Stop alle discriminazioni nella ricerca di lavoro, per motivi legati all'età anagrafica

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


Chi, non più giovanissimo, si trova nella condizione di dover cercare LAVORO trova molto spesso le porte chiuse.

Si tratta di una DISCRIMINAZIONE incivile, legata all’età anagrafica e che mortifica la dignità di ogni singolo individuo.

Il LEGISLATORE nazionale su tale problematica è contraddittorio, disattento se non complice.

Si segnala, al contrario, che nel Regno Unito (Inghilterra, Galles e Scozia) già dal 1 ottobre 2006 è in vigore una normativa l'"Employment Equality “Age” Regulations" che vieta qualsiasi forma di discriminazione basata puramente e semplicemente sull'età; dunque, ad ogni persona in cerca di occupazione viene per la prima volta attribuito il diritto, legalmente sanzionato, a non subire discriminazioni basate sulla rispettiva età anagrafica.

Una tale istanza è in linea con l'attuale evoluzione demografica dei Paesi occidentali, caratterizzata dall'allungarsi della vita media, inclusa la vita produttiva, e con un mercato del lavoro sempre più inesorabilmente flessibile; per questa ragione l'attuale situazione non conviene più nemmeno ai giovani "UNDER 30" in cerca di occupazione, i quali una volta divenuti "OVER" potrebbero, nel loro percorso lavorativo, quasi sicuramente almeno una volta nella propria vita, subire la medesima discriminazione.

Eliminare, dunque, ogni forma di discriminazione (dal punto di vista legislativo, contributivo, previdenziale e anche culturale) a danno dei lavoratori cosiddetti “OVER”, poichè è compito di uno Stato civile svolgere un'azione sociale per consentire ai cittadini (indipendentemente dal sesso, dalla razza, dalla lingua, dalla religione, dalle opinioni politiche, dalle condizioni personali e sociali, [e DALL' ETA' ANAGRAFICA] ) di lavorare, essendo il lavoro, da un lato, il mezzo per assicurare agli stessi sussistenza e benessere, dall’altro, una delle principali forme di estrinsecazione della personalità umana.

Questo appello è rivolto anche ai giornali e ai media; sarebbe auspicabile, il diniego di ogni inserzione di offerte di lavoro che fanno esplicito riferimento all’età anagrafica del lavoratore.

Un ringraziamento particolare per la foto di copertina al docente e attore cinematografico Enzo Ognibene.



Oggi: Filadelfo conta su di te

Filadelfo De Marco ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Stop alle discriminazioni nella ricerca di lavoro, per motivi legati all'età anagrafica". Unisciti con Filadelfo ed 58 sostenitori più oggi.