Svuotare i magazzini museali

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


Svuotare i magazzini museali, vuole essere una iniziativa di carattere popolare, divulgativa e culturale, atta a sgomberare gli spazi dedicati alla raccolta dei numerosi reperti (Di ogni epoca) accatastati e spesso dimenticati e/o ignorati dai più. Al contempo, la petizione si focalizza sulla necessità di ampliare ed aprire nuovi siti e luoghi di  a carattere interattivo e museale, ove le opere recuperate, possano essere mostrate nuovamente, o per la prima volta al pubblico nazionale e internazionale, assecondando i più moderni e invitanti criteri d'esposizione. Facciamo dunque appello ad ogni ente ed organizzazione, siano essi pubblici o privati, affinché vengano stanziati fondi, risorse e stabili per la realizzazione di questo progetto. Per troppo tempo si è pensato che con la cultura non sia possibile mangiare e vivere, eppure, la realizzazione di un simile schema organizzativo garantirebbe non solo maggiori introiti nelle casse comunali e statali, ma agevolerebbe il miglioramento qualitativo dei servizi locali e nazionali e, auspicabilmente, ridurrebbe anche una certa quantità di esose imposte. Se un giorno le monarchie saudite decidessero di smettere di estrarre il petrolio, sarebbe la fine delle loro economie. L'Italia ha da troppo tempo smesso di valorizzare il suo patrimonio: questa iniziativa diviene dunque trampolino e portale verso una nuova dimensione della preservazione/divulgazione culturale e di una intelligente ed oculata strategia economica, con il limpido intento di porre al centro dei comuni pensieri, l'unico e vero petrolio che fa bene a noi e al mondo, il quale, fra lo sgomento e l'ammirazione, si chiede come possa un simile patrimonio, essere trattato con così tanta sufficienza e noncuranza.

Su iniziativa di Ascanio Modena Altieri e il Gruppo di Italica Res



Oggi: Ascanio conta su di te

Ascanio Modena Altieri ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Svuotare i magazzini museali". Unisciti con Ascanio ed 16 sostenitori più oggi.