Paola Clemente morta sul lavoro Cavaliere del lavoro

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


Paola Clemente era una cittadina italiana di 49 anni originaria delle Puglie, sposata e madre di tre figli. Il 13 luglio di 3 anni fa, Paola, dopo una dura giornata di lavoro nei campi, morì per uno scompenso cardiaco; in pratica, al di là della terminologia medica, morì letteralmente di fatica anche per l'elevata temperatura.
Come tanti altri nostri connazionali Paola, a causa della crisi economica che si protrae ormai da un decennio e della endemica mancanza di lavoro soprattutto nel sud del nostro paese, si era venuta a trovare nella necessità di accettare quell'occupazione nel settore della raccolta dell'uva per contribuire al mantenimento della sua famiglia. Ogni giorno questa nostra sorella usciva di casa in provincia di Andria alle 3 del mattino per raggiungere i campi dopo due ore di viaggio per poi tornare non prima delle cinque del pomeriggio, a volte anche più tardi. Tutto questo era ricompensato con 27 euro al giorno.
Nonostante la durezza del lavoro Paola viveva un'esistenza serena e felice consapevole che, con i suoi sacrifici, stava contribuendo alla costruzione di un futuro migliore per i suoi figli.
Con questa petizione si chiede il riconoscimento alla memoria del titolo di Cavaliere del Lavoro per la nostra concittadina al fine di onorare il suo coraggio, la sua determinazione, il suo sacrificio, la sua dignità di donna, di madre italiana del sud che, al pari di tanti altri uomini e donne del nostro paese, non ha avuto paura di svolgere un lavoro duro ma onesto per crescere i suoi figli.
Con la sua vita e con il suo sacrificio Paola ha onorato, attraverso il lavoro, il suo paese, dando un senso compiuto alla nostra costituzione laddove elemento fondante della Repubblica è definito, per l'appunto, il lavoro.



Oggi: Pierluigi conta su di te

Pierluigi Scarano ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Sergio Mattarella: Paola Clemente morta sul lavoro Cavaliere del Lavoro". Unisciti con Pierluigi ed 81 sostenitori più oggi.