Facciamo riconoscere e ufficializzare i termini "asessualità", "aromanticismo" e "afobia"

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Premetto queste definizioni:
•l'asessualità è l'orientamento sessuale - ormai la maggior parte dei sessuologi concorda nel definirla come tale - di coloro che non sperimentano attrazione sessuale per nessun genere;
•l'aromanticismo (o aromanticità) è l'orientamento romantico di coloro che non sperimentano attrazione romantica per nessun genere;
•l'afobia è l'avversione verso l'asessualità/aromanticismo e gli asessuali/aromantici come gruppo sociale o come individui.

Sebbene non si parli mai di questi argomenti e si continui a sminuirli e a invisibilizzarli, si tratta di realtà esistenti.

Sull'asessualità, grazie al lavoro degli attivisti, c'è sempre più informazione in Italia e nel mondo, ma purtroppo la definizione corretta non è stata ancora riconosciuta ufficialmente.
Quella diffusa da AVEN (Asexual Visibility and Education Network) e da me tradotta sopra è la seguente:
"An asexual person is a person who does not experience sexual attraction"; invece quella riportata da Treccani è:
"asessüale agg. [comp. di a- priv. e sessuale]. – 1. In biologia, della riproduzione che avviene senza l’intervento dei gameti, contrapposta alla riproduzione sessuale. 2. Privo di richiamo sessuale; che non ha attinenza con il sesso, che è privo di riferimenti a fenomeni e fatti sessuali"
Si tratta di una definizione imprecisa, che si discosta molto dal reale significato di "asessuale" e che, anzi, crea un'accezione sbagliata legata alla biologia che dovrebbe andare solo sotto al termine "asessuato" e che non fa altro che incrementare la confusione e la disinformazione sull'asessualità come orientamento sessuale.
In un recente articolo de "Il Tascabile" sull'asessualità si è fatto, invece, uso della definizione giusta:
https://www.iltascabile.com/scienze/essere-asessuali/

Per quanto riguarda l'aromanticismo, il termine non è stato ancora ufficializzato, né tantomeno il suo significato, questo non può che essere un danno per la comunità aromantica.

L'afobia, fenomeno che colpisce la stragrande maggioranza degli asessuali e degli aromantici, non viene considerata dai più come forma di oppressione e viene costantemente sminuita, anche appigliandosi alla non-ufficializzazione del termine che usiamo per definire questa discriminazione di cui siamo vittime.

Quello che chiediamo è che Treccani riconosca finalmente questi tre termini (asessualità/aromanticità/afobia) e che ufficializzi le loro definizioni corrette.

La petizione è stata creata dall'amministratrice delle pagina "L'afobia esiste" ( @stop.afobia_ita ), che si occupa di sensibilizzare le persone al tema dell'afobia e di trasmettere informazione su asessualità e aromanticismo.