Stop Assad and Putin, Save Idlib - We Urge Peace and an end of forced displacements #Pace

0 hanno firmato. Arriviamo a 7.500.


The continuous bombings of the aviation of the Russian Federation and Bashar al Assad regime on the inhabited areas of Idlib and Aleppo which had also been declared in 2018 by them "zone de-escalation" of the violence and the military attack on the City of Idlib are causing terror and an unprecedented humanitarian catastrophe among the civilian population. Three million people ask for protection and an end to the bombing: they wouldn't be forced to leave their homes to flee to the border with Turkey, which is closed to them, without any shelter and humanitarian assistance, risking to die of cold and hunger and with the terror to be hit here also by the Syrian-Russian's planes. In addition to the 900 thousand people that have already fled since the beginning of December 2019 more than half of them children (Ucha), in a small strip of land along the border and in inhumane conditions. A gigantic ethnic cleansing and forced displacement of the population, that finds no refuge nor peace and is bombed even in the refugee camps, hospitals, markets and schools. Crimes of War and against Humanity prohibited and sanctioned by UN international conventions.

We call for an immediate and definitive ceasefire and the establishment of a UN-controlled Blue Helmets Protection Area over the whole area in the north-west of Syria before it becomes a new great Auschwitz of the Third Millennium. We ask the NATO members states to do all they can do to protect the lifes of civilians, included the declaration of a No-Fly Zone over the north west of Syria.

Urgently sign the Petition - Thank you

Committee #Verona16Feb #SaveIdlib #stopAssadPutin 

(photo: flash mob Verona 16th February 2020, in the square with Memorial barbed wire of the nazist extermination camp)

TESTO ITALIANO :

I continui bombardamenti dell'aviazione della Federazione Russa e del regime di Bashar al Assad sulle zone abitate di Idlib e Aleppo che erano state nel 2018 dichiarate anche da loro "zone de-escalation" delle violenze  e l'attacco militare contro la città di Idlib stanno causando il terrore e una catastrofe umanitaria senza precedenti tra la popolazione civile. Tre milioni di persone chiedono protezione e la fine dei bombardamenti e non vorrebbero essere obbligate a lasciare le proprie case per fuggire verso il confine con la Turchia che oltrettutto è chiuso agli sfollati siriani, senza alcun riparo e assistenza umanitaria, rischiando di morire di freddo e di fame e con il terrore di essere colpite anche qui dagli aerei siro-russi. Aggiungendosi alle 900 mila persone che sono già fuggite dall'inizio dicembre 2019 oltre la metà delle quali sono bambini (dati Onu-Uncha), in una piccola striscia di terra lungo il confine e in condizioni disumane.  Una gigantesca pulizia etnica e spostamento forzato di popolazione, che non trova rifugio nè pace e viene bombardata perfino nei campi profughi, negli ospedali, nei mercati e nelle scuole. Crimini  di guerra e contro l'umanità vietati dalle convenzioni internazionali dell'Onu. 

Chiediamo un immediato e definitivo cessate il fuoco e l'istituzione di una Zona di Protezione controllata dai Caschi Blu dell'Onu su tutta l'area a nord- ovest della Siria prima che questa diventi una nuova grande Auschwitz del Terzo Millennio. Chiediamo agli Stati membri della NATO di fare tutto quanto è possibile per proteggere la vita dei civili, inclusa la dichiarazione di una Zona di divieto di sorvolo aereo (no fly-zone) sopra il Nord-Ovest della Siria.

Firma urgentemente la Petizione - Grazie

Comitato #Verona16Feb #SaveIdlib #stopAssadPutin

------------------------------