Revoca ordinanza di chiusura del Cacio&Pere di Siena

Revoca ordinanza di chiusura del Cacio&Pere di Siena

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Quando arriverà a100 firme, questa petizione avrà più possibilità di essere inserita tra le petizioni consigliate!

Siena Pirata ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Sindaco di Siena

Il Cacio&Pere è un locale di Siena molto apprezzato dai giovani e meno giovani che, oltre al cibo, propone serate musicali a tema. Sembra essere proprio la musica -o meglio, il rumore- la causa di uno scontro con gli abitanti della Via della Stufa Secca che ha portato il Sindaco di Siena -Luigi DeMossi- a promulgare una ordinanza di chiusura, sottoponendo il locale a una serie incredibile di controlli e verifiche di ogni tipo, forse alla ricerca di un qualche "appiglio legale".

Scrive la stampa locale: "Dopo un mese dall’apertura alla Stufa Secca si riaccende nuovamente la polemica legata al locale Cacio e Pere. Qualche settimana a protestare fu un comitato di cittadini che sosteneva di temere che, in una via tranquilla, l’apertura di questa struttura potesse creare situazioni di degrado. Un nuovo capitolo di questa polemica si è aperto ieri quando si è capito che la serata di musica non si sarebbe svolta."

“Il motivo – spiega Luca Cianfarani, uno dei soci – è l’arrivo di un’ordinanza firmata dal sindaco Luigi De Mossi che impone la sospensione delle attività del Cacio e Pere fino a nuova notifica”. Cianfarani sottolinea che è stato chiesto al bar di fare una relazione su tutto quello che viene fatto oltre la ‘somministrazione’ di bevande o cibo. Si parla quindi delle serate di musica, delle mostre artistiche e delle presentazioni di libri.

“Abbiamo già mandato una risposta e speriamo di poter riaprire stasera – prosegue il socio -. Personalmente lo ritengo un atto illegittimo, in questo primo mese abbiamo avuto 17 controlli, 5 verbali dei vigili testimoniano che da noi tutto è in regola. Spendiamo il doppio per la sicurezza, rispettiamo ogni legge e con la musica concludiamo sempre prima di quanto prevede il regolamento. Per questo siamo speranzosi di poter ripartire”.

Scrivono su Facebook: "È noto ai più che tre giorni fa ci è stata notificata un'ordinanza di chiusura dovuta all'urgenza e all'emergenza di risolvere un caso di ordine pubblico.

Siamo stati invitati a depositare una relazione particolareggiata dell’attività di programmazione: l’abbiamo fatto all’indomani. Successivamente, ci è stata chiesta una integrazione: l’abbiamo depositata.

Negli ultimi 2 giorni non ho fatto altro che attendere nella Sala delle Lupe una risposta che non è mai arrivata. Sono stato rimbalzato da un ufficio a un altro, da un funzionario ad un altro....in pratica in attesa di essere preso apertamente per il culo!!!"

Sosteniamo il Cacio&Pere, sosteniamo la causa di questi giovani imprenditori che stanno cercando di portare musica e serate di qualità nella nostra città, sempre più povera di intrattenimento.

 

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Quando arriverà a100 firme, questa petizione avrà più possibilità di essere inserita tra le petizioni consigliate!