UE: Sanzionare chi perseguita Assange!

UE: Sanzionare chi perseguita Assange!

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 2.500 firme!

Patrick Boylan ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Ursula von der Leyen (European Commission)

ENGLISH version

FOTO: La consegna della lettera presso l’UE a Roma, 2021/09/28.

Lettera e petizione di:
U.S. Citizens for Peace & Justice - Rome, Italiani per Assange, DiEM25 in Italy, Rete NoWar - Roma, Peacelink

 

Da dieci anni, il Regno Unito e gli USA violano continuamente i diritti umani del giornalista australiano Julian Assange.

Questi due paesi hanno, infatti, lavorato insieme per privare Assange arbitrariamente della sua libertà, per torturarlo psicologicamente e per intralciare la Libertà di Espressione che egli esercita tramite il suo sito Wikileaks. Si tratta dei medesimi abusi per i quali in passato l’Unione Europea ha giudicato meritevoli di sanzioni determinati regimi autoritari.

Il 28 settembre 2021, il giorno che l’UNESCO ha dedicato all’Accesso Universale alle Informazioni e al Diritto di Sapere, noi abbiamo scritto alla Presidente von der Leyen per ricordarle che questi valori, che l’ONU onora, sono proprio quelle per le quali Julian Assange ha sempre lottato. Ma per aver messo in pratica quei valori, oggi Assange è in prigione nel Regno Unito e rischia prigione a vita negli Stati Uniti, qualora venisse concessa l’estradizione il prossimo 27 ottobre.

Abbiamo sollecitato la Presidente von der Leyen di dissuadere gli USA e la GB dal continuare a perseguitare Julian Assange e di ingiungere loro di liberare Assange immediatamente, pena, in caso di inadempienza, le sanzioni previste per casi come questo dagli stessi regolamenti dell’Unione Europea.

Potete leggere la nostra lettera qui: http://peaceandjustice.it/assange/28-9/lettera_ce.pdf

Per favore, aggiungete anche la vostra firma, sottoscrivendo questa petizione.

Questa lettera è stata firmata inizialmente dalle cinque associazioni italiane che l'hanno promossa, insieme a: Daniel Ellsberg, Noam Chomsky, Deepa Govindarajan Driver, Paul Jay (theanalysis.news), Michael Albert (Znet), Dr Derek Summerfield (former chief psychiatrist at Freedom from Torture), Andrew Feinstein (ANC MP in Nelson Mandela’s cabinet), Margaret Kunstler (New York civil rights attorney), David McBride (ADF whistleblower), Peter Cronau (journalist, ABC Australia) e una lunga lista di singoli e associazioni in Italia i cui nomi appaiono qui sotto.

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 2.500 firme!