Dimissioni del Senatore Vincenzo D'Anna per colpevolizzazione donne vittime di violenza

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


Noi donne che siamo o siamo state vittime di stupro, violenza domestica e della violenza maschile in tutte le sue forme, noi familiari delle donne vittime di femminicidio, noi donne e uomini italiani tutte/-i attivamente impegnate/-i nella lotta alla violenza di genere in ogni sua manifestazione, noi costruttrici e costruttori di una cultura di parità di genere, di rispetto e di non violenza, noi tutte/-i chiediamo al Senatore Vincenzo d'Anna di presentare le proprie immediate DIMISSIONI dalla carica di Senatore della Repubblica Italiana in segno di risarcimento alle donne vittime di stupro e violenza domestica da lui colpevolizzate per gli abusi subiti nel corso delle sue due interviste a Radio Cusano Campus rilasciate il 15 e il 21 settembre 2017 nonché nei successivi post e commenti dal Senatore pubblicati nel suo profilo Facebook personale e di cui esiste registro fotografico. Riteniamo inaccettabile che un rappresentante delle istituzioni detti alle donne codici di abbigliamento (con inviti espliciti a evitare di vestirsi in modo "provocante") e condotta (in termini di orari e modalità di uscita e spazi urbani frequentabili), che attribuisca loro la responsabilità della scelta del partner violento e che le inviti a farsi "esami di coscienza". Riteniamo inaccettabile che si parli della donna in termini di "preda" e "oggetto e fonte di desiderio". Riteniamo altresì inaccettabile la rappresentazione del maschile fatta dal Senatore D'Anna come sesso in balia dei propri istinti "primordiali" e "ancestrali", dei propri "ormoni" e della propria "aggressività", privo di autocontrollo, razionalità e rispetto per l'altro sesso; riteniamo, pertanto, che le dimissioni immediate del Senatore D'Anna risarciscano non solo le donne residenti nel nostro Paese ma anche gli uomini. La colpevolizzazione delle vittime di violenza è violenza; e quando tale colpevolizzazione avviene ad opera di un Senatore della Repubblica è violenza di Stato. Per le ragioni sopra elencate, chiediamo, Senatore Vincenzo D'Anna, le Sue immediate dimissioni dalla carica di Senatore della Repubblica Italiana.



Oggi: Manuela conta su di te

Manuela Lunati ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Senatore Vincenzo D'Anna: Dimissioni del Senatore Vincenzo D'Anna per colpevolizzazione donne vittime di violenza". Unisciti con Manuela ed 2.366 sostenitori più oggi.