dalle istituzioni che ora devono riflettere con coscienza.

Voragini e manto stradale pesantemente dissestato sono una costante che si ripete dopo ogni pioggia. TROPPI gli incidenti, INCALCOLABILI i danni alle auto e comprensibile lo sfogo dei cittadini che pagano le tasse, come il bollo auto, senza poter usufruire di infrastrutture decenti. Anzi, costretti a mettere mano al portafoglio per le riparazioni (mediamente intorno ai 500€ secondo le stime rilevate dalle segnalazioni).

TUTTO QUESTO NON HA SENSO specialmente in una zona che conta già altri disagi e non propone alternative valide (ad esempio il sistema ferroviario, piegato da ritardi e disservizi). Inoltre, le strade rappresentano un punto di passaggio cruciale per l'ECONOMIA della zona, a cavallo fra due importanti autostrade e passaggio obbligato per il trasporto pesante.

Oltre a questo i PONTI sono diventati un pericoloso punto debole e le uniche misure attuate sono state quelle di impedire il transito di camion (non sempre rispettato dal momento che esistono poche alternative per i trasportatori).

MA DAVVERO CI MERITIAMO QUESTA SITUAZIONE? In un territorio già flagellato da inquinamenti (con tassi di incidenza tumorale spaventosi e fra i più alti d'Italia), incendi sospetti a siti di stoccaggio rifiuti, distribuzione di fanghi di depurazione in agricoltura.

VOGLIAMO CHE LA SICUREZZA DEI CITTADINI SIA MESSA IN PRIMO PIANO:

  • attuando un PIANO STRAORDINARIO URGENTE che preveda il rifacimento dei tratti interessati, senza ricorrere a soluzioni tampone che rappresentano solo un costo e tendono a far riemergere il problema dopo pochi giorni, ma, soprattutto, senza il dover invadere l'altra carreggiata per schivare le voragini.
  • prevedere forme di indennizzo verso i cittadini lomellini, attraverso un'agevolazione sul bollo auto che si trovano già a SBORSARE fior di quattrini per riparare le auto
  • predisporre uno studio accurato di STRADE e PONTI che si traduca in concreti INTERVENTI, senza aspettare che sia la cronaca a dare tristi notizie
  • rendere efficiente l'ILLUMINAZIONE delle strade, accendendo i lampioni sulle arterie principali spesso lasciate totalmente al buio

Il territorio LOMELLINO non è una terra di nessuno ma di cittadini che hanno tutto il diritto di potersi muovere in SICUREZZA, per andare al lavoro o spostarsi nel tempo libero, anche questo alla base di un'economia che va rilanciata.

Ci appelliamo quindi al Presidente della Provincia di Pavia Vittorio Poma, il neo governatore eletto di Regione Lombardia Attilio Fontana e al Ministro dei trasporti Graziano Delrio affinché trovino una soluzione congiunta per tranquillizzare i cittadini di un territorio già pesantemente martoriato e che non merita di veder penalizzati anche i semplici spostamenti che ricadono, inevitabilmente, su tutti, dalle aziende ai singoli lavoratori.

Le richieste mosse non sono astronomiche ma dovrebbero rappresentare la NORMALITA' per un paese civile.



Oggi: Il Nuovo Lomellino conta su di te

Il Nuovo Lomellino ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Vittorio Poma: Chiediamo un PIANO STRADE STRAORDINARIO per la Lomellina". Unisciti con Il Nuovo Lomellino ed 1.126 sostenitori più oggi.