La Salute Mentale è un diritto di tutti: ripensiamo per rinforzarlo, il SSN

La Salute Mentale è un diritto di tutti: ripensiamo per rinforzarlo, il SSN

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.
Le petizioni con più di 5000 firme hanno il 50% di probabilità in più di raggiungere la vittoria!
Sarantis Thanopulos ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Sergio Mattarella (Presidente della Repubblica Italiana) e a

La Salute Mentale pubblica è in profonda crisi per adulti, bambini e adolescenti. Si sta ingabbiando in un dispositivo assistenziale che, strutturato sul trattamento farmacologico sintomatico, trasforma le persone sofferenti in esistenze diagnostiche spersonalizzate. È necessario uscire dalla stagnazione attuale per costruire un servizio di cura pubblico fondato sul pluralismo scientifico e sull’équipe territoriale.

La centralità dell’équipe territoriale è fondata sul principio che la persona sofferente deve essere presa in cura nella comunità in cui vive e di cui è parte. L’équipe deve integrare in un approccio multidisciplinare dialogante le diverse, ma complementari, culture scientifiche della salute mentale:

- il contenimento farmacologico dell’angoscia e della depressione;

- la psicoterapia (psicoanalitica, cognitivo-comportamentale, relazionale sistemica, fenomenologica e di altri indirizzi) che elabora il dolore e restituisce alla persona sofferente il senso della propria esistenza;

- il reinserimento socio-culturale e lavorativo di chi soffre, incluso lo sviluppo delle potenzialità di una sua espressione creativa.

L’équipe richiede una buona formazione specialistica nei diversi saperi che essa integra in una cultura unitaria di cura, la valorizzazione delle altre professioni della presa in carico (infermieri, assistenti sociali, cooperatori del privato sociale), la collaborazione costante con le istituzioni e con gli ambienti della cultura, della letteratura, del teatro, del cinema, dell’arte. Luogo di ricerca e di formazione permanente essa deve garantire un lavoro rigoroso di prevenzione e la partecipazione attiva e organizzata dei soggetti sofferenti e dei loro familiari.

Il diritto alla salute mentale è un diritto fondamentale. Soprattutto per chi il benessere psichico l’ha perso e si trova ai margini della società. Investire fortemente nella salute mentale è necessario alla costruzione di una società democratica, equa e garante di una buona qualità di vita. L’investimento, ragionato e lungimirante, deve dare assoluta priorità al servizio pubblico. Senza il buon funzionamento di quest’ultimo, l’intero sistema di cura psichica va in crisi.

Il tempo è maturo per la convocazione degli Stati Generali della Salute Mentale aperti agli operatori, a esponenti della società civile, alle forze politiche del nostro paese. Per disegnare un futuro nuovo per coloro che soffrono e per tutti noi.

La petizione è collegata al Manifesto della Salute Mentale. Vedi su www.dirittoallasalutementale.it

Angelo Barbato, Istituto Mario Negri Milano

Antonello D’Elia, Presidente di Psichiatria Democratica

Pierluigi Politi, Ordinario di Psichiatria Università di Pavia

Fabrizio Starace, Presidente Società Italiana di Epidemiologia Psichiatrica

Sarantis Thanopulos Presidente della Società Psicoanalitica Italiana

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.
Le petizioni con più di 5000 firme hanno il 50% di probabilità in più di raggiungere la vittoria!