Salviamocelo da soli il lago di Bracciano.

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


Abbiamo il "lieto fine". Dopo giorni e giorni di scontri e accuse incrociate la vicenda Acea / Bracciano si risolve all’italiana: Zingaretti prende tempo e regala all’Acea un altro mese di prelievo dell’acqua, seppure a volumi ridotti. La Raggi canta vittoria su twitter, ma l’epilogo è in realtà tragicomico: il lago di Bracciano continua a svuotarsi, l’ecosistema è sempre più a rischio. Ancora una volta la politica si dimostra inefficace.

Tocca a noi cittadini entrare in azione. Questa infatti non è una petizione: considerala una comunicazione di servizio destinata ad un’amministrazione - quella di Virginia Raggi - immobile.

Firma e fai sapere alla Raggi che al lago di Bracciano ci pensi tu. Impegnati a consumare meno acqua potabile. Da subito.

Stai pensando sia impossibile?

Proviamo a fare due calcoli: Acea ha prelevato fino ad ora 1100 litri al secondo dal lago di Bracciano. Si tratta di circa 95 milioni di litri al giorno. Sappiamo che circa il 44% dell’acqua prelevata si perde per strada [ fonte ]. Questo vuol dire che ogni giorno arrivano dal lago nelle case dei cittadini romani - siamo 2.873.494 secondo l’ISTAT - circa 50 milioni di litri di acqua potabile che corrispondono ad un consumo pro capite giornaliero di circa 18 litri.

Come risparmiamo 18 litri d'acqua al giorno?

Facile. Bastano pochi accorgimenti. Lavarsi i denti senza fare scorrere inutilmente l’acqua consente ad esempio di risparmiare in media 20 litri d’acqua potabile al giorno: se lo facessimo tutti da domani, questa misura da sola basterebbe a salvare il lago di Bracciano ed evitare razionamenti! Ed è solo un esempio. Trovate qui una lista dettagliata di consigli.

E il Comune di Roma cosa fa?

Incapace di agire su Acea - che pure, ricordiamocelo, è una azienda municipalizzata - come sta gestendo l’emergenza nel rapporto con i cittadini? Anche qui la risposta è tardiva e grottesca: il 23 luglio - con un ritardo ingiustificabile - compare sulla stampa locale e sull’account di Facebook di Pinuccia Montanari - Assessore all’Ambiente - questa lista di 10 buone pratiche per ridurre gli sprechi di acqua. Dalla pagina Facebook ufficiale del Comune di Roma viene condiviso il post della Montanari. Senza aggiungere una parola.

Stop. Troppo poco. E in ogni caso in ritardo. Il lago di Bracciano avrebbe meritato qualcosa in più: uno straccio di campagna di sensibilizzazione, due spicci di pubblicità su Facebook, per informare i cittadini, per trasformare una emergenza ambientale in una opportunità di educazione civica: risolvere il problema annoso della dispersione idrica in due settimane non è forse possibile, ma restare silenti e immobili non può essere un'alternativa quando si hanno responsabilità di governo.

Mentre aspettiamo Virginia, possiamo cambiare le cose dal basso. Firma e fai sapere alla Raggi che al lago di Bracciano ci pensi tu. Impegnati a consumare meno acqua potabile da subito e a risparmiare i 18 litri di acqua al giorno che consentirebbero di bloccare i prelievi dal lago senza arrivare a razionamenti e disagi per noi cittadini.



Oggi: Marcello conta su di te

Marcello Colacino ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Salviamocelo da soli il lago di Bracciano.". Unisciti con Marcello ed 74 sostenitori più oggi.