PETIZIONE CHIUSA

Spettabile Governo della Repubblica Italiana, spettabile Presidente: Espropriare appartamenti realizzati dal 1940 e inutilizzati da 240 mesi.

Questa petizione aveva 28 sostenitori


Questa iniziativa ha molteplici effetti tutti finalizzati alla eliminazione dei danni provocati dalla bolla speculativa sul costo degli appartamenti residenziali. Sono entrato nel mondo del lavoro all'età di 14 anni. Oggi ho più di 30 anni, ho sempre lavorato e fatto una vita modesta ma non ho capitale sufficiente all'acquisto di un appartamento nella periferia meno cara del mio paese di provincia del sud Italia. Se il Governo attuasse questa semplice azione avremmo che: 1) Lo Stato acquisirebbe beni immobili facilmente rivendibili/locabili (e il deficit si ridurrebbe) senza costi di rilievo 2) Lo Stato offrirebbe gli appartamenti a prezzi rappresentativi del vero valore dell'immobile (eliminando direttamente l'effetto della bolla sugli appartamenti acquisiti) 3) Il mercato degli appartamenti urbani avrebbe un concorrente col quale competere e questo automaticamente abbasserebbe il costo di tutti gli appartamenti urbani. 4) Le aziende costruttrici e tutti i proprietari di appartamenti inutilizzati sarebbero stimolati a vendere o locare l'appartamento ad un prezzo, oggi ritenuto basso, pur di non essere soggetti all'esproprio del bene.

Per tutelare le fasce più deboli, qualora l’immobile sia “prima casa” e l’acquisto della proprietà sia avvenuto mediante mutuo bancario immobiliare, il conteggio dei mesi di eventuale abbandono deve partire dalla data di pagamento dell’ultima rata necessaria all’estinzione del mutuo stesso.

Aiutiamo l'Italia ad uscire da una crisi difficile. Grazie.



Oggi: Giancarlo conta su di te

Giancarlo Romanazzi ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Spettabile Governo della Repubblica Italiana, spettabile Presidente: Espropriare appartamenti realizzati dal 1940 e inutilizzati da 240 mesi.". Unisciti con Giancarlo ed 27 sostenitori più oggi.