Non più tagli all'istruzione pubblica per finanziare Istituti d'istruzione privati

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


Illustr.mo Presidente Mattarella. Alla luce del perdurare dello stato di precarietà nella sovvenzione di opportune risorse pubbliche per garantire il livelli minimi di istruzione ad ogni cittadino sul territorio IIaliano; alla luce dell’annosa precarietà nella disponibilità di personale accademicamente preparato per l’offerta di istruzione speciale ai portatori di disabilità varie quali disturbi specifici dell’apprendimento, tra i molti altri; vista altresì la perdurante difficoltà a garantire le dovute opere di messa a norma, ristruttazione, messa in sicurezza delle infrastrutture adibite all’esercizio dell’istruzione pubblica e che accolgono milioni di cittadini sia in età d’obbligo scolare che non, chiediamo preoccupati che Lei, in veste dell’Alto mandato Istituzionale che riveste e delle relative competenze, consci della sua profonda conoscenza e ricerca accademica in materia di Diritto Costituzionale, tra le altre discipline, impedisca possa impedire ove necessario l’approvazione di decreti e leggi ordinarie che depauperino di fatto le risorse pubbliche per l’Istruzione Statale. Pur non essendoci necessità di ricordarlo a Lei, confidiamo nel rispetto dell’Art. 33 della Costituzione della Repubblica Italiana, del quale il seguente è un estratto: “La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi. Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato”. Cordialmente e con stima, un suo concittadino,
Andrea De Casa



Oggi: Andrea conta su di te

Andrea De casa ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Sergio Mattarella: Non più tagli all'istruzione pubblica per finanziare Istituti d'istruzione privati". Unisciti con Andrea ed 8 sostenitori più oggi.