La Scuola Angiola M. Migliavacca di Roma non deve chiudere!

Reasons for signing

See why other supporters are signing, why this petition is important to them, and share your reason for signing (this will mean a lot to the starter of the petition).

Thanks for adding your voice.

Ottavio Mattarelli
1 year ago
Ho mio figlio e non si deve chiudere

Thanks for adding your voice.

Angelo Faedda
1 year ago
Mi rivolgo a tutti i firmatari,
E in modo particolare al primo sottoscrittore della petizione.
NON PERMETTETE IN ALCUN MODO CHE TRASCORRA L’ESTATE, SI ARRIVI A SETTEMBRE E TUTTO LO SFORZO ENCOMIABILE DA VOI FATTO FINORA RESTI “LETTERA MORTA”.
Non esitate a far causa al Parroco, al Vicariato e a chi ha procurato tutto questo!
Voi, 108 famiglie che avete già pagato l’iscrizione...
NON ACCONTENTATEVI ASSOLUTAMENTE DELLA RESTITUZIONE DELLA QUOTA!
DEVONO PAGARVI I DANNI MORALI, PER AVER CREATO A VOI, MA SOPRATTUTTO ALLE VOSTRE CREATURE, UN DANNO INSOSTENIBILE E DI DIFFICILE SOLUZIONE!
Se serve, anche io e mia moglie, che non siamo parte in causa, siamo disposti a contribuire per le spese legali.
Questa assurda storia non può passare senza che noi si lasci un segno tangibile di unità, anzi..,
DI COMUNITÀ !!!
Molti di voi mi conoscono e quindi non sarà un problema rintracciarmi.
Ci conto.
NON MOLLIAMO!!!! MAI !!!!
Angelo Faedda.

Thanks for adding your voice.

Catia Sperati
1 year ago
Il sapere e di tutti

Thanks for adding your voice.

Cristina Toffolo
1 year ago
Deve rimanere aperta

Thanks for adding your voice.

Roberto Galli
1 year ago
A metà degli anni 70, si leggevano slogan sui muri e sui gradini del sagrato della chiesa...uno di questi era "CLORO AL CLERO"...
forse servirebbe per schiarirvi le idee, oltre che le coscienze...
caro parroco, ti ho conosciuto appena subentrato a Don Riccardo, lui si pastore di anime, e ti ho conosciuto purtroppo nel momento in cui ho dovuto organizzare il funerale di mia madre...dove nell'accogliermi nel tuo ufficio, continuando a guardare l'orologio, mi hai messo al corrente del fatto che dovevi delegare, perchè il vescovo ti aspettava a pranzo, ed erano le 10.45, senza minimamente dire una parola di circostanza, un gesto solidale, di accoglienza nel dolore...è tardi, ho da fare...lo celebri tu questo funerale? (al telefono con Don Alberto)...mi limito, con grande sforzo, a dire che hai gestito la cosa, come un capo organizza i turni di lavoro dei sottoposti...piglio manageriale, umanità ZERO. La prima impressione è stata assolutamente, dolorosamente azzeccata...
manager...altro che pescatori di anime.

Thanks for adding your voice.

Anna Maria Corona
1 year ago
Perché è stato il mio asilo e dei miei figli ed è un ottimo ricordo

Thanks for adding your voice.

Silvana Graziani
1 year ago
Perché la scuola non deve chiudere

Thanks for adding your voice.

Patrizia Laurenti
1 year ago
Caro Don Roberto,
mi chiamo Patrizia Laurenti ho 55 anni e dal 1970 frequento la Parrocchia Gesù Divino Lavoratore
che ha accolto gli eventi più importanti della vita mia e dei miei cari (e quelli di molte Persone della
Parrocchia, glielo assicuro). Ho anche fatto la Catechista a 20 anni e l’Educatrice degli adolescenti a
50 anni, compito quest’ultimo sfidante, ma anch’esso di grande Valore.
Stamattina, 21 luglio 2020, passando davanti al portone della Scuola Materna Migliavacca, che
anch'essa da più di 50 anni accoglie i figli di uno dei quartieri più complessi di Roma, il quartiere
Marconi, ho assistito a una scena raccapricciante: la partenza “alla chetichella” delle Suore
Missionarie della Dottrina Cristiana (oltre al degrado e all'incuria del giardino che ho intravisto dal
portone e che per anni e stato un'oasi di pace e serenità), che per anni hanno preso la mano dei nostri
figli e nipoti, asciugato le loro lacrime, pulito i loro sederini, facendoli crescere come uomini e donne
di buona volontà, a volte facendo crescere anche i loro genitori, ricomponendo famiglie
pericolosamente spezzate. Solo per caso le ho potute salutare.
E ora mi chiedo: ma che intenzioni ha lei Don Roberto? Chi le da il diritto di distruggere ciò che di
Valore in questi anni è stato costruito in Parrocchia dai suoi predecessori Don Francesco Rauti
(fondatore), Don Luigino Pizzo (che si staranno rivoltando nella loro tomba se non fosse per la loro
Misericordia) e Don Riccardo Lamba, in cui abbiamo trovato tutti e sempre ciò di cui la Comunità ha
veramente bisogno, cioè un pastore di anime? Dov’è la memoria e il Suo rispetto per tutto questo?
Cosa è lei, Don Roberto, che certamente obbedisce ai suoi superiori, ma probabilmente non si è mai
premurato di condividere con la sua Comunità le difficoltà che stava vivendo?
La sua comunità sarebbe stata con Lei, Don Roberto, aiutandola sempre, come alcuni hanno finora
fatto ma che ora, temo, non faranno più.
È umano sa? Anche Dio si è fatto Uomo per esserci più vicino. Solo Lei non lo ha mai fatto.
Mi rammarica vivere tutto ciò.
Con le Sue scelte (probabilmente subite, ma certamente mai negoziate), Lei contribuirà a rendere il
nostro quartiere e le nostre vite ancora più tristi, più poveri...
Quando invece ha sperimentato che questa comunità sa dare l'anima per il suo pastore. Ma temo che
tutto ciò sia finito anche per lei.
Più di tutto mi dispiace per i nostri giovani, che sono il nostro futuro.
Chi non ha il coraggio di difenderli, a partire dalla difesa della Scuola Materna, è correo del
decadimento morale e sociale che stiamo vivendo.
Quali saranno i suoi prossimi passi?
L’annullamento delle Polisportive che tante Persone hanno seguito in questi anni?
Se è così lo dica subito, dia alle persone il tempo di riorganizzarsi, non faccia più danni di COViD-
19!
Ma su questo non sono io a dover esprimere giudizi.
La saluto con tristezza infinita per le prospettive che la nostra Comunità sembra avere davanti, ma
con un filo di Speranza che qualcosa posso cambiare per essa, seppur complessa ma bellissima,
altrimenti non saremmo credibili, noi che ci professiamo Cristiani.

Thanks for adding your voice.

nicola capurso
1 year ago
Sono concorde

Thanks for adding your voice.

Alessandra Saija
1 year ago
I bambini hanno bisogno della scuola, nessun freno alla cultura!!