Spezzare il conflitto di interessi sulle multe

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


Multe, multe e multe. Non sono da giustificare pirati della strada o incoscienti alla guida; il tema è diverso. L'art. 208 del codice della strada (del 1992) dice come devono essere utilizzati i proventi delle sanzioni amministrative. D'altro canto gli Enti proprietari delle strade decidono le regole di circolazione, in particolare i limiti di velocità e li fanno rispettare anche con l'uso di sistemi automatici (autovelox, telelaser, ecc.). Sembrerebbe tutto corretto, salvo che varie leggi, leggine, decreti, interpretazione e sentenze di vario tipo hanno, nella sostanza, condotto a che il cittadino passando sulle strade con limiti abbassati fino a livelli estremi è costretto a pagare somme incassate dagli stessi che hanno deciso limiti e controlli. Il gioco è fin troppo facile, ora dobbiamo dire basta, non per facile protesta, ma con una proposta seria.

Ripeto non dobbiamo giustificare incoscienti e pirati della strada, dobbiamo chiedere una semplice modifica all'art. 208 del codice della strada sostituendone interamente il testo. Il nuovo testo dovrà prevedere che tutte le sanzioni, restino inalterate, ma vengano pagate esclusivamente ad un unico fondo dedicato, per tutta Italia, esclusivamente on-line, e i cui proventi vengano annualmente distribuiti agli enti che fanno ricerca in ambito medico e scientifico. Tutti i movimenti dovranno essere visibili in rete a chiunque e dettagliatamente motivati. Data l'enorme quantità di danaro interessata, lo Stato non potrà più dire che non vi sono sufficienti fondi per la ricerca scientifica e non vi sarà più bisogno di manifestazioni del tipo Telethon.

Il cittadino sanzionato potrà verificare da casa dove sono finiti i suoi soldi e si arrabbierà meno sperando che, in futuro, i progressi della ricerca medica potrebbero tornargli sotto forma es. di cure più efficaci.

Stroncando il conflitto di interessi, si avrebbe anche un importante cambiamento nel rapporto cittadino-Autorità, gli Agenti sarebbero davvero utilizzati per la repressione dei comportamenti pericolosi sulle strade e i ricercatori potrebbero finalmente esprimere il potenziale di cui dispongono.

Sarebbe magnifico se qualche politico inserisse questo punto nella prossima campagna elettorale, ma intanto è importante che ogni singolo cittadino-conducente dia il proprio contributo sottoscrivendo questa petizione.



Oggi: Roberto conta su di te

Roberto Toninelli ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Tutti i cittadini conducenti: Spezzare il conflitto di interessi sulle multe". Unisciti con Roberto ed 8 sostenitori più oggi.