Una grave ingiustizia sociale: sostegno economico per i fantasmi del Jobs Act!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


SENZA REDDITO, SENZA MUTUA E SENZA LA POSSIBILITÀ DI ANDARE IN PENSIONE: I lavoratori della PMT di Pinerolo sono le prime vittime della scellerata riforma degli ammortizzatori avviata dal Dlgs 148/2015 attuativo del Jobs Act. L’Azienda ha dichiarato il fallimento e dal 1 Febbraio si trova in esercizio provvisorio, con il rientro di 42 lavoratori sui circa 178, per finire le ultime commesse e favorire il passaggio ad una nuova gestione. In attesa di questo possibile (ma tutt’altro che certo) passaggio, i restanti 136 operai e operaie della PMT sono stati estromessi dall’Azienda senza alcun ammortizzatore sociale. Per questo dal 6 Febbraio presidiano l’ingresso della Ditta 24 ore su 24. Il 18 Febbraio si è anche svolta una manifestazione che ha coinvolto circa 1000 persone tra cittadini, parti sociali e lavoratori.  

OCCORRE URGENTEMENTE REINTRODURRE GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I LAVORATORI SOSPESI, in modo che gli operai della PMT siano i primi e gli ultimi ad essere sottoposti a questo trattamento inaccettabile in uno stato di diritto.

LE ISTITUZIONI NON POSSONO RIMANERE IN SILENZIO DI FRONTE A QUESTA GRAVE INGIUSTIZIA SOCIALE: FIRMA E FAI FIRMARE PER I DIRITTI E PER IL LAVORO! 



Oggi: Matteo conta su di te

Matteo Roselli ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Una grave ingiustizia sociale: sostegno economico per i fantasmi del Jobs Act!". Unisciti con Matteo ed 905 sostenitori più oggi.