Petition Closed
Petitioning Vaticano: mettere al bando il commercio d'avorio
This petition will be delivered to:
Vaticano: mettere al bando il commercio d'avorio

Vaticano: mettere al bando il commercio d'avorio

Ogni anni migliaia di elefanti africani vengono sterminati per asportarne le zanne, venderne l'avorio e ricavarne oggetti sacri con la compiacenza e la complicità delle autorità religiosecattoliche e buddhiste.

Nel 2011 i cacciatori di frodo hanno abbattuto 25.000 esemplari per un ricavo di 5.000 euro a zanna e ormai la popolazione complessiva mondiale è ridotta a meno di 700.000 esemplari solo nell'Africa subsahariana. Da lì l'avorio prende la strada delle Filippine dove viene trasformato in croci cattoliche, statuette etc o viene smistato verso la Thainlandia e la Cina per essere trasformato in simboli buddhisti e taoisti.

Ben 176 Paesi hanno messo al bando il comnercio d'avorio tranne il Vaticano i cui negozi, chiese, alberghi etc espongono e commerciano articoli in avorio vendendoli perfino ai turisti dei 176 Paesi in cui è illegale importare l'avorio. Tenuto conto che alcune popolazioni di elefanti sono in imminente pericolo di estinzione, il Vaticano faccia un gesto positivo , aderisca alla messa al bando del'avorio e sottoscriva la Convenzione Internazionale del 1989. Dio sarà sicuramente più grato nel vedere le sue creature vive e serene nella savana che nel ricevere ciondoli, miniature e crocifissi lordi di sangue innocente!


Letter to
Vaticano: mettere al bando il commercio d'avorio
Papa Benedetto XVI

Ogni anni migliaia di elefanti africani vengono sterminati per asportarne le zanne, venderne l'avorio e ricavarne oggetti sacri con la compiacenza e la complicità delle autorità religiosecattoliche e buddhiste.

Nel 2011 i cacciatori di frodo hanno abbattuto 25.000 esemplari per un ricavo di 5.000 euro a zanna e ormai la popolazione complessiva mondiale è ridotta a meno di 700.000 esemplari solo nell'Africa subsahariana. Da lì l'avorio prende la strada delle Filippine dove viene trasformato in croci cattoliche, statuette etc o viene smistato verso la Thainlandia e la Cina per essere trasformato in simboli buddhisti e taoisti.

Ben 176 Paesi hanno messo al bando il comnercio d'avorio tranne il Vaticano i cui negozi, chiese, alberghi etc espongono e commerciano articoli in avorio vendendoli perfino ai turisti dei 176 Paesi in cui è illegale importare l'avorio. Tenuto conto che alcune popolazioni di elefanti sono in imminente pericolo di estinzione, il Vaticano faccia un gesto positivo , aderisca alla messa al bando del'avorio e sottoscriva la Convenzione Internazionale del 1989. Dio sarà sicuramente più grato nel vedere le sue creature vive e serene nella savana che nel ricevere ciondoli, miniature e crocifissi lordi di sangue innocente!