Chiusura e denuncia Telegram causa gruppi chat Revenge Porn, pedofilia, abusi e violenze

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


La famosissima app di messaggistica Telegram, consente per come è costituita, totale anonimato e privacy oltre la programmata autodistruzione di chat dopo un periodo personalmente stabilito.
Ciò consente alle menti più perverse e malate, la creazione di veri e propri gruppi dove possono dare sfogo alle più aberranti, violente e denigranti conversazioni e scambi di foto di donne, molto spesso bambine/i cui la privacy viene del tutto annullata per soddisfare le meschine fantasie di persone che, protette da ciò che consente Telegram, possono sentirsi libere di dire e condividere qualsiasi cosa. Parliamo di Revenge Porn, cioè la pratica secondo cui vengono diffuse immagini intime private senza che la protagonista ne sia minimamente a conoscenza e abbia dato il proprio consenso. Parliamo di pedofilia, gruppi Telegram in cui ci si scambia foto, video e discorsi riguardo minorenni. Parliamo di abusi, di incitazione alle violenze, alla sopraffazione dell'uomo sulla donna la quale viene vista e trattata come oggetto e schiava dei loro desideri più malati. Parliamo di video, foto e conversazioni di violenze sessuali su vittime inconsapevoli e anche consapevoli la cui vita viene per sempre marchiata. Tutto questo accade continuamente in tutto il mondo, sotto gli occhi di tutti senza che nessuno faccia assolutamente nulla a denuncia dei colpevoli e a protezione delle vittime. Perché Telegram consente tutto ciò? È complice a tutti gli effetti! Perciò ne chiediamo la chiusura e la denuncia affinché si prendano le proprie responsabilità e agiscano in maniera decisiva per estirpare ciò che di orribile accade a causa di ciò che questa app permette di fare a tali delinquenti.