Il CT della Nazionale di calcio chieda pubblicamente scusa.

Il CT della Nazionale di calcio chieda pubblicamente scusa.

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!
LA VERGATA Antonello ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a tutti e a

Il commissario tecnico della Nazionale italiana di calcio, Roberto Mancini, ha attaccato il Ministro della Sanità e, parlando a ruota libera, ha detto, come riportano i giornali più diversi fra virgolette, che "il calcio non è meno importante della scuola". Ha aggiunto che il calcio dà lavoro a molte persone e altre ovvietà.

Il giovanotto ignora: 1. Che esistono altri sport; 2. Che nella scuola lavora un numero molto maggiore di persone; 3. Che la scuola riguarda praticamente tutti gli italiani; 4. Che la scuola è qualcosa di più grande e decisivo dell'angolino privilegiato in cui il giovanotto Mancini vive; 5. Che gli insegnanti non guadagnano milioni come lui e lavorano e rischiano più di lui.

Chiediamo:

1. Che il giovanotto Mancini chieda pubblicamente scusa e riconosca di aver detto una cazzata;

2. Che il presidente della Federazione Italiana Gioco Calcio censuri pubblicamente le dichiarazioni del suddetto giovanotto;

3. Che i ministri interessati (Sanità, Pubblica Istruzione) prendano posizione.

Ricordiamo al giovanotto Mancini (di cui non conosciamo la carriera scolastica) che in una "Domenica Sportiva" di anni fa il conduttore chiese al grande Gianni Brera di dare un consiglio al calciatore Paolo Rossi, presente in studio. Il consiglio di Brera fu: "Studi. Si prenda un diploma. Il calcio italiano ha bisogno di cultura".

Non è necessario aggiungere altro.

 

 

 

 

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!