Consiglio comunale straordinario sulla situazione del Castello di Altavilla Silentina

Consiglio comunale straordinario sulla situazione del Castello di Altavilla Silentina

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.

Diomira Cennamo
Diomira Cennamo ha firmato questa petizione

Egregio Sig. Sindaco,

Il 4 settembre del 2019 esce sul settimanale a carattere nazionale Panorama un articolo a firma del giornalista Antonio Amorosi con il titolo “Salvate quel castello dal disastro”.

Grande è stata l’eco, a livello locale e nazionale, per l’inchiesta che ha evidenziato tutte le criticità e le manchevolezze che hanno purtroppo costellato la vicenda prima dell’acquisto e poi dei lavori non conformi a tutte le regole prescritte, fino al blocco totale degli stessi ormai da molti anni.

Grande è la ferita inferta al nostro territorio in quanto, è nostra convinzione, in mancanza di una soluzione di risanamento e fruibilità pubblica del Castello, vane saranno tutte le possibilità di riappropriarsi della nostra identità storica e culturale. Inoltre l’eventuale fruibilità dello stesso creerebbe le condizioni favorevoli per uno sviluppo del nostro comune, con evidenti ricadute sull’economia dell’intero territorio, anche e soprattutto alla luce degli sviluppi futuri legati all’ampliamento dell’aeroporto Salerno-Costa d’Amalfi.

Le stesse perplessità sono state evidenziate anche nel dibattito pubblico svoltosi presso l’auditorium comunale il giorno 15 settembre 2019, alla presenza di numerosi altavillesi che hanno partecipato attivamente alla discussione.

In tale ambito, oltre alla relazione mirabilmente svolta dal giornalista Antonio Amorosi, a tutti noto in quanto altavillese di origine e nell’animo, anche due rappresentanti del nostro Parlamento hanno voluto dare il loro contributo, attraverso messaggi diretti alla nostra cittadinanza.

Il primo è stato quello dell’Onorevole Gianluca Vinci, Vicepresidente della Commissione Affari Costituzionali, che ha preannunciato una sua interrogazione parlamentare sulla vicenda del Castello Normanno di Altavilla Silentina ed esorta (citiamo dal testo) “il Ministero a che si occupi di questo Castello e verifichi eventuali opportunità per una restituzione, un’acquisizione, o comunque vigili su che cosa sta succedendo a questo Castello”.

Il secondo intervento è stato quello del Senatore Mauro Coltorti, Presidente della Commissione Lavori Pubblici, che testualmente dichiara: “Il nostro paese è ricco di beni culturali che non ha eguali al mondo. Purtroppo, chi dovrebbe verificare per conservare e valorizzare questi beni e questo patrimonio spesso gira il volto dall’altra parte e si presta ad operazioni di dubbio valore. La magistratura indagherà su come è stato possibile che un Castello come quello di Altavilla Silentina così pregno di valori storici e culturali, sicura attrazione turistica, possa essere stato svenduto per un tozzo di pane. Come è possibile che i lavori di restauro sono stati condotti senza autorizzazioni e controlli, praticamente davanti agli uffici comunali, in una località dove nulla passa inosservato? Avevamo segnalato il tutto al Ministero dei Beni Culturali, che ci aveva assicurato che avrebbe indagato. Ora chiederemo la stessa cosa al Ministro Franceschini di fresca nomina. Dobbiamo però tutti insieme vigilare affinché nessuna parte del nostro patrimonio culturale sia compromesso o addirittura distrutto”.

Pertanto, i cittadini, con il Gruppo Civico per il recupero e la valorizzazione del Castello Normanno di Altavilla Silentina, chiedono alla S.V. di indire un Consiglio Comunale Straordinario e monotematico con all’o.d.g.: “Castello Normanno di Altavilla Silentina, discussione e provvedimenti”. In subordine, di voler inserire tale o.d.g. nel prossimo Consiglio comunale, come da statuto (art. 42).

Sicuri di una sua positiva accettazione, formuliamo distinti saluti.