Emergenza rifiuti nell'entroterra del X Municipio di Roma Capitale

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


Nell'ottobre del 2014 è partito nel X Municipio di Roma Capitale il nuovo sistema per la raccolta differenziata, che prevede due diversi modelli: il domiciliare/condominiale (porta a porta) e la raccolta stradale opportunamente riorganizzata.

Nonostante il prodigarsi dei cittadini nell'effettuare correttamente la separazione dei rifiuti e nel rispettare giorni e orari della raccolta, il servizio da parte di AMA ha sempre funzionato a singhiozzo. Nell'ultimo anno, però, si è verificato un crollo vertiginoso, fino a trasformarsi in un disservizio, ovvero, in una non raccolta.

Nei quartieri residenziali dove la spazzatura è messa nei mastelli, la raccolta non viene effettuata per giorni, se non addirittura per settimane, con la conseguenza dell’accumularsi dei sacchi per strada e davanti alle abitazioni. 

Discorso diverso all'AXA, dove i cassonetti superstiti vengono presi d'assalto dai "pendolari della spazzatura" e le strade si trasformano in tante discariche a cielo aperto.

I residenti di Casalpalocco, Malafede, Madonnetta, Infernetto e AXA, devono fare i conti con blatte, topi, cornacchie, e addirittura serpenti.

Nell'entroterra del X Municipio si rischia una grave emergenza igienico-sanitaria.

Chiediamo alla Sindaca di Roma Virginia Raggi di intervenire affinché vengano rimosse le cause che hanno determinato tale grave situazione, che mette a rischio la salute e la tutela della sicurezza pubblica e privata, e di ripristinare il regolare funzionamento della raccolta differenziata.



Oggi: Monica conta su di te

Monica Schneider Graziosi Canzano ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Virginia Raggi: Emergenza rifiuti nell'entroterra del X Municipio di Roma Capitale". Unisciti con Monica ed 1.041 sostenitori più oggi.