Diretta a Sindaco Comune Due Carrare (PD) ed a(d) 5 altri

Salviamo il Catajo – Salviamo il territorio

0

0 hanno firmato. Arriviamo a 7.500.

Salviamo il Catajo – Salviamo il territorio

L’appello del Coordinamento delle Associazioni dei Colli Euganei

 

Il più grande ipermercato della provincia di Padova davanti alla più imponente e magnifica dimora storica del Veneto: il castello del Catajo. Possibile? È quanto un’azienda privata, legata ad un fondo pensionistico statunitense, sta cercando di portare avanti nel Comune di Due Carrare nei pressi del casello ‘Terme Euganee’ dell’autostrada A13.

L’opera, se verrà realizzata,

·         Distruggerà per sempre lo straordinario contesto paesaggistico dei Colli Euganei che in quella parte accoglie sia il complesso monumentale del Catajo sia Villa Dolfin, detta “la Mincana”, preziosa villa veneta;

·         Distruggerà uno dei modelli di sviluppo coerente con il contesto territoriale proposto dal Castello del Catajo, oggetto in questi anni di un serio restauro e di un rilancio turistico e culturale lungimirante;

·         Inferirà un colpo mortale al commercio locale, alla piccola rete di vendita e al tessuto urbano ad essi collegato, contribuendo in modo definitivo alla desertificazione dei nostri centri storici;

·         Non porterà le alte previsioni occupazionali sbandierate perché esse saranno bilanciate in modo significativo e pesante dai licenziamenti che inevitabilmente si produrranno nel tessuto commerciale e produttivo circostante;

·         Non garantirà al Comune ospitante oneri di urbanizzazione in grado di compensare e ripagare nemmeno in minima parte il danno ambientale ed economico provocato da questi 146.000 metri quadrati di suolo consumato;

·         Rinforzerà le logiche di devastazione prodotte da interventi di speculazione finanziaria secondo cui i profitti si ricavano dal depauperamento del suolo, riversando i costi sull’ambiente e sulla collettività.

Inoltre, nel raggio di pochi chilometri, altre grandi opere stanno per produrre un ingente consumo di suolo vergine, ispirandosi alla stessa logica.

 La terza corsia A13 Monselice-Padova

L’intervento prevede la realizzazione della terza corsia nel tratto autostradale compreso tra lo svincolo di Monselice e l’interconnessione dell’A13 con l’A4, per uno sviluppo complessivo di circa 12.25 km che produrrà 130.000 mq di cementificazione in un territorio che ha già dimostrato in modo grave la sua fragilità idrogeologica.

Ma i dati attuali, che registrano una riduzione di movimento del 10%, e le più realistiche previsioni future sul traffico non giustificano assolutamente l’opera.

Chi ci guadagnerà allora? Grazie agli accordi tra Anas e Autostrade S.p.a., che consentono di prorogare le concessioni in cambio d’investimenti, la società che attualmente gestisce il tratto eviterà così le gare pubbliche e si assicurerà per molti anni ancora tutti i profitti: i ricavi dei concessionari autostradali sono passati da 2.5 milioni di euro nel 1992 a 278 milioni nel 2015!

Serie politiche dei trasporti, invece, dovrebbero perseguire scelte complessive in grado di rendere più efficiente il trasporto pubblico e privilegiare forme meno impattanti sul territorio e sulla salute delle persone rispetto al trasporto su gomma.

Il polo logistico Agrologic di Monselice

Si tratta di un polo logistico agro-alimentare, che consiste in capannoni destinati alla lavorazione, al confezionamento, allo stoccaggio e alla distribuzione di prodotti agro-alimentari, con annesse funzioni amministrative e gestionali.  L’intervento deriva da un accordo pubblico/privato presentato da CERVET S.p.A. al Comune di Monselice e approvato dal consiglio comunale a settembre 2016. L’investimento di 280 milioni € interessa un’area di 321.000 mq, dei quali 133.500 mq saranno destinati a edifici alti fino 32 m.

Ancora una volta, in modo irresponsabile, si è scelto di consumare un’imponente quantità di suolo agricolo invece che agire sulla zona industriale esistente, piena di aree abbandonate e in degrado. I posti di lavoro creati saranno in buona parte coperti dai trasferimenti derivati dalle chiusure di centri analoghi presenti nella provincia.

Nella nostra Regione il consumo di suolo sembra inarrestabile.

Altri nuovi poli commerciali o direzionali sono in costruzione in tanti altri luoghi della provincia e della Regione, come quello eclatante del centro Aliper ad Abano Terme che, grazie a varianti urbanistiche sciagurate, verrà costruito proprio di fronte alla settecentesca Villa Mocenigo Mainardi, una tra le più importanti ville di Abano Terme.

Il nostro è un appello a tutti gli amministratori e a tutti i soggetti sociali affinché

Ø  Sia possibile fermare queste devastazioni e queste speculazioni dimostrando, così, una capacità di gestione del patrimonio comune che sa guardare lontano con intelligenza e onestà;

Ø  Sia possibile consegnare alle future generazioni un’ampia estensione di suolo coltivabile e il patrimonio ambientale e architettonico che abbiamo ereditato... non gli scheletri dei capannoni con i quali abbiamo riempito tutta la nostra Regione.

Riferimenti appello info@lasciatecirespirare.it - coord_ass_amb@libero.it

Questa petizione sarà consegnata a:
  • Sindaco Comune Due Carrare (PD)
  • Presidente Provincia di Padova
  • Ministero dei
  • Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare
  • Presidente della Regione Veneto
  • Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

miazzi francesco ha lanciato questa petizione con solo una firma e ora ci sono 5.665 sostenitori. Lancia la tua petizione per creare il cambiamento che ti sta a cuore.




Oggi: miazzi conta su di te

miazzi francesco ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Sindaco Comune Due Carrare (PD) : Salviamo il Catajo – Salviamo il territorio". Unisciti con miazzi ed 5.664 sostenitori più oggi.