recinzione area dune lido estensi a difesa del fratino (Charadrius alexandrinus)

recinzione area dune lido estensi a difesa del fratino (Charadrius alexandrinus)

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


Nella zona del Lido degli Estensi e precisamente nel tratto di spiaggia libera a sud del canale navigabile di porto garibaldi esiste un'area dove nidifica il fratino (Charadrius alexandrinus), un piccolo uccello in via di estinzione che
predilige proprio quella zona per nidificare e allevare la sua prole.
Le uova vengono deposte sulla sabbia fidando nella loro invisibilita' e sono protette dai genitori, nel caso di avvicinamento di predatori, con vari comportamenti distraenti, fingendosi feriti ad esempio e allontanandosi dalle uova o dai piccoli.
Da anni volontari appassionati seguono la nidificazione monitorandola per giorni e giorni. Solo quest'anno sono stati messi in sicurezza ben 4 nidi in un area di 50 metri per 50, con procedure collaudate da tempo dai vari gruppi che in tutta Italia si occupano della salvaguardia di questa specie.
Purtroppo però una cosa è proteggere i nidi tutt'altra cosa permettergli
di allevare la prole in tranquillità.
I Fratini sono una specie nidifuga (cioè I piccoli appena nati abbandonano il nido
per alimentarsi di piccoli invertebrati che trovano tra la sabbia) e in questa fase della loro crescita che precede l'involo sono esposti ad una serie di rischi, spesso legati alle attività umane. ***
Proprio quell'area ad esempio viene usata per far correre i cani liberi o per ammucchiare immondizia che poi
con trattori e camion viene portata via.
La richiesta al comune è di collaborare con le iniziative dei volontari e delle Associazioni ornitologiche locali e permettere che tale zona venga
recintata con una rete a maglie larghe che possa permettere ai piccoli animali di passare ma non ai cani liberi e ai bagnanti nel periodo della nidificazione che va da marzo ad agosto.
La richiesta riguarderebbe un tratto di spiaggia libera non usata dai bagnanti in quanto rimane ad una distanza di almeno 50 metri dalla battigia.
Tra l'altro la zona è pregevole dal punto di vista ambientale per la presenza di una vegetazione tipica delle spiagge e delle dune piuttosto rara nella zona e che si potrebbe anche valorizzare.
L' intesa tra comune e associazioni naturalistiche potrebbe essere infatti l'inizio di una collaborazione reciproca che con semplici provvedimenti mirati porterebbe a conservare la zona in modo adeguato e corretto e a progettare iniziative di educazione ambientale per tutta la popolazione.
In allegato una mappa della zona interessata all'eventuale recinzione