Il fisco e il rapporto non equitario tra la burocrazia italiana e il cittadino

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


1°riaprire l'iter della rottamazione delle cartelle Equitalia con una rateazione in relazione all'importo dovuto esempio per un debito di 2.500 euro pagamento in 5 rate cosi come da precedente decreto,da 2,500 a 10.000 euro 24 rate oltre 20.000 120 rate.

2° bollo auto inserimento tassa all'interno dell'assicurazione auto , eventualmente con un'importo inferiore del 20% cosi come avvenuto  per il canone rai

3° Cessazione dell'attività commerciale gratuita per tutti gli iscritti alla camera di commercio e comunicazione non più obbligatoria alla camera di commercio ,sarà cura di agenzia entrate o comuni comunicarlo alle camere di commercio,nel momento stesso che un'azienda cessa l'attività ,deve cessare il pagamento del diritto camerale ,per la cessazione farà testo la comunicazione a comune ,agenzia entrate o testimonianza concreta della effettiva cessazione.

4°Le aziende iscritte come inattive presso le camere di commercio devono essere esentate dal pagamento del diritto camerale e iscritte gratuitamente in apposito albo,cosi come gli iscritti al R.E.C.

5° il sostegno al reddito I.N.P.S. (la vecchia disoccupazione ) siano corrisposti al netto delle tasse , evitando al lavoratore con un solo impiego e un unico datore di lavoro , di dover fare il modello 730

 Si dichiara ai sensi del D.L.gs 30 giugno n°196  “ codice in materia di trattamento dei dati personali “ che le informazioni fornite non saranno utilizzate che per la presente petizione.



Oggi: Giuliano Erasmo conta su di te

Giuliano Erasmo Lenzini ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Sergio Mattarella: Il rapporto non equitario tra la burocrazia italiana e il cittadino". Unisciti con Giuliano Erasmo ed 28 sostenitori più oggi.