Luigi Di Maio, M5S, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.


Luigi Di Maio, esponente Premier del Movimento Cinque Stelle, primo partito nazionale con il 32% delle preferenze espresse nel voto elettorale del 4 marzo 2018. 

Luigi di Maio ha espresso la propria volontà  nonché pronto a prendersi la responsabilità nel guidare il Governo alla Presidenza del Consiglio dei Ministri nei prossimi anni di Governo.  

E' inopinabile che il M5S è il primo partito nel Paese . 
Luigi Di Maio, ha reiterato più volte, la già pronta predisposizione al Governo da parte di tutto lo staff del M5S che il giovane premier ha iniziato a tracciare già da tempo. 

Luigi di Maio è l'unico candidato Premier ad avere già una squadra di Ministri che, durante tutto il periodo di transizione delle promozioni politiche, si sono già occupati a stilare i punti cardini che, oltre a confluire sinergicamente i loro programmi, avranno come interesse principale il benessere di tutto il Paese, di tutto il tessuto sociale in ogni suo livello economico sociale, e nel pieno rispetto dell'asse di credibilità e coordinamento dettato dall'Unione Europea.

Avendo il M5S, raggiungo il 32% dei consensi degli elettori, ed in controtendenza alla coalizione del CDX, dove non vi è alcun partito che non abbia superato la soglia del 20%, credo sia doveroso, in linea con la volontà evidente del popolo, far confluire la porzione dei voti utili a somma delle preferenze già accertate, per dare credibilità ad una reale maggioranza, votata, piuttosto che far investire l'incarico di presidenza del consiglio dei ministri al partito di coalizione che in totale ha ottenuto un massimo di 17% di voti. ? 

Il Tandem  M5S-Lega, potrebbe voler dire un'arrampicata difficile ai vertici nazionali, piuttosto che una dinamica politica con inevitabili attriti, ma a quel punto spetterebbe a Lei Presidente Mattarella armonizzare ogni parte in causa, però di certo avremmo un pugno duro per il rispetto nel quadro Europeo che la stessa Nazione Italia merita. Altra volontà di coalizione potrebbe aprirsi a seguito delle dimissioni di Renzi dalla  Segreteria di Partito del PD,  il quale gesto , permetterebbe sia di mantenere solido il Governo, un programma del M5S condiviso, e una spinta economica per mantere le Borse a livelli concorrenziali.

Ma perchè proprio Luigi Di Maio alla Presidenza del Consiglio dei Ministri?

La preferenza raggiunta dal M5S dimostra ancora una volta la volontà degli elettori, gravemente danneggiati da una legge elettorale il "Rosatellum BIS" , che si sono trovati a far fronte ad una riforma elettorale tarlata da vizi di incostituzionalità perché "il voto non è sempre uguale, non è libero e non personale".

È incostituzionale in base alla sentenza della Consulta che affossò il Porcellum.

In quella sentenza i giudici fanno un riferimento molto preciso ad una sentenza del TRIBUNALE FEDERALE TEDESCO DEL 25 LUGLIO 2012 sui mandati aggiuntivi. La nostra Corte, non avendo precedenti di annullamenti di leggi elettorali nazionali, li ha dovuti prendere da un ordinamento omogeneo che non avesse costituzionalizzato il sistema elettorale. Ad ogni modo il loro articolo 38 e il nostro 48 delle Costituzioni sono perfettamente sovrapponibili.

Lo stesso Costituzionalista Pinelli ha affermato che "il Rosatellum Bis" mina l'indipendenza delle istituzioni" con unaforzatura politica che porta inevitabilmente ad una scelta di Governo anti-democratica rispetto al Voto degli elettori, e così sta accadento.   

Nel rispetto dei "numeri" Vi chiediamo una scelta democratica e ragionata, il destino dell'Italia e della Repubblica è in mano Vostra. 

Faccia la scelta più democratica possibile, Luigi Di Maio Presidente del Consiglio dei Ministri.



Oggi: DAVIDE conta su di te

DAVIDE CONGIATU ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Sergio Mattarella: Luigi Di Maio, M5S, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana". Unisciti con DAVIDE ed 2.753 sostenitori più oggi.