STOP alla CEMENTIFICAZIONE di Forlì!

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


FERMIAMO LA CEMENTIFICAZIONE A FORLI'!
Chiediamo ai consiglieri comunali di Forlì di non approvare la variante in discussione nel consiglio comunale del 19 dicembre 2017 e di aprire un dibattito aperto e partecipato nella città. Con questo mostro di variante sarà un Natale di cemento.
Clicca qui per vedere tutti i documenti
La variante e le zone colpite
Con la variante ai piani urbanistici vigenti, infatti, si individuano, nel solo territorio di Forlì, ben 96 nuove aree per l’insediamento di 25 strutture medio grandi di vendita (superiori ai 1500 mq) e 71 medio piccole, inferiore ai 1500 mq che si andranno ad aggiungere alle 109, medie e grandi strutture già esistenti. Il 75% di questi nuovi insediamenti ricadono in aree già parzialmente o interamente urbanizzate/edificate e il 25% in aree non ancora urbanizzate.

Ronco
A fronte di una nuova struttura di 5000 mq, l'area di verde di pubblico di 8322 mq  (che è obbligatorio realizzare quando vengono costruiti edifici di tali dimensioni) sarà monetizzata per il 25%, mentre la restante parte viene  convertita in una nuova forestazione tra i fiumi Rabbi e Montone, alla larga da dove avviene la cementificazione.

Zona Ospedale
Invece, intorno al il Polo ospedaliero si aumenta la superficie di vendita dal 1500 a 2500 mq (passando da una medio piccola a una medio grande): dovremmo scordarci l’espansione del Parco Urbano o eventuali infrastrutture attinenti l’ospedale.


Altre aree per l'allargamento dei supermercati
L’apertura di nuovi supermercati o l’ingrandimento di quelli esistenti vedranno coinvolte moltissime aree:

  • Pieve Acquedotto: viene raddoppiata la potenzialità edificatoria, a fronte di una contribuzione monetaria al Comune
  • Ospedaletto: è prevista un’altra struttura medio grande, fino a 5000 mq
  • Foro boario: si amplia la potenzialità edificatoria alle strutture fino a 2500 mq
  • Centro Commerciale I Portici: viene raddoppiata la superficie di vendita . 

Complessivamente le modifiche riguardano migliaia di mq che condizioneranno  la geografia economica ed ambientale del Comune di Forlì: per questo motivo è necessario fare  un vero approfondimento con i cittadini stessi.  
Con questa variante, la pianificazione pubblica e collettiva viene subordinata agli interessi privati, in contrasto con il benessere di cittadini e della natura. La concorrenza, moltiplicando supermercati e i grandi centri commerciali, distrugge il tessuto commerciale medio piccolo e provoca storture enormi urbanistiche e ambientali, lasciandoci spesso con enormi cattedrali del deserto. Vi sembrano migliori livelli di qualità della nostra vita?



Oggi: Forlì conta su di te

Forlì Rifondazione Comunista ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Sindaco di Forlì: STOP alla CEMENTIFICAZIONE di Forlì!". Unisciti con Forlì ed 263 sostenitori più oggi.