Tiscali, Ripartiamo col piede giusto - estensione rete ULL, OpenFiber e TIM VULA

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


Come molti sanno, Tiscali è stato e continua ad essere, seppur giocando un ruolo relativamente marginale, uno tra i maggiori operatori italiani nelle connessioni di rete fissa, sin dai tempi della liberalizzazione del mercato delle telecomunicazioni, contribuendo alla diffusione di internet in tutta la penisola italiana. 

Sono passati ben 20 anni dal 1998, anno in cui Tiscali Italia S.p.A. è stata fondata. 
Un passato glorioso, un declino, e una rinascita, hanno caratterizzato per sommi capi la sua storia. 

Attualmente, Tiscali copre, stando ai dati del 2016, 688 centrali in ULL ADSL tra le oltre 20.000 dell'infrastruttura TIM (considerando tutti gli apparati dotati di CLLI), per un totale del 42% della popolazione italiana

La copertura in VULA (Virtual Unbundled Local Access), invece, è disponibile nelle sedi OLT di 182 comuni. Il numero di sedi OLT non è reso pubblico, ma dovrebbe corrispondere a circa 350 centrali, come stima approssimativa. 

La copertura su rete OpenFiber è disponibile su solo 5 delle 18 (in costante aumento) città coperte dalla rete.

Tiscali merita più clienti, e i clienti meritano di più da Tiscali.

Chiediamo quindi, a Tiscali Italia S.p.A. e al C.d'A. , in particolare alla figura di Alex Kossuta:

  • Di estendere la copertura su tutte le città OpenFiber attive e pianificate, adottando un modello di espansione simile a quello di WindTre, presente in tutte le città sin dal primo giorno di apertura della vendibilità. 
  • Di stipulare accordi per coprire tutte le aree bianche che cablerà OpenFiber per i bandi Infratel, similmente a come hanno fatto altri operatori.
  • Di estendere la copertura VULA a tutte le centrali in cui Tiscali ha già delle terminazioni della propria rete, e di estendere quest'ultima. Tante, troppe centrali ULL sono rimaste con solo ADSL Tiscali, mentre TIM ha cablato in FTTC o FTTH e altri OLO hanno affittato i KIT, lasciando il cliente con una vecchia tecnologia e costringendolo a cambiare operatore per avere un servizio migliore. 
  • Di attivare il profilo VULA 200/20 su rete TIM e di rendere operativo l'accordo con Fastweb per rivendere la FTTS con profilo sbloccato, la FTTC su KIT VULA affittati da Fastweb (o l'uso delle dorsali Fastweb per poter affittare KIT VULA TIM) e la FTTH con il doppio dell'upload di quella TIM su rete FlashFiber, 
  • Di affittare da TIM i KIT VULA in quantità e misura coerente col numero di clienti attestati su ogni OLT, in modo tale da garantire che la saturazione sia un evento sporadico e non pregiudichi la qualità delle linee degli utenti in tutto l'arco della giornata scendendo sotto la velocità minima AGCOM (quasi esclusivamente le FTTH, talvolta sotto i 200 mega)
  • Di estendere la rete nazionale di Tiscali, per raggiungere centrali strategiche, anche sfruttando dorsali Fastweb, se previsto dall'accordo. La centrale di Bari Centro non è coperta, così come alcune centrali romane circondate da centrali ULL (Viminale), e intere città come Benevento, Caserta, Udine, Aosta, Lecce [...] non sono raggiunte dalla rete Tiscali. Altre sono addirittura sedi di POP ma non hanno alcuna copertura (Avezzano). 
  • Di permettere l'upgrade a tecnologie superiori in ogni caso, soprattutto da ADSL e FTTC verso FTTH VULA, senza perdita del numero. 
  • Di risolvere una volta per tutte i problemi di configurazione dei modem, che spesso non sono in grado di portare a termine o di iniziare il provisioning, a causa di errori nel server ACS - CWMP, probabilmente causati da errare associazioni dei seriali.
  • Di fornire al cliente i parametri e le credenziali per qualsiasi tipologia di connessione dati e per la linea voce, permettendo l'uso del modem libero, e di semplificare i requisiti per la registrazione del VoIP, ispirandosi a operatori come Messagenet e Olimontel, dall'elevatissima compatibilità, fornendo anche eventualmente le configurazioni per gli ATA (gateway) più venduti. Sarebbe interessante anche introdurre un softphone accessibile tramite una app per smartphone. 
  • Fornire a tutti i clienti di rete fissa lo stesso identico modem, con ogni funzionalità sbloccata, senza limitazioni imposte, con il firmware di fabbrica al quale al massimo venga personalizzata l'interfaccia grafica uniformandola agli standard Tiscali. Alternativamente, il modem può essere distribuito con due livelli di accesso, uno per utenti base e uno per utenti esperti, in modo tale da permettere la totale customizzazione della rete domestica e di qualsivoglia impostazione. 
  • Di rivedere  le tariffe per i già clienti, rimaste aggiornate a un anno fa. Con le offerte precedenti erano convenienti rispetto ai nuovi clienti, ma ora che l'offerta per i nuovi clienti è 24,95€ al mese, il cliente è invogliato a cambiare operatore. Sarebbe ideale rendere disponibili le medesime offerte a tutti, con attivazione gratuita e con cambio piano gratuito, filosofia adottata per le MyOpen Tiscali Mobile. 
  • La richiesta di privilegiare le linee fisse alla 4G è stata accolta, o quantomeno si è provveduto a sistemare questa limitazione. 

Invito tutti coloro i quali conoscano centrali dove Tiscali fornisce ULL ma non vende ancora la fibra VULA nonostante TIM sia attiva a segnalarlo all'indirizzo petizionetiscali@gmail.com , per poter costruire una lista ed eventualmente una mappa che allegherò. 

I cittadini italiani devono avere il diritto di potersi abbonare a uno dei pochi operatori storici, onesti ed economici disponibili sul mercato. 

Se almeno uno di questi punti vi coinvolge o se ritenete giusta la petizione, vi invito a firmare. 
Grazie. 



Oggi: Andrea conta su di te

Andrea Di Paolo ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Tiscali, Ripartiamo col piede giusto - estensione rete ULL, OpenFiber e TIM VULA". Unisciti con Andrea ed 64 sostenitori più oggi.