NO AL GIARDINO DELLE CREMAZIONI DI GAETA

NO AL GIARDINO DELLE CREMAZIONI DI GAETA

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 500 firme!
Nicola Petrarca ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Sindaco di Gaeta e a

 "No Inceneritore di Gaeta" il forno crematorio che il Comune intende realizzare in zona sant'Angelo. È  stata lanciata questa raccolta firme per fermare il progetto.  Il presidenti dei vari comitati , hanno anticipato le altre iniziative: informare la popolazione su rischi e impatti tramite passaparola, volantinaggio, comunicazione via social e stampa, incontri e non si esclude un ricorso al T.A.R. Lazio. "Nella raccolta vogliamo coinvolgere anche i comitati di quartiere  – e dialogheremo con vari rappresentanti politici, comunali, regionali, nazionali ed europei, per bloccare l’iniziativa. Il comitato non ha colore politico, è trasversale, è una battaglia di buon senso.  Il gruppo evidenzia soprattutto la "non idoneità" della città nell’accogliere un nuovo inceneritore, "attività industriale insalubre di prima classe". " Non ci sono studi che tranquillizzano la popolazione, ci sono gravi rischi sulla salute e sulla qualità delle acque. In passato, pochissime persone hanno scelto di cremarsi e un inceneritore non risolverebbe minimamente l’ipotetico problema della mancanza dei loculi. Non si può infatti costringere la gente a cremarsi, l’autorizzazione alla cremazione è concessa nel rispetto della volontà espressa dal defunto o dai familiari. C’è una legge, la 130. Inoltre, l'area dove sorgerebbe  è vicino alle abitazioni, con i conseguenti rischi per la salute e le potenziali, negative ricadute economiche sugli immobili e sull’economia locale in settori come l’agricoltura e il turismo. Le principali agenzie mondiali parlano di rischi per la salute e nel territorio nazionale questi impianti chiudono e riaprono per sforamento di emissioni, in particolare diossina". Nella città  di Catel Volturno, nella vicina Campania esiste gia'  un forno , la citta' di Gaeta nota per le sue coste e le sue spiagge  non necessita di queste escamotage per fare cassa "A 20 metri ci sono delle case dove risiedono bambini quelli che bisogna preservare per il futuro e a 200 mt un famoso sito archeologico. Iscritti alla nostra pagina facebook al seguente link : https://www.facebook.com/groups/988844504976273/?ref=share

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 500 firme!