NO alla privatizzazione del cimitero di Mottola

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.


Diciamo NO alla privatizzazione del cimitero di Mottola!

I sottoscritti cittadini chiedono che l'amministrazione comunale di Mottola rinunci ufficialmente al "Project financing" relativo al cimitero, in quanto ritengono che la privatizzazione dei servizi cimiteriali produca un aumento indiscriminato dei costi a carico della cittadinanza.

                                                         ------------------------

IL CIMITERO DI MOTTOLA NON SI TOCCA !!!

LA SITUAZIONE
Con la delibera di approvazione del piano triennale delle Opere Pubbliche 2019/2021,  la Giunta Barulli, ha palesato la volontà di privatizzare la gestione dei servizi cimiteriali ricorrendo al  cd. “project financing”.

“PROJECT FINANCING”: DI COSA SI TRATTA?
Il project financing è una operazione di tecnica di finanziamento a lungo termine di un progetto in cui il ristoro del finanziamento stesso è garantito dalle entrate previste dalla attività di gestione o esercizio dell'opera stessa. In sintesi si tratta del coinvolgimento di soggetti privati nella realizzazione, nella gestione e soprattutto nel farsi carico totale o parziale dei costi di opere pubbliche o opere di pubblica utilità, in vista di entrate economiche future che rappresentano la caratteristica principale del project financing.

COSA SI PROSPETTA PER IL CIMITERO DI MOTTOLA?
L’amministrazione Barulli vorrebbe realizzare dei nuovi loculi, attraverso il ricorso al “project financing” e quindi, di fatto, privatizzando i servizi cimiteriali.  In altri termini, il soggetto privato si accolla l’investimento per la costruzione di nuovi loculi ed altre attività ed in contropartita gli viene riconosciuto, per un periodo normalmente molto lungo, il diritto di vendere in proprio i loculi, le cappelle e di gestirebbe tutti i servizi connessi, ovvero ad esempio la tumulazione, la manutenzione, fino alla gestione delle lampade votive, etc etc.

PERCHE’ SIAMO CONTRARI?
Da che mondo è mondo, nessuno fa niente per niente, un privato investe solo per trarne un tornaconto (diremmo anche giustamente e legittimamente), e con l’intervento esterno di capitali extra comunali, i profitti che gli investitori realizzeranno saranno tutti a carico dei cittadini, con un aumento certo ed esagerato dei costi, così come è dimostrato dall’esperienza di tutti quei comuni che hanno deciso di percorrere questa strada.

PERCHE’ SIAMO PRONTI AD UNA MOBILITAZIONE POPOLARE?
Secondo il nostro parere i servizi cimiteriali, coinvolgono tutti gli individui e non possono essere considerati alla stregua della gestione di altri servizi meramente “commerciali”, in quanto necessitano di particolare attenzione poiché si incrocia la sensibilità e la dignità di ogni persona, anche dopo la morte. Le logiche speculative e di guadagno dovrebbero restare fuori dai cimiteri.

Non possiamo accettare che si faccia profitto sui lutti dei mottolesi!

LA NOSTRA PROPOSTA
Ci auguriamo che l’amministrazione abbia un sana resipiscenza e che rinunci alla volontà di privatizzare i servizi cimiteriali e che il servizio continui ad essere gestito dal Comune, attraverso la propria organizzazione, in quanto è un campo che purtroppo non conosce crisi economica e non c’è nessuna motivazione logica e fondata per privatizzare.