PETIZIONE CHIUSA

VITTIME ERRORE ALGORITMO - PROMESSA DI RINUNCIA A RICORSI E RISARCIMENTI

Questa petizione aveva 66 sostenitori


La mobilità 2016/2017 è stata gestita da un algoritmo mal programmato. Ciò ha causato molti errori nei trasferimenti e molti docenti si sono visti scavalcati da  altri con minor punteggio, appartenenti alla stessa fase e senza precedenze. Il Ministero, seppur consapevole di questa palese ingiustizia, ha preso la inspiegabile decisione di non correggere gli errori e di assumersi le conseguenze degli inevitabili ricorsi giudiziari che, come previsto, sono stati avviati dai docenti lesi. E' notizia di pochi giorni fa la condanna da parte del Tar all'obbligo di pubblicazione del "famoso" algoritmo. Questo permetterà ancor più facilmente, in sede giudiziaria, provare le nostre ragioni e, come già annunciato dai sindacati che hanno ottenuto tale sentenza, ottenere un risarcimento. Alla luce di tutto ciò, noi docenti che sottoscriveremo la seguente petizione, ci impegneremo formalmente a rinunciare ai ricorsi già in atto e a qualsiasi azione risarcitoria se, prima della prossima mobilità, verrà a noi assegnata, con effetto immediato, la sede che ci sarebbe  spettata se l'algoritmo non fosse stato mal programmato. Questo allo scopo di porre fine alle nostre preoccupazioni, agli enormi disagi familiari, affettivi ed economici e di far risparmiare alla Pubblica Amministrazione un esborso che si può prevedere esoso..



Oggi: DEBORA conta su di te

DEBORA MASCI ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "VALERIA FEDELI: VITTIME ERRORE ALGORITMO - PROMESSA DI RINUNCIA A RICORSI E RISARCIMENTI". Unisciti con DEBORA ed 65 sostenitori più oggi.