Fermare i fallimenti e la vendita dei beni messi all'asta dalle banche.

0 hanno firmato. Arriviamo a 35.000.

Paolo Rausa
Paolo Rausa ha firmato questa petizione

Fermare i fallimenti e la vendita all'asta dei beni.
Cambiare la legge che consente alle banche di gettare sul lastrico le famiglie. 

Mario Margari di Casarano (Le) è stato colpito da un provvedimento fallimentare emesso dalla banca locale. I suoi beni del valore di 7 milioni di €, secondo i periti del Tribunale, sono stati messi all’asta per pagare un debito di 800 mila €, ben inferiore al valore del patrimonio. Ma questo non vale, a quanto pare. La banca, con il beneplacito della Magistratura, ha messo all’asta i suoi beni, compreso anche il cinema locale che ora è chiuso, al migliore offerente, a prezzi stracciati fino a concorrenza del debito. Comunque la famiglia sarà privata di tutti i suoi averi, accumulati nel corso di una vita e oltre, e il paradosso è che il ricavato potrebbe non essere sufficiente a ripianare il debito, per quanto di gran lunga inferiore al valore dei beni posseduti.

Come la famiglia Margari, altre famiglie hanno subito la stessa sorte, fra l’altro l’imprenditore Felice Basile di Altamura (Ba) è stato sottoposto allo stesso trattamento, perdendo tutti i suoi beni e la casa, acquistati a costi di molto inferiori a quelli di mercato dagli stessi funzionari bancari. Ecco perché i figli di Mario, Emma, Marcello e Francesco,  hanno detto basta! Hanno denunciato questo procedimento che getta sul lastrico la loro e le altre famiglie, come aveva già fatto Felice Basile. Hanno scritto al Presidente della Repubblica, hanno intessuto i contatti con la famiglia Basile e ora intendono costituire una Associazione che smascheri le banche e questo sistema perverso. Appuntamento il 3 gennaio ore 21 a Casarano in un incontro di discussione, confronto e creazione della associazione, durante il quale verrà presentato il libro di Felice Basile “L’Italia al contrario”, in cui racconta la sua odissea e la spoliazione subita ad opera di istituti bancari che dovrebbero finanziare la crescita (!), invece la distruggono completamente. Per evitare che l’andazzo continui viene lanciata questa petizione al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e al Presidente del Governo Giuseppe Conte, affinché fermino la procedura fallimentare che getta sul lastrico le famiglie e intervengano modificando le procedure fallimentari consentendo loro di provvedere direttamente al pagamento di quanto dovuto ai debitori.
Casarano, 18/12/2019