Chicza, il chewing-gum bio e 100% biodegradabile meriterebbe un’aliquota agevolata al 4%

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


Con questa petizione chiediamo aiuto a tutti Voi affinchè, attraverso un'interpellanza parlamentare, ci si attivi per ridurre l'aliquota IVA del chewing-gum Chicza dal 10% al 4%. I prodotti che non inquinano andrebbero premiati e tutelati, al contrario quelli inquinanti andrebbero penalizzati!

Grazie alla commercializzazione di Chicza si sta contribuendo in maniera diretta alla salvaguardia del secondo polmone verde al mondo, il Gran Peten, e l'intero ecosistema lì presente. Ebbene si, incredibilmente una piccola gomma da masticare riesce a proteggere la seconda foresta più grande al mondo dopo quella Amazzonica.
Inoltre si ridurrebbe drasticamente l'inquinamento ambientale causato dai chewing-gum tradizionali che impiegano 6-7 anni per biodegradarsi, oltretutto inquinando.
Infatti, secondo un autorevole studio svolto dalla Comieco in collaborazione con la GMI (Green Management Institute), sono 23mila le tonnellate di rifiuti che generalmente non vengono smaltiti correttamente e abbandonati per strada ogni anno. E tutto questo ha un costo pazzesco per le Amministrazioni Comunali, già in forte crisi, che si vedono costrette ad intervenire spendendo solo in Italia 16,4 miliardi di euro di soldi pubblici ogni anno per rimuovere quelle odiose macchie multicolori che si vedono nelle piazze, nei marciapiedi e nelle strade di molte città Italiane.
Chicza è la soluzione a questi problemi sia in termini ambientali che economici, essendo completamente biodegradabile proprio perchè composta da soli ingredienti naturali e certificati biologici.
Basterebbe soltanto cogliere questa opportunità che ci stanno dando i nostri amici Chicleros, i veri guardiani della Selva Maya!