Petition Closed

Pacco, doppio pacco e contropaccotto, ancora e sempre monnezza!

Sembra che non si trovi mai pace, in questo paese benedetto dalla natura e maledetto dagli uomini, la monnezza , la sua gestione e adesso persino la sua sorveglianza appaiono sempre scelte scellerate.

Con un bando, la Provincia di Napoli indice una GARA PER L’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI VIGILANZA DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI SITI E DISCARICHE GESTITE DA S.A.P. NA. SpA E FORNITURA E POSA IN OPERA DI IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA.

Il contratto, della DURATA DI 36 MESI, ha un costo di 12 milioni di euro per 6 siti di stoccaggio. Una gara affidata "discrezionalmente", senza entrare nell'ambito della congruità di questa spesa, che appare cmq enorme per durata temporale e per il limite della sorveglianza alle discariche e ai siti "ufficiali".

Ci chiediamo, quindi, se a luglio la gestione del rifiuto sarà a carico dei Comuni,  cosa succederà di questo impianto di sorveglianza? Ricadrà nella gestione comunale? Succederà come ad Acerra (guarda il video di Striscia la Notizia) dove la provincia ha installato un sistema di sorveglianza per monitorare gli eventuali sversamenti abusivi di rifiuti e materiali pericolosi e, nonostante fossero state spese cifre ragguardevoli, il sistema di videosorveglianza non funziona? E le autorità provinciali che avrebbero dovuto gestire questo servizio hanno scaricato la responsabilità del mancato funzionamento addossando tutte le colpe al Comune di Acerra che non si sarebbe reso parte dirigente abbandonando a se stesso questo costosissimo sistema di monitoraggio. Si veda questo articolo sul Sole 24ore.

E a Napoli succederà la stessa cosa? Sprecheremo 12 milioni di euro per non ottenere nulla?

Infine notiamo che la Sapna è una società pubblica che avrebbe dovuto agire per risolvere l’emergenza redigendo il piano industriale, il piano d’ambito, supportare la raccolta differenziata e tutto quanto necessario per uscire dalla crisi rifiuti. Ma la gestione degli impianti è arrivata sotto la sua competenza solo nel 2011. Intanto, però, la società è stata capace di spendere 2.418.072,19 euro per il costo totale del lavoro nel 2010, quando di fatto le sue competenze erano pressoché zero. Per approfndire, leggere questo articolo.

Quindi Sindaco, visti i precedenti sono già "scoraggianti", cerchiamo di evitare questo pacco?

Letter to
Sindaco di Napoli
Sindaco della Città di Napoli Luigi De Magistris
Pacco, doppio pacco e contropaccotto
ancora e sempre monnezza!
Sembra che non si trovi mai pace, in questo paese benedetto dalla natura e maledetto dagli uomini, la monnezza , la sua gestione e adesso persino la sua sorveglianza appaiono sempre scelte scellerate.
Con un bando, la provincia di napoli
http://www.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.provincia.napoli.it%2FMicro_Siti%2FGare%2FProvveditorato_archivio_bandi%2FProvveditorato%2FModule_Content_0125.html%3Furi%3D%2FMicro_Siti%2FGare%2FNavigazione_Sinistra%2FAvvisi_di_gara%2Findex.html&h=hAQF0WuKm
indice una GARA PER L’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI VIGILANZA DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI SITI E DISCARICHE GESTITE DA S.A.P. NA. SpA E FORNITURA E POSA IN OPERA DI IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA
il contratto della DURATA DI 36 MESI ha un costo di 12 milioni di euro per 6 siti di stoccaggio una gara affidata "discrezionalmente"
senza entrare nell'ambito della congruità di questa spesa, che appare cmq enorme per durata temporale e per il limite della sorveglianza alle discariche e ai siti"ufficiali" ci chiediamo:
a luglio la gestione del rifiuto sarà a carico dei Comuni , e cosa succederà di questo impianto di sorveglianza?
ricadrà nella gestione comunale?
succederà come ad acerra http://www.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.striscialanotizia.mediaset.it%2Fvideo%2Fvideoextra.shtml%3F16632&h=OAQGvdowT dove la provincia ha installato un sistema di sorveglianza per monitorare gli eventuali sversamenti abusivi di rifiuti e materiali pericolosi e nonostante fossero state spese cifre ragguardevoli sistema di videosorveglianza non funziona e le autorità provinciali che avrebbero dovuto gestire questo servizio hanno scaricato la responsabilità del mancato funzionamento addossando tutte le colpe al Comune di Acerra che non si sarebbe reso parte dirigente abbandonando a se stesso questo costosissimo sistema di monitoraggio??
a Napoli succederà la stessa cosa?
Sprecheremo 12 milioni di euro per non ottenere nulla?
in ultimo e non da ultimo notiamo come http://www.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.ilsole24ore.com%2Fart%2Fnotizie%2F2012-10-18%2Femergenza-rifiuti-napoli-consulenze-122855.shtml%3Fuuid%3DAbIZjOuG&h=bAQEBvXlk
La Sapna è una società pubblica che avrebbe dovuto agire per risolvere l’emergenza redigendo il piano industriale, il piano d’ambito, supportare la raccolta differenziata e tutto quanto necessario per uscire dalla crisi rifiuti. Ma la gestione degli impianti è arrivata sotto la sua competenza solo nel 2011. Intanto, però, la società è stata capace di spendere 2.418.072,19 euro per il costo totale del lavoro nel 2010, quando di fatto le sue competenze erano pressoché zero.
http://www.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.terranews.it%2Fnews%2F2011%2F02%2Fsapna-le-spese-pazze-della-societa-senza-poteri&h=mAQH7v9sN
quindi i precedenti sono già "scoraggianti"
Sindaco cerchiamo di evitare questo pacco?